Marquez: "Niente test, a metà marzo il controllo decisivo"

Il pilota della Honda ha rivelato che certamente salterà i test pre-campionato e che se la visita di controllo di metà marzo avrà esito positivo, potrà finalmente iniziare a stilare un programma di recupero. La sua speranza è di fare in tempo per essere al via alla prima gara in Qatar, anche se non sarà facile.

Marquez: "Niente test, a metà marzo il controllo decisivo"

L'unica certezza per il momento è che Marc Marquez non prenderà parte ai test in Qatar. L'ultimo controllo con i medici che lo hanno operato per la terza volta a Madrid è andato bene, perché l'osso sta iniziando a consolidarsi, ma i tempi sono troppo stretti per pensare di rivederlo in sella alla sua RC213V nei cinque giorni di prove collettive che si disputeranno sul tracciato di Losail (6-7 marzo e poi 10-12 marzo).

Se durante la presentazione della Honda Repsol di stamattina non era stato così diretto, il pilota di Cervera ha fatto chiarezza nell'incontro virtuale avuto con i media subito dopo. Le tempistiche saranno più chiare alla metà del mese prossimo, quando l'otto volte campione del mondo si sottoporrà ad una nuova visita di controllo e in base all'esito di quella potrà stabilire una tabella di marcia per il rientro, che spera ancora possa avvenire per la prima gara in Qatar.

Realisticamente, la sensazione però è che ci possa volere anche qualcosina in più, perché Marc non ha ancora avuto modo di ricominciare ad allenarsi in moto e per il momento sul braccio destro può forzare molto poco. Una volta rientrato, il target primario sarà tornare a divertirsi senza pensare troppo ai risultati. Solo in questo modo pensa di poter tornare il Marquez che conosciamo tutti, anche se non è chiaro quanto tempo ci vorrà.

"Due settimane fa l'obiettivo era andare ai test in Qatar, ma quando sono andato all'ultimo controllo il medico ha detto di no, che non avrei fatto in tempo. Ma ad essere onesti, se oggi mi dicono che sto bene, domani non posso salire su una moto", ha spiegato Marquez. "A metà marzo ho un'altra valutazione e poi vedremo se potrò essere pronto per la prima gara in Qatar. Fino ad allora dobbiamo aspettare e poi iniziare un recupero più intenso, cercando di capire se ci potranno essere complicazioni. Se non ce la dovessi fare, l'obiettivo sarà la seconda gara in Qatar. Se non sarà quella, penseremo a Portimao".

La speranza di essere alla prima gara in Qatar quindi c'è ancora?
"Non posso dare scadenze, il controllo di metà febbraio è stato molto buono. Il consolidamento dell'osso sta andando molto bene e questa è la priorità. Ci sono muscoli su cui non lavoro da luglio, soprattutto nella spalla, ma sono sempre ottimista. La mia speranza è sempre di tornare in Qatar, ma se non c'è l'ok nel prossimo controllo, non potrò andare. Nella prossima visita, a metà marzo, vedremo come sta l'osso e pianificheremo il programma. Non appena il medico mi darà l'ok, dovrò pianificare una preparazione fisica accettabile per guidare una MotoGP, quindi la mia pre-stagione inizierà con la mia prima gara e poi vedremo quanto tempo mi ci vorrà per arrivare al mio livello ottimale".

Come mai questo infortunio è stato così prolungato?
"Quello che è successo è che dopo una settimana sono salito su una moto. La decisione è stata presa da tutti noi insieme e l'errore è di tutti. Non c'è bisogno di puntare il dito. Abbiamo parlato dei medici, ma tante volte sono stati presi questi rischi e quando va bene nessuno dice mai niente. Quando va male, si può solo imparare dall'errore. Quando succedono cose come questa, bisogna avere più opinioni ed è qualcosa che farò se ricapiterà una situazione come questa. Ora ho quasi piena mobilità del braccio, ma ho poca forza, perché non stiamo lavorando con entrambe le braccia allo stesso modo. Con quella destra non posso usare più di due o tre chili. Questo è quello che ha previsto il medico e siamo nei tempi prestabiliti. Con l'altro braccio però posso sollevare l'80% in più in questo momento".

Hai già guidato una moto?
"Non ho ancora toccato una moto. Nella presentazione ho partecipato solo alle foto, non ai video sulla moto. Ma ieri per la prima volta ho usato una bici, solo mezz'ora, ma il medico mi ha dato l'ok".

Leggi anche:

Ci sono state delle dichiarazioni del dottor Costa, che è stato piuttosto critico sulle tue operazioni. Cosa ne pensi?
"Ovviamente, non condivido le dichiarazioni del dottor Costa. Apprezzo quello che ha fatto per il motociclismo, ma tanta gente ha parlato senza sapere perché sia stata fatta ogni cosa. Il dottor Costa ha detto ha poteva mettermi un chiodo nel braccio, ma io non posso perché avevo già avuto un'operazione su quel braccio. La piastra era ben posizionata, il problema è stato forzare e sollecitarla. Una seconda operazione è stata fatta quando si è rotta la placca, con la sfortuna che c'è stata anche un'infezione. Senza infezione, sarebbe stato diverso. Con il mio entourage abbiamo pensato a cosa sarebbe stato meglio ed abbiamo deciso di andare a Madrid per una nuova operazione. Hanno fatto un ottimo lavoro. Se domani avrò un infortunio, il primo medico da cui andrò sarà comunque il dottor Mir, che è il mio medico, ma avevo bisogno di un'altra opinione in quel momento. Il mio medico di fiducia è Mir, quello che mi ha salvato tante volte e mi ha fatto correre subito".

