Marquez: "Dopo Motegi la mia spalla non è al massimo, ma domani voglio provare a vincere"

condivisioni
commenti
Marquez:
Oriol Puigdemont
Di: Oriol Puigdemont
17 nov 2018, 16:20

Il campione del mondo è stato protagonista di una qualifica superba conclusa con il quinto tempo dopo la caduta sulla spalla già infortunata. Marc non vuole arrendersi e pensa già alla gara di domani.

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez è stato uno dei grandi protagonisti della sessione di qualifiche andata in scena sul tracciato di Valencia.

Il campione del mondo, in cerca della decima vittoria dell’anno che coronerebbe una stagione praticamente perfetta, ha affrontato la sessione pomeridiana andando subito alla caccia della pole, ma nel corso del Q2 è stato protagonista di una caduta ad oltre 130 Km/h che potrebbe pregiudicare la sua rincorsa al successo numero 10.

Leggi anche:

Lo spagnolo è rotolato a gran velocità nella ghiaia e sfortunatamente, nell’impatto, ha urtato con la spalla sinistra, la stessa che già in questa stagione gli ha dato molti problemi.

“Dopo Motegi la spalla non è al massimo” ha affermato Marquez.

“Ho avuto sfortuna perché sono caduto al primo giro anche se non stavo spingendo perché non avevo molta fiducia. Il dolore era molto forte, ma sono voluto tornare in moto per cercare di ottenere un buon piazzamento in griglia. Il problema principale è che sono caduto con la moto numero uno”.

Marc , dopo la caduta, è tornato ai box per sottoporsi alle prime cure e dall’incidente al suo rientro in pista sono passati appena sei minuti.

“Sono stato in grado di uscire dopo che i medici mi hanno dato l’ok. Sono riuscito a salvare il salvabile con il quinto tempo e la seconda fila”.

Marquez ha già fissato la data dell’intervento per mettere la parola fine alle sue sofferenze, ma prima dovrà attendere la conclusione dei test che si disputeranno questo mese a Valencia e Jerez.

“Il problema deriva dal fatto che non ci siamo fermati e l’infortunio è ancora presente. Per questo motivo mi sottoporrò ad un intervento a dicembre. Sarà importante svolgere questi test considerando anche l’assenza di Crutchlow. La cosa positiva è che i muscoli della spalla sono forti. Se non mi sentissi in forma non sarei qui. Quando guido sento dolore e sono contento che questa sia l’ultima gara stagionale”.

Nonostante l’ennesimo infortunio, il campione del mondo è riuscito a centrare il quinto tempo con un decimo di ritardo dalla pole firmata Vinales e domani cercherà di chiudere la stagione con un altro successo.

“Mi sento preparato sia con l’asciutto che con il bagnato” ha concluso lo spagnolo.

Prossimo Articolo
Iannone: "Potevo fare la pole, ma abbiamo sbagliato cambiando solo la gomma posteriore"

Articolo precedente

Iannone: "Potevo fare la pole, ma abbiamo sbagliato cambiando solo la gomma posteriore"

Prossimo Articolo

Vinales: "E' stato incredibile passare dalla Q1 alla pole. Domani darò il massimo per centrare il successo"

Vinales: "E' stato incredibile passare dalla Q1 alla pole. Domani darò il massimo per centrare il successo"
Carica commenti