Marquez: “Finita la striscia di pole, finirà quella di vittorie”

Marc Marquez aveva conquistato la pole position negli ultimi sette anni al Sachsenring in MotoGP, una striscia che questo sabato si è interrotta perché il pilota Honda si è piazzato in quinta posizione.

Marquez: “Finita la striscia di pole, finirà quella di vittorie”

L’idillio tra Marc Marquez e il Sachsenring si è concluso questo sabato dopo la qualifica. Sulla pista tedesca il pilota Honda vantava sette pole position e altrettante vittorie consecutive in MotoGP, oltre alle tre nelle classi minori. La causa dell’interruzione di questa striscia è da attribuire alle limitazioni fisiche che condizionano il pilota, tornato a Portimao lo scorso 18 aprile dopo nove mesi di assenza dalle gare.

Marquez è pienamente consapevole della propria situazione fisica e dei problemi di Honda: “Non sono rimasto male per non aver fatto la pole position, perché non ho mai pensato di poterla conquistare, dopo che venivo da due circuiti in cui facevo anche fatica a rientrare nel Q2. L’obiettivo era lottare ed essere il più vicino possibile ai piloti davanti e ci siamo riusciti. La striscia di pole è finita e domani finirà anche quella di vittorie. Non siamo in condizioni di vincere, ma vediamo se possiamo essere più vicini ai primi, che poi è l’obiettivo”.

Il pilota Honda è stato uno di quelli che ha girato di più nei test di Barcellona di due settimane fa e questo weekend ha introdotto alcune novità, compreso un pacchetto aerodinamico: “Nei test al Montmelo abbiamo completato molti giri, abbiamo provato tante cose e abbiamo provato a capire. Ma la verità è che qui siamo con la stessa moto con cui abbiamo corso nella gara di Barcellona. Abbiamo cambiato piccole cose per tornare al passato e cercare una base che conoscessi, altrimenti è impossibile trovare la strada dell’evoluzione”.

 

Una strada che crede sia quella giusta e che comincia a portare frutto: “In questo modo, tutti i passi che stiamo facendo nel nostro lato del box ci portano a migliorare. Ad altri piloti Honda piace quello che provano, quindi andiamo in una direzione accettabile, buona. Ma non è sufficiente per uscire dalla situazione attuale. Con la Honda abbiamo molti spaventi, tante cadute, andiamo al limite. Andiamo meglio su questa pista, ma non come gli altri anni. Non abbiamo ritmo e non andiamo più veloci degli altri come altre volte qui”.

Anche se non vuole sentire parlare di vittoria, i miglioramenti nel rendimento sono stati evidenti questo fine settimana: “Su questo circuito dobbiamo goderci la gara, siamo più vicini ai primi, ma quando arriveremo in Olanda temo che saremo nella stessa situazione di Barcellona”.

Con queste prospettive, gli viene chiesto a cosa può ambire domani: “È una bella domanda. Ci sono tre piloti, Zarco, Quartararo e Oliveira, che hanno il miglior ritmo e che in gara fanno sempre un passo in più. Quindi, essendo ottimisti e allo stesso tempo realisti, finire nelle prime cinque posizioni sarebbe un gran risultato. Chiude in top 5 e con il minor distacco possibile dal primo darebbe una buona giornata per noi”.

Al momento, il pilota Honda non vuole immaginare di tornare sul podio: “Non si può pensare alla vittoria, perché non ci sono i presupposti. Chiudere nei primi cinque è un obiettivo reale, ma deve anche venire un po’ fuori. Il podio non è così da escludere, ma deve uscire fuori la gara perfetta, che a volte è difficile che accada”.

condivisioni
commenti
Rossi: "Con queste gomme non sfrutto i miei punti di forza"

Articolo precedente

Rossi: "Con queste gomme non sfrutto i miei punti di forza"

Prossimo Articolo

Bagnaia: "Parliamo di sicurezza poi tanti fanno come in Moto3"

Bagnaia: "Parliamo di sicurezza poi tanti fanno come in Moto3"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021