Marc Marquez spera che il Mugello sia più "amico" alla Honda

Lo spagnolo crede che la RC213V possa comportarsi meglio su una pista veloce come quella Toscana rispetto a quanto ha fatto a Jerez e Le Mans, anche se resta il problema dell'accelerazione. Pedrosa è più tranquillo dopo la firma del rinnovo.

Dopo la gara storta di Le Mans, chiusa al 13esimo posto dopo una scivolata, Marc Marquez spera di poter andare a caccia del riscatto al Mugello. Negli ultimi anni il GP d'Italia non è mai stato una delle gare più favorevoli alla Honda, ma lo spagnolo sembra convinto che quest'anno la situazione possa essersi ribaltata, alla luce delle difficoltà che ha patito nelle ultime due uscite.

"Sono impaziente per le prossime due gare: dobbiamo concentrarci sul Mugello e su Barcellona, perché sono due tracciati molto differenti da Jerez e Le Mans. Serve più velocità in curva e, se due anni fa avrei detto che si trattava di piste difficili per noi, ora penso che possano essere migliori" ha detto "El Cabronsito".

Marc è convinto che, una volta risolti i problemi di accelerazione, la Honda tornerà a volare: "Abbiamo del lavoro da fare ma credo che, se miglioriamo l'accelerazione, la nostra moto sia una delle migliori. Non è semplice, perché le regole attuali ci impediscono di lavorare sul motore, ma so che la Honda sta lavorando duramente in ogni altra area della moto e mi fido molto".

L'obiettivo per la trasferta in Toscana, dunque, è il podio: "Per questo sono ottimista e parto per il Mugello con il podio come obiettivo, anche se dobbiamo vedere come andranno le cose. In ogni caso proverò a tirare fuori il massimo dalla situazione che si presenterà".

Dani Pedrosa invece arriva al sesto appuntamento stagionale fresco della firma che ha sancito il prolungamento con la Casa giapponese fino alla stagione 2018 compresa. Lo spagnolo, dunque, è felice di poter tornare a pensare solamente alla pista.

"Sono felice di arrivare al GP d'Italia subito dopo aver rinnovato il mio contratto con la Honda e sono impaziente di continuare a lavorare con un team che conosco e di cui mi fido. Ora che il futuro è delineato, sono libero di pensare solamente al lavoro che devo fare in pista" ha detto Dani.

Sulle sue chance per il Mugello non si sbilancia, ma promette solo di voler provare a dare il massimo fin da venerdì: "Mugello ha un layout molto veloce e fluido, con molte curve lungo, quindi trovare un buon grip ed un buon set-up è cruciale. Fino ad ora il mio passo in gara è stato migliore di quanto ci si potesse aspettare dopo le prove, quindi spero di poter partire forte da venerdì per poi migliorare nel weekend. Sabato proverò a fare bene in qualifica, per guadagnare una buona posizione in griglia e provare a rimanere vicino ai primi nelle fasi iniziali della corsa".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP d'Italia
Circuito Mugello
Piloti Daniel Pedrosa , Marc Márquez Alenta
Team Repsol Honda Team
Articolo di tipo Preview