Quando tornerai, sarai lo stesso di sempre?
"Il nervo, per fortuna, è sempre stato a posto, non c'è mai stato un problema. Il problema era la pseudoartrosi, poi c'era un'infezione. Ho fatto molti esami, ma era un'infezione così lieve che non era mai venuta fuori. Mi sono rioperato a dicembre perché mi hanno detto che ci sarebbe voluto tempo, ma mi hanno assicurato che sarei guarito. E' stata un'operazione molto dura, mi hanno messo degli innesti dell'anca e del ginocchio, per assicurarsi che l'infezione guarisca. Non sarò lo stesso Marc di prima fin dal primo giorno. Tutto ha un processo, l'obiettivo è quello di divertirmi di nuovo sulla moto. Quando mi divertirò, andrò anche veloce. Poi arriverà la prima caduta e un poco alla volta tornerò come prima. Altrimenti, tutto questo lavoro non avrebbe senso".

La pressione sarà sempre la stessa quando tornerai?
"La pressione ce la mettiamo addosso da soli. Il mio obiettivo non sarà quello di vincere alla prima gara, non sarebbe realistico. L'obiettivo è quello di salire sulla moto e divertirmi, per poi cercare un po' alla volta di tornare ad essere il Marc di prima, capace di lottare per i podi e le vittorie. La Honda mi ha rispettato molto per tutto il 2020 e sanno che devo prendermi tutto il tempo che mi chiede il mio corpo per recuperare. Ho quattro anni di contratto e l'obiettivo è quello di vincere. Se questo non potrà essere possibile da subito, l'obiettivo sarà quello di vincere i prossimi tre anni".

Mir dice che sei sempre il favorito...
"Che rivali ti vedano come un favorito anche in questa situazione fa piacere, ma realisticamente il favorito deve essere qualcun altro. Guardando all'anno scorso, posso dire che quello che deve essere obbligato ad esserlo è proprio Joan Mir, che deve difendere il titolo. Al momento non è la mia guerra pensare se sono il favorito o meno".

Questo lungo stop ti ha fatto pensare ad altre cose?
"Passi molte ore a casa e pensi a molte cose. Quello che ho imparato nel 2020 è che ci sono tante gare, ma che hai un solo corpo. E' un concetto che non c'era mai stato nella mia testa e che ho appreso. Questo non significa che non accetterò di rischiare di nuovo, perché non vedo l'ora di tornare in moto e di correre".

Dal punto di vista emotivo invece come è stato?
"Emotivamente questi sette mesi non sono stati facili, pensando anche a tutto quello che sta succedendo nel mondo. E' complicato. Avere mio fratello a casa mi ha aiutato. Ho seguito le gare, ma le ho vissute in modo diverso, con Alex e con la squadra per mantenere la tensione competitiva".

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
1/19

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
2/19

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
3/19

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
4/19

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
5/19

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
6/19

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
7/19

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
8/19

Foto di: Repsol Media

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
9/19

Foto di: Repsol Media

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
10/19

Foto di: Repsol Media

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
11/19

Foto di: Repsol Media

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
12/19

Foto di: Repsol Media

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
13/19

Foto di: Repsol Media

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
14/19

Foto di: Repsol Media

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team
15/19

Foto di: Repsol Media

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team
16/19

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
17/19

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
18/19

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
19/19

Foto di: Repsol Media

condivisioni
commenti
Fotogallery MotoGP: le Honda RC213V 2021 di Marquez ed Espargaro

Articolo precedente

Fotogallery MotoGP: le Honda RC213V 2021 di Marquez ed Espargaro

Prossimo Articolo

Pol Espargaro: "Honda mi ha voluto per vincere e posso farlo"

Pol Espargaro: "Honda mi ha voluto per vincere e posso farlo"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento Presentazione Repsol Honda
Sotto-evento Presentazione
Piloti Marc Márquez Alenta
Team Repsol Honda Team
Autore Matteo Nugnes
Cosa deve fare Marc Marquez per tornare al suo meglio? Prime

Cosa deve fare Marc Marquez per tornare al suo meglio?

Dopo il suo clamoroso ritorno in MotoGP con un settimo posto in Portogallo, Marc Marquez ora deve lavorare per ritrovare la sua forma migliore prima di rivolgere la sua attenzione ad obiettivi basati sui risultati.

Pagelle MotoGP: Marquez, un ritorno da 8,5 Prime

Pagelle MotoGP: Marquez, un ritorno da 8,5

Tanti promossi e tanti bocciati in questo Gran Premio del Portogallo, terza tappa di MotoGP. Ecco le pagelle stilate da Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com, e commentate in compagnia di Marco Congiu.

MotoGP
20 apr 2021
Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi Prime

Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi

Le prime tre gare della MotoGP 2021 hanno iniziato a dare un'indicazione di quelli che potrebbero essere i valori in campo e quelli che si sono proposti con più regolarità al vertice sono Fabio Quartararo e Pecco Bagnaia. E lo hanno fatto in particolare a Portimao, su una pista su cui lo scorso novembre avevano sofferto tantissimo, dando una forte segnale di maturazione.

MotoGP
19 apr 2021
MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo Prime

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo

Andiamo a scoprire insieme la Griglia di Partenza del Gran Premio del Portogallo, terza prova del campionato del mondo 2021 di MotoGP

MotoGP
18 apr 2021
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021