Marquez: “Abbiamo provato il nuovo telaio, ma preferisco l'altro”

Secondo alla fine delle prove libere a Brno, il pilota Honda arriva al sabato di qualifica sicuro delle proprie potenzialità, forte dei dati raccolti durante il venerdì. Promuove il nuovo telaio ma predilige il vecchio e continua a restare nelle prime posizioni nonostante la pista non si adatti alla sua moto.

Marquez: “Abbiamo provato il nuovo telaio, ma preferisco l'altro”

Al rientro dalla pausa estiva, Marc Marquez prende le misure ed inizia in maniera cauta il suo fine settimana di gara a Brno. Su una pista che sulla carta non è particolarmente favorevole alla Honda, il Campione in carica chiude le due sessioni di prove libere con il secondo crono nella classifica dei tempo combinata e paga 23 millesimi di ritardo dal leader di giornata, Fabio Quartararo.

Lo spagnolo però non appare troppo preoccupato, il lavoro svolto in questo venerdì ceco lo fa arrivare al sabato di qualifica con le idee piuttosto chiare ed in una posizione decisamente buona, considerando che il meteo non si preannuncia clemente. Tra gomme e telaio, Marquez archivia le due sessioni di prove libere con positività e fiducia: “L’obiettivo principale di oggi era ritrovare le sensazioni e la fiducia sulla moto, abbiamo trovato tutto ed abbiamo iniziato a provare i due telai. Domani sia io sia il team vogliamo le due moto uguali, dato che il tempo si prevede piuttosto stabile. Continuo a sentirmi un pochino più a mio agio con il telaio che abbiamo usato fino ad ora, perché lo conosco, ci ho vinto cinque gare e mi ci trovo bene”.

Leggi anche:

Sia Marquez sia Honda hanno focalizzato la loro attenzione proprio sul telaio, grande novità della RC213V che è stata provata nei test di Barcellona anche da Jorge Lorenzo. Nonostante il sette volte campione del mondo preferisca quello vecchio, continua a lavorare anche sul nuovo, portato a Brno: “Il nuovo telaio ha un potenziale reale, per questo continuiamo ad utilizzarlo ed a provarlo. Quando vieni da gare brutte, è più facile cambiare, al contrario è più difficile cambiare quando con questo telaio ci hai vinto gare e ti sei sempre sentito bene. La squadra mi dice di provarlo ed io lo faccio, do un feedback e do indicazioni”.

“Jorge lo ha usato – prosegue – ne ha avuti due e li ha usati al test di Montmelo. Anche ad Assen l’ha usato, ma è caduto e non ha più potuto provarlo. Cal lo proverà lunedì forse, ma quando provi i pezzi devi andare al limite della moto, quando lo provi ad un secondo dal record del circuito va in un’altra maniera. Ognuno lavora in direzioni diversi per provare ad avere una moto più completa”.

 

Un ruolo fondamentale lo avranno anche le gomme, che ha provato durante entrambe le sessioni: “Le anteriori sono troppo morbide per me, probabilmente Michelin ha controllato il meteo e ha portato le stesse mescole. Sicuramente una delle cose su cui stiamo lavorando quest’anno è sapere come possiamo lavorare con questo tipo di gomme, perché sono quelle che abbiamo. Per ora, prediligo la dura all’anteriore, non perdo molto, mentre con la media sì”.

Marquez poi torna a parlare del weekend in corso e tiene d’occhio gli avversari. Nonostante sia dietro solo a Fabio Quartararo, il catalano sa che deve guardarsi le spalle da molti avversari, su una pista ostica alla sua moto. Ma già dal venerdì fa le sue previsioni e tiene in considerazione i rivali principali: “Anche se guardi la classifica e vedi Quartararo primo, a livello di ritmo credo che Dovizioso continui ad essere il pilota più completo qui, poi le due Yamaha sono più forti dell’anno scorso e possono lottare come minimo per il podio. Se l’anno scorso c’erano solo le Ducati, quest’anno ci sono anche le Yamaha e Rins, che ha fatto delle buone libere”.

Informazioni aggiuntive di Oriol Puigdemont

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
1/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
2/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
3/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
4/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
5/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
6/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
7/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
8/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
9/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ducati: nuova carena con una sola ala più grande sui lati

Articolo precedente

Ducati: nuova carena con una sola ala più grande sui lati

Prossimo Articolo

Crutchlow risponde a Nakagami: “Non merita la mia moto”

Crutchlow risponde a Nakagami: “Non merita la mia moto”
Carica commenti
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia" Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia"

Il Gran Premio di San Marino di MotoGP ha regalato tanti promossi e tanti bocciati. Da un perfetto Bagniaia, un sorprendente Bastianini, fino ad arrivare alla delusione Dovizioso, ecco le pagelle stilate e commentate da Franco Nugnes e Matteo Nugnes.

MotoGP
20 set 2021
MotoGP, Lap Chart del GP di San Marino Prime

MotoGP, Lap Chart del GP di San Marino

A Misano, Bagnaia si ripete. Un successo arrivato dopo una gara impeccabile. Ripercorriamo, grazie alla nostra animazione grafica, tutte le emozioni del Gran Premio di San Marino.

MotoGP
20 set 2021
MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

MotoGP
19 set 2021
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021