Marquez: “È l’inizio del mio ritorno, ma non guardo al mondiale”

Marc Marquez si mostra felicissimo del settimo posto conquistato nella sua gara di rientro, a Portimao, e chiede tranquillità, necessaria per rispettare i tempi richiesti per tornare alla sua migliore versione.

Marquez: “È l’inizio del mio ritorno, ma non guardo al mondiale”

Marc Marquez non è famoso per essere uno sportivo dalla lacrima facile e per questo ha colpito il fatto che non sia riuscito a trattenere il pianto appena rientrato ai box dopo una gara che per lui ha avuto diverse fasi: la prima in cui ha cercato la posizione all’interno del gruppo do testa, la seconda in cui ha trovato il suo ritmo e ha iniziato a rimontare e la terza ed ultima in cui ha dovuto dosare le forze per poter passare sotto la bandiera a scacchi, più di 500 dopo l’ultima volta.

Dopo il calvario dell’ultimo anno, in cui è anche arrivato a dubitare se potesse tornare a gareggiare, la posizione finale era il suo ultimo pensiero. Eppure, chiudere a 13 secondi dal vincitore Fabio Quartararo è un motivo per essere più che soddisfatto.

“Normalmente mi trattengo le emozioni, ma quando sono arrivato al box, con i miei meccanici, non sono riuscito a controllarmi e sono esploso. Spero che sia l’inizio del mio ritorno. Questo è il passo più importante del mio recupero. In maniera diversa, ma sono tornato a sentirmi un pilota. Mentalmente mi sono liberato”, ha affermato Marquez, che insiste ancora una volta sul fatto che il cammino è ancora lungo prima di potersi porre gli obiettivi a cui aspirava abitualmente.

 

Lo spagnolo, che tuttavia è stato il migliore dei piloti Honda, ha dichiarato: “Ho già avvisato che non sarei stato lo stesso Marc da un giorno all’altro, ma è andata molto meglio di quanto mi aspettassi. Sto facendo la mia pre-stagione. Avrei bisogno di test privati, ma sono vietati. L’obiettivo non è il mondiale, ma recuperare il mio livello”.

Marquez è partito dalla sesta casella della griglia di partenza ed è arrivato ad occupare la quarta posizione nelle prime fasi di gara, prima che gli ‘squali’ mostrassero tutta la loro aggressività e cominciassero ad inghiottirlo: “La parte più dura della gara sono stati i primi giri, perché mi sentivo fuori posto. È come quando giochi a calcio a scuola con i ragazzi più grandi. Non avevo il ritmo né il controllo della moto per poter stare lì. Sono andato in progressione, ma negli ultimi giri mi sono limitato a girare perché non riuscivo toccare terra con il gomito”.

Ora il catalano dovrà riposarsi e allenarsi meno di quanto vorrebbe per dare ascolto ai medici: “Tornare a correre significa che a casa dovrò allenarmi di meno. Ora, tra le gare, non potrò andare in moto. La carica di stress sull’osso deve crescere in maniera progressiva. I medici mi hanno permesso di tornare a correre e ora devo ascoltarli”.

condivisioni
commenti
Bagnaia: "Contento, ma se fossi partito più avanti..."

Articolo precedente

Bagnaia: "Contento, ma se fossi partito più avanti..."

Prossimo Articolo

Fotogallery MotoGP: il trionfo di Quartararo a Portimao

Fotogallery MotoGP: il trionfo di Quartararo a Portimao
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP del Portogallo
Sotto-evento Gara
Location Algarve International Circuit
Piloti Marc Márquez Alenta
Team Repsol Honda Team
Autore Oriol Puigdemont
MotoGP: scatta l'allarme sicurezza per le velocità troppo alte Prime

MotoGP: scatta l'allarme sicurezza per le velocità troppo alte

I paurosi incidenti visti a Jerez hanno fatto scattare l'allarme tra i piloti per le velocità elevate raggiunte dalle MotoGP, ma convincere i costruttori a fare un passo indietro sembra davvero difficile.

MotoGP
7 mag 2021
Rossi: quanto è amaro dirsi addio Prime

Rossi: quanto è amaro dirsi addio

Valentino Rossi sta attraversando il più difficile avvio di stagione della carriera. Appena quattro punti in altrettante gare. Lontano dalla top15, il Dottore rischia di vivere una lenta stagione da incubo in attesa di ufficializzare una decisione che, onestamente, sarebbe stato bene intraprendere anni fa

MotoGP
5 mag 2021
Ceccarelli: "Un allarme per la MotoGP il guaio di Quartararo" Prime

Ceccarelli: "Un allarme per la MotoGP il guaio di Quartararo"

Franco Nugnes, in compagnia del Dottor Ceccarelli, affronta il tema dell'ennesimo caso di sindrome compartimentale in MotoGP. Fabio Quartararo si è dovuto arrendere al dolore durante il GP di Spagna: classe regina in allarme?

MotoGP
5 mag 2021
Miller: il sostegno psicologico arrivato dalla moglie di Crutchlow Prime

Miller: il sostegno psicologico arrivato dalla moglie di Crutchlow

Dopo un avvio di stagione da dimenticare, Jack Miller è riuscito ad ottenere la prima vittoria con Ducati a Jerez ed ha svelato come un grande aiuto psicologico sia arrivato dalla moglie del suo grande amico Cal Crutchlow.

MotoGP
4 mag 2021
Pagelle MotoGP: Riscatto Miller, Rossi a fondo Prime

Pagelle MotoGP: Riscatto Miller, Rossi a fondo

Tanti promossi e tanti bocciati al Gran Premio di Spagna di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Beatrice Frangione e Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com

MotoGP
4 mag 2021
Ducati: la doppietta di Jerez è una "svolta" epocale Prime

Ducati: la doppietta di Jerez è una "svolta" epocale

Sono almeno tre le svolte a cui abbiamo assistito a Jerez: quella della Desmosedici GP, che finalmente "gira" anche su una pista stretta. Quella della stagione di Jack Miller, che ha risposto con una vittoria ad un avvio di stagione deludente. E la trasformazione di Pecco Bagnaia in un top rider a tutti gli effetti, arrivata con la leadership in campionato.

MotoGP
3 mag 2021
MotoGP, GP di Spagna: animazione grafica della gara Prime

MotoGP, GP di Spagna: animazione grafica della gara

Andiamo a rivivere l'emozione del GP di Spagna di MotoGP in questa nostra animazione graficca

MotoGP
3 mag 2021
MotoGP: la griglia di partenza del GP di Spagna Prime

MotoGP: la griglia di partenza del GP di Spagna

Andiamo a scoprire insieme la griglia di partenza del GP di Spagna, quarta prova del Campionato del Mondo 2021 di MotoGP.

MotoGP
2 mag 2021