Marquez: “Cerco la pioggia come i piloti in difficoltà”

Marc Marquez, che nella gara di Le Mans chiuderà la seconda fila della griglia di partenza, preferirebbe correre sul bagnato per minimizzare la mancanza di preparazione fisica che ancora si porta dietro.

Marquez: “Cerco la pioggia come i piloti in difficoltà”

Con due gran premi disputati dopo il suo rientro, Marc Marquez sta recuperando pian piano la sua forma fisica, per quanto la poca intensità che mette nella preparazione fisica su consiglio dei medici gli impedisce ancora di guidare come vorrebbe.

Sia in Portogallo che a Jerez, il pilota Honda ha pianificato due gare con una strategia basata sul dosare le forze per arrivare agli ultimi giri non stremato. Questo piano è lo stesso che userà a Le Mans nel caso la gara si disputasse sull’asciutto. Questa opzione però sembra poco probabile, viste le previsioni meteo.

Dal suo debutto in MotoGP nel 2013, questa è la prima volta che sentiamo Marquez invocare la pioggia, perché si trova in una posizione per cui aumenterebbero le possibilità di lasciare la Francia con un buon risultato, magari anche un podio.

 

“Sull’asciutto il podio è impossibile al 95%. Se corriamo sotto l’acqua le possibilità aumentato, sia per fare zero sia per fare podio”, ha dichiarato Marquez, che nella terza sessione di prove libere è stato il più veloce, tornando davanti a tutti 300 giorni dopo l’ultima volta in cui ha comandato una sessione. È stato infatti il warmup del Gran Premio di Spagna del 2020, poco prima che iniziasse il suo calvario.

“Sull’acqua mi sento bene, sono come quei piloti che non stanno in forma, quelli del gruppo di dietro che cercano di pescare qualcosa nella pioggia. Sull’asciutto so dove posso arrivare, intorno alla quinta, sesta o settima posizione”.

Dopo l’ultima visita medica, i chirurghi che lo hanno operato lo scorso inverno lo hanno autorizzato ad intensificare un po’ il proprio allenamento e anche a salire in moto tra un gran premio e l’altro, ma un solo giorno. Questo dovrebbe permettergli di accelerare un po’ il recupero del tono che ha perso, soprattutto su braccio e spalla destri, che tanto lo condizionano in pista.

“È difficile dira quando sarò al 100% fisicamente. In palestra, alcuni muscoli li ho all’80%, altri al 50%. Soffro maggiormente sulla parte posteriore della spalla. Due inverni fa mi sono operato lì e quell’infortunio non è ancora del tutto recuperato, perché c’è stato un po’ di danno nel nervo – ha rivelato lo spagnolo che, fedele ai suoi principi, cerca un modo per equilibrare il deficit rispetto al lato sinistro – provo a guadagnare tempo nelle curve a sinistra, per questo rischio di più e sono caduto a Jerez”.

Un altro dei sintomi che dimostrano che il pilota HRC ancora ha molta strada da fare prima di arrivare alla sua migliore versione è la poca voglia di fare un cambio di moto in una eventuale gara flag-to-flag, che invece è una delle sue specialità di sempre: “In questo momento non mi va, perché quando la moto mi fa qualcosa di strano, un movimento brusco, sento che ancora non la controllo al 100% e non mi sento totalmente sicuro”.

condivisioni
commenti
Bagnaia: "Sono pronto a fare una rimonta come a Portimao"

Articolo precedente

Bagnaia: "Sono pronto a fare una rimonta come a Portimao"

Prossimo Articolo

Quartararo: “Se la gara è bagnata non sarò primo per molti giri”

Quartararo: “Se la gara è bagnata non sarò primo per molti giri”
Carica commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021