Mamola: perché quest'anno i piloti di MotoGP cadono tanto?

Nella sua ultima colonna per Motorsport.com, l'ex vice-campione della 500 spiega perché Nel GP d'Olanda vi sia stato il record negativo di cadute della stagione corrente, e prende in considerazione il momento attraversato da Rossi e Lorenzo.

Mamola: perché quest'anno i piloti di MotoGP cadono tanto?
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team e Dani Pedrosa, Repsol Honda Team
Secondo posto Marc Marquez, Repsol Honda Team
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing sul retro dello scooter dopo la scivolata
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing sul retro dello scooter dopo la scivolata
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Conferenza stampa: Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Le cadute sono parte della carriera e della vita di ogni pilota. Questi hanno bisogno di imparare come affrontarle quando accadono e devono fare in modo che le conseguenze abbiano l'impatto psicologico più ininfluente possibile. Le cadute che lasciano maggiormente il segno sono quelle di cui le cause non si trovano mai, ma ogni pilota deve cercare di affrontarle sempre nella maniera migliore possibile.

Nel mio caso, raramente eventuali cadute hanno influito poi sulle mie gare, nonostante mi sia "schiantato" più di una volta. Quest'anno stiamo assitendo a molte più cadute del solito e ad Assen abbiamo visto qualcosa senza precedenti: tutti i piloti di MotoGP sono caduti almeno una volta nel corso del fine settimana.

Le cadute sono avvenute in circostanze differenti ma hanno un comune denominatore: le gomme. Con le Michelin stiamo assistendo a uno scenario differente rispetto alle ultime stagione, a cui tutti i piloti devono far fronte e adattarsi. Alcuni, come Marc Marquez, lo stanno facendo alla grande. Altri, come Jorge Lorenzo e Valentino Rossi, stanno invece vivendo un momento difficile.

In Olanda la maggior parte dei problemi è sorto a causa della differenza di grip tra la gomma anteriore e quella posteriore. Il grip generato dalla gomma posteriore ha messo in crisi quella anteriore e, in molti casi, la gomma davanti non ha saputo resistere a questa inerzia e sono arrivate le cadute.

Inoltre non possiamo dimenticare che la Michelin è appena arrivata nella MotoGP e sta ancora imparando molte cose.

Se a tutto questo aggiungiamo il fatto che nei test pre-stagionali molti piloti hanno rinunciato a girare sul bagnato perché nessuno voleva rischiare infortuni prima dell'inizio della stagione è normale che lo sviluppo delle gomme da bagnato sia ancora in qualche modo non adeguato. Questo è un altro dei problemi creati dalla mancanza di test.

In questa stagione, se si vuol puntare al titolo, si deve arrivare in fondo più volte possibile ed è per questo che trovo sorprendente che Rossi sia stato uno dei piloti meno regolari in questa prima parte della stagione. La sua esperienza dovrebbe aiutarlo a interpretare al meglio le situazioni, sapere quando spingereo meno. Domenica è caduto mentre stava conducendo la gara e, soprattutto, dopo aver visto come sono finiti a terra Yonny Hernandez e Andrea Dovizioso. Ecco perché è stato così dduro con se stesso quando ha spiegato l'errore che ha commesso. E' raro che accada quando hai quel talento.

Nel caso di Lorenzo, tuttavia, credo che il fine settimana così brutto fosse dovuto più a un blocco mentale collegato direttamente alle sue esperienze passate sulla pista di Assen. Jorge è caduto in Olanda tre anni fa, proprio sul bagnato, e si è fatto male. Credo che nel subconscio sia ancora presente quella caduta e che questa lo freni in condizioni simili. Non è normale vederlo così rigido sulla moto, senza la solita scorrevolezza che lo contraddistingue. Se fosse stato veloce già venerdì magari si sarebbe tolto un peso di dosso, ma non è ruscito a farlo. Non è stato veloce come al solito e sabato è poi caduto mentre andava piuttosto forte.

Credo che nel caso di Jorge la sua virtù più grande possa trasformarsi nel suo più grande ostacolo nelle situazioni complesse. Il suo stile di guida è unico, gli permette di essere il più veloce di tutti nelle curve, e lo ha aiutato nel cogliere i più grandi successi della sua carriera, ma, allo stesso tempo, è uno stile così personale che gli rende molto difficile adottare uno stile di guida alternativo quando le cose vanno male.

condivisioni
commenti
Stoner si diverte sulla Ducati nella prima giornata a Misano

Articolo precedente

Stoner si diverte sulla Ducati nella prima giornata a Misano

Prossimo Articolo

Albesiano promuove Lowes: "Meglio di così non poteva iniziare"

Albesiano promuove Lowes: "Meglio di così non poteva iniziare"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP d'Olanda
Sotto-evento Domenica, gara
Location Assen
Autore Randy Mamola
Cosa deve fare Marc Marquez per tornare al suo meglio? Prime

Cosa deve fare Marc Marquez per tornare al suo meglio?

Dopo il suo clamoroso ritorno in MotoGP con un settimo posto in Portogallo, Marc Marquez ora deve lavorare per ritrovare la sua forma migliore prima di rivolgere la sua attenzione ad obiettivi basati sui risultati.

MotoGP
21 apr 2021
Pagelle MotoGP: Marquez, un ritorno da 8,5 Prime

Pagelle MotoGP: Marquez, un ritorno da 8,5

Tanti promossi e tanti bocciati in questo Gran Premio del Portogallo, terza tappa di MotoGP. Ecco le pagelle stilate da Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com, e commentate in compagnia di Marco Congiu.

MotoGP
20 apr 2021
Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi Prime

Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi

Le prime tre gare della MotoGP 2021 hanno iniziato a dare un'indicazione di quelli che potrebbero essere i valori in campo e quelli che si sono proposti con più regolarità al vertice sono Fabio Quartararo e Pecco Bagnaia. E lo hanno fatto in particolare a Portimao, su una pista su cui lo scorso novembre avevano sofferto tantissimo, dando una forte segnale di maturazione.

MotoGP
19 apr 2021
MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo Prime

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo

Andiamo a scoprire insieme la Griglia di Partenza del Gran Premio del Portogallo, terza prova del campionato del mondo 2021 di MotoGP

MotoGP
18 apr 2021
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021