MotoGP
28 giu
-
30 giu
Evento concluso
05 lug
-
07 lug
Evento concluso
02 ago
-
04 ago
Evento concluso
09 ago
-
11 ago
Evento concluso
23 ago
-
25 ago
WU in
05 Ore
:
14 Minuti
:
37 Secondi
G
GP di San Marino
13 set
-
15 set
Prossimo evento tra
18 giorni
G
GP di Aragon
20 set
-
22 set
Prossimo evento tra
25 giorni
G
GP della Tailandia
04 ott
-
06 ott
Prossimo evento tra
39 giorni
G
GP del Giappone
18 ott
-
20 ott
Prossimo evento tra
53 giorni
G
GP d'Australia
25 ott
-
27 ott
Prossimo evento tra
60 giorni
G
GP della Malesia
01 nov
-
03 nov
Prossimo evento tra
67 giorni
G
GP di Valencia
15 nov
-
17 nov
Prossimo evento tra
81 giorni

Marquez firma la pole in Austria su Quartararo e Dovi. Rossi 10°

condivisioni
commenti
Marquez firma la pole in Austria su Quartararo e Dovi. Rossi 10°
Di:
10 ago 2019, 13:10

Marquez supera Mick Doohan e firma la 59esima pole in MotoGP. Bene Bagnaia, quinto, mentre Petrucci cade ed è 12esimo.

Che Marc Marquez fosse più a suo agio al Red Bull Ring in questa stagione rispetto al passato lo si era intuito nelle 4 sessioni di libere, ma le Qualifiche del Gran Premio d'Austria lo hanno confermato. Il pilota del team Repsol Honda HRC ha centrato la pole position con un grande tempo: 1'23"027, con cui ha inflitto distacchi abissali a tutti.

Il catalano ha sfruttato perfettamente una gomma morbida al posteriore nell'ultimo tentativo fatto e si è accaparrato la pole numero 87 della carriera nel Motomondiale, la 59esima in MotoGP, con cui ha superato un mostro sacro del calibro di Mick Doohan.

Agli altri non è restato altro che lottare per la seconda posizione, finita nelle mani di un sorprendente Fabio Quartararo, sempre più rookie of the year e sorpresa del 2019. Il francesino mostra tutte le qualità della Yamaha M1 sul giro secco, mettendo entrambi i piloti ufficiali alle sue spalle.

Dietro a Fabio troviamo la prima Ducati Desmosedici GP, ed è quella ufficiale di Andrea Dovizioso. Il forlivese ha perso la seconda posizione per 54 millesimi, superato da Quartararo a bandiera a scacchi ormai esposta. Battere Marquez sul giro secco oggi non era affatto possibile, ma il passo di Andrea sembra buono. Per questo dovrà attendere domani per sfoderarlo e capire se sarà sufficiente per battere il campione del mondo in carica.

Un'altra prova della competitività della Yamaha arriva dal quarto tempo di Maverick Vinales, battuto da Dovizioso per appena 8 millesimi. Così lo spagnolo scatterà dalla prima casella della seconda fila. Una piccola delusione, ma non è nulla rispetto al deludente decimo tempo di Valentino Rossi. Le prime avvisaglie di difficoltà del "Dottore" erano già arrivate nelle Libere 4, poi nelle Qualifiche sono state confermate.

Chi invece ha regalato una grande gioia alla Ducati - a parte Dovizioso - è stato un Francesco Bagnaia in versione campione del mondo di Moto2 che abbiamo visto nel 2018. Il piemontese del team Pramac ha prima passato la tagliola della Q1, poi ha firmato un quinto tempo d'antologia, precedendo la Honda del team LCR affidata al giapponese Takaaki Nakagami.

Alex Rins continua a lottare con la Suzuki GSX-RR su una pista affatto congeniale alle caratteristiche della sua moto. Per questo il settimo tempo finale non è affatto male considerando le difficoltà palesate a inizio settimana. Ci si attendeva molto di più da Jack Miller, solo ottavo dopo essere stato protagonista sia nelle Libere 3 che nelle 4.

Stesso discorso per Cal Crutchlow, nono dopo aver firmato il miglior tempo nella Q1. Il britannico sembrava inizialmente poter ricalcare le orme di Bagnaia in queste Qualifiche, invece si è dovuto accontentare di precedere la Yamaha M1 ufficiale di Valentino Rossi.

Pessime Qualifiche anche per Danilo Petrucci, nettamente la nota stonata di un sabato tutto sommato positivo per la Ducati. Il ternano è finito a terra alla Curva 4 mentre era intento a migliorare il proprio tempo negli ultimi minuti della Q2, mandando all'aria un sabato che avrebbe potuto essere sicuramente migliore.

Per quanto riguarda gli altri italiani troviamo Franco Morbidelli solo 14esimo. Un risultato da dimenticare, se consideriamo che a parità di moto Fabio Quartararo è riuscito a firmare il secondo tempo. Andrea Iannone, invece, ha battuto il suo compagno di squadra Aleix Espargaro, ma è una consolazione da poco considerando che ha firmato il 18esimo tempo. E pensare che nel 2016, proprio su questa pista, ha ottenuto la sua prima e sino a ora unica vittoria in MotoGP...

Cla # Pilota Moto Tempo Gap km/h
1 93 Spain Marc Márquez Alenta Honda 1'23.027   187.572
2 20 France Fabio Quartararo Yamaha 1'23.461 0.434 186.597
3 4 Italy Andrea Dovizioso Ducati 1'23.515 0.488 186.476
4 12 Spain Maverick Viñales Yamaha 1'23.523 0.496 186.458
5 63 Italy Francesco Bagnaia Ducati 1'23.652 0.625 186.171
6 30 Japan Takaaki Nakagami Honda 1'23.669 0.642 186.133
7 42 Spain Alex Rins Suzuki 1'23.681 0.654 186.106
8 43 Australia Jack Miller Ducati 1'23.688 0.661 186.091
9 35 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 1'23.754 0.727 185.944
10 46 Italy Valentino Rossi Yamaha 1'23.817 0.790 185.804
11 44 Spain Pol Espargaro KTM 1'23.866 0.839 185.696
12 9 Italy Danilo Petrucci Ducati 1'23.964 0.937 185.479
13 88 Portugal Miguel Oliveira KTM 1'24.130 1.103 185.113
14 21 Italy Franco Morbidelli Yamaha 1'24.270 1.243 184.805
15 53 Spain Tito Rabat Ducati 1'24.389 1.362 184.545
16 5 France Johann Zarco KTM 1'24.392 1.365 184.538
17 17 Czech Republic Karel Abraham Ducati 1'24.423 1.396 184.471
18 29 Italy Andrea Iannone Aprilia 1'24.526 1.499 184.246
19 41 Spain Aleix Espargaro Aprilia 1'24.749 1.722 183.761
20 55 Malaysia Hafizh Syahrin KTM 1'24.759 1.732 183.739
21 6 Germany Stefan Bradl Honda 1'25.020 1.993 183.175
Prossimo Articolo
MotoGP, Red Bull Ring, Libere 4: Vinales al top. Rossi 16°

Articolo precedente

MotoGP, Red Bull Ring, Libere 4: Vinales al top. Rossi 16°

Prossimo Articolo

MotoGP: il Red Bull Ring rimarrà in calendario sino al 2025

MotoGP: il Red Bull Ring rimarrà in calendario sino al 2025
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP d'Austria
Sotto-evento Q2
Autore Giacomo Rauli