Marquez davanti a Lorenzo nei test di Jerez de la Frontera

Marc Marquez ha preceduto per appena 19 millesimi di secondo il connazionale della Yamaha. Terzo crono per la Suzuki di Vinales, poi Valentino Rossi. La Michelin ha portato tre nuove gomme anteriori da provare.

Marquez davanti a Lorenzo nei test di Jerez de la Frontera
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing leads at the start
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Andrea Iannone, Ducati Team
Maverick Viñales, Team Suzuki MotoGP
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing and Marc Marquez, Repsol Honda Team
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing and Marc Marquez, Repsol Honda Team
Andrea Iannone, Ducati Team
Aleix Espargaro, Team Suzuki MotoGP and Maverick Viñales, Team Suzuki MotoGP
Andrea Dovizioso, Ducati Team

Il lunedì post Gran Premio è solitamente una giornata che i team di MotoGP dedicano al rientro alle rispettive basi, invece oggi sono stati impegnati in una giornata di test sul tracciato di Jerez de la Frontera che, nel fine settimana appena terminato, ha ospitato il quarto appuntamento della stagione 2016 della classe regina delle due ruote.

Molte squadre hanno approfittato della giornata di prove per testare nuove componenti, mentre la Michelin ha fatto debuttare tre nuovi tipi di pneumatici anteriori - di costruzione differente - mentre quelle posteriori sono rimaste le medesime utilizzate nel weekend andaluso.

Il più veloce della giornata odierna è stato Marc Marquez, in sella alla sua Honda HRC RC213V numero 93. Il catalano ha fermato il cronometro in 1'39"313, mentre Daniel Pedrosa si è dovuto accontentare del quinto tempo, staccato di oltre tre decimi dal compagno di squadra. Sulle Honda è stata montata una versione aggiornata delle alette, la quarta stagionale, ma anche un nuovo forcellone che hanno provato sia Marquez che Pedrosa. Lavoro anche sulle mappature per migliorare il comportamento del motore.

Secondo a soli 19 millesimi di secondo da Marquez ecco Jorge Lorenzo. Valentino Rossi, fresco della vittoria colta ieri pomeriggio, si è invece fermato al quarto posto della graduatoria odierna, a 333 millesimi dal pilota di punta del team HRC. Sia Lorenzo che Rossi hanno provato un differente posizionamento del serbatoio sulla M1, ma anche un nuovo layout dello scarico provato solo dal maiorchino e già utilizzato da Rossi.

Terzo crono per Maverick Vinales con la prima delle Suzuki GSX-RR. Lo spagnolo si è fermato a 223 millesimi di secondo dal connazionale della Honda e ha potuto concentrarsi sulla messa a punto della sua moto. Aleix Espargaro si è piazzato ai confini della Top Five, non andando oltre il sesto tempo e facendo test riguardo l'elettronica sulla sua GSX-RR. Entrambi gli alfieri Suzuki hanno compiuto il test utilizzando il telaio 2015.

Cal Crutchlow si è issato alle spalle di Aleix Espargaro con la sua Honda RC213V gestita dal team di Lucio Cecchinello. Dietro il britannico ecco la prima delle Ducati, quella di Andrea Iannone, ottavo, mentre Andrea Dovizioso ha completato la Top Ten. Il forlivese ha provato nuovamente una forcella anteriore già provata nei test in Qatar e ha così potuto valutarla al meglio. Probabilmente sarà già usata a partire dalla prossima gara, prevista a Le Mans. Iannone, così come Dovizioso, si è concentrato sulla valutazione delle nuove gomme anteriori provate dalle Michelin.

Davanti a "DesmoDovi" si è classificato Pol Espargaro, ancora una volta il pilota più veloce dei due Yamaha Tech3. Lo spagnolo ha lavorato sull'elettronica, mentre Bradley Smith sul comportamento della sospensione posteriore.

Per quanto riguarda Aprilia, Alvaro Bautista e Stefan Bradl hanno provato un nuovo telaio, un nuovo forcellone e anche alcune nuove componenti del motore della RS-GP 2016. Ricordiamo infatti che la casa di Noale può sfruttare le concessioni e modificare il motore nel corso della stagione, contrariamente a Yamaha, Honda e Ducati.

Posizione Pilota Team Tempo
1  Marc Marquez Repsol Honda Team 1:39.313
2  Jorge Lorenzo Yamaha Factory Racing 1:39.332
3  Maverick Vinales Team Suzuki ECSTAR 1:39.536
4  Valentino Rossi Yamaha Factory Racing 1:39.632
5  Dani Pedrosa Repsol Honda Team 1:39.646
6  Aleix Espargaro Team Suzuki ECSTAR 1:39.682
7  Cal Crutchlow Team LCR 1:39.812
8  Andrea Iannone Ducati Team 1:39.879
9  Pol Espargaro Tech 3 1:39.942
10  Andrea Dovizioso Ducati Team 1:40.027
11  Bradley Smith Tech 3 1:40.335
12  Yonny Hernandez Aspar Racing Team 1:40.351
13  Stefan Bradl Aprilia Racing Team Gresini 1:40.674
14  Jack Miller Estrella Galicia 0,0 Marc VDS 1:40.681
15  Scott Redding Octo Pramac Yakhnich 1:40.844
16  Tito Rabat Estrella Galicia 0,0 Marc VDS 1:40.919
17  Alvaro Bautista Aprilia Racing Team Gresini 1:40.960
18  Michele Pirro Octo Pramac Yakhnich 1:41.442
19  Eugene Laverty Aspar Racing Team 1:41.462
condivisioni
commenti
Effetto Valentino: ottimi ascolti su Sky per il GP di Spagna

Articolo precedente

Effetto Valentino: ottimi ascolti su Sky per il GP di Spagna

Prossimo Articolo

Valentino: "Preferisco la moto con il serbatoio tradizionale"

Valentino: "Preferisco la moto con il serbatoio tradizionale"
Carica commenti
Pagelle MotoGP: Marquez, un ritorno da 8,5 Prime

Pagelle MotoGP: Marquez, un ritorno da 8,5

Tanti promossi e tanti bocciati in questo Gran Premio del Portogallo, terza tappa di MotoGP. Ecco le pagelle stilate da Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com, e commentate in compagnia di Marco Congiu.

Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi Prime

Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi

Le prime tre gare della MotoGP 2021 hanno iniziato a dare un'indicazione di quelli che potrebbero essere i valori in campo e quelli che si sono proposti con più regolarità al vertice sono Fabio Quartararo e Pecco Bagnaia. E lo hanno fatto in particolare a Portimao, su una pista su cui lo scorso novembre avevano sofferto tantissimo, dando una forte segnale di maturazione.

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo Prime

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo

Andiamo a scoprire insieme la Griglia di Partenza del Gran Premio del Portogallo, terza prova del campionato del mondo 2021 di MotoGP

MotoGP
18 apr 2021
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021