Luca Cadalora dice basta e lascia il ruolo di coach di Valentino Rossi

Dopo tre anni insieme al "Dottore", l'ex iridato di 125cc e 250cc ha deciso di fermarsi per avere più tempo di dedicare alla famiglia ed ai suoi hobby. Il principale indiziato a sostituirlo è Idalio Gavira, coach dello Sky Racing Team VR46, che lo ha seguito già a Jerez.

Luca Cadalora dice basta e lascia il ruolo di coach di Valentino Rossi
Luca Cadalora, Yamaha Factory Racing, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Luca Cadalora, Yamaha Factory Racing
Cadalora, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Kenny Roberts, Luca Cadalora, Yamaha Factory Racing
Luca Cadalora

La seconda giornata dei test di Jerez de la Frontera di MotoGP ha portato una notizia importante per quanto riguarda il box di Valentino Rossi. Il "Dottore", infatti, non avrà più al suo fianco Luca Cadalora, che negli ultimi tre anni lo aveva seguito come un'ombra nei panni di coach.

L'ex campione del mondo della 125 e della 250 ha scelto di interrompere la sua collaborazione con il pesarese per dedicare più tempo alla famiglia ed ai suoi hobby. Una decisione che però non è stata facile, perché quella accanto a Rossi è stata una bella esperienza sia dal punto di vista professionale che umano. 19 weekend all'anno in viaggio, più i test però stavano iniziando a diventare un impegno davvero difficile da sostenere.

A dare l'annuncio è stato proprio Valentino, durante il suo debrief di fine giornata: "Purtroppo abbiamo cercato di tenere Cadalora per i prossimi due anni, ma ci ha elegantemente detto di no e siamo rimasti senza coach (ride). Scherzi a parte, lo capisco, perché è un impegno gravoso essere presente a tutte le gare e a tutti i test".

"Siamo stati tre anni insieme, è stata una grandissima esperienza e ci siamo divertiti molto. Abbiamo fatto anche un bel lavoro, però Luca ha deciso di rimanere a casa l'anno prossimo" ha aggiunto.

Leggi anche:

Anche se ancora non è stata presa una decisione definitiva, il principale indiziato per la sostituzione di Cadalora è Idalio Gavira, attuale coach all'interno dello Sky Racing Team VR46 e membro della VR46 Riders Academy. Ieri e oggi c'era lui infatti nel box della Yamaha, nella prima giornata affiancato a Cadalora e nella seconda invece in solitaria.

"Qui è venuto Idalio, perché lavora per la VR46 Riders Academy ed è anche il coach dello Sky Racing Team VR46, ma ancora dobbiamo vedere come fare per l'anno prossimo. Quel che è certo è che Cadalora non ci sarà più, ma forse ci verrà a trovare" ha concluso Valentino.

Informazioni aggiuntive di Carlos Guil Iglesias

condivisioni
commenti
Dovizioso è sicuro: "Nel 2019 Ducati si giocherà il Mondiale. Abbiamo un'ottima base"

Articolo precedente

Dovizioso è sicuro: "Nel 2019 Ducati si giocherà il Mondiale. Abbiamo un'ottima base"

Prossimo Articolo

Bagnaia: "Ho già migliorato la frenata, ma ho margine. Nel 2019 voglio essere Rookie of the Year"

Bagnaia: "Ho già migliorato la frenata, ma ho margine. Nel 2019 voglio essere Rookie of the Year"
Carica commenti
Marquez ha battuto anche la sua Honda per tornare alla vittoria Prime

Marquez ha battuto anche la sua Honda per tornare alla vittoria

Marc Marquez ha attraversato l'inferno ed è tornato nei 581 giorni trascorsi tra la sua vittoria nella gara conclusiva del 2019 e il ritorno al successo di domenica scorsa al Sachsenring. Nonostante stia ancora lottando con i suoi limiti fisici ed una Honda 2021 difficile da guidare, il Sachsenring ha fornito allo spagnolo la tempesta perfetta per tornare sul gradino più alto del podio.

Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi Prime

Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi

Il prossimo passo della carriera di Valentino Rossi in MotoGP dovrebbe avere un'influenza di grande portata su un certo numero di piloti e squadre sulla griglia. Ma probabilmente l'impatto più grande sarà quello sulla Yamaha...

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1 Prime

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1

Il fine settimana tra MotoGP e Formula 1 non è certo stato clemente con Maverick Vinales e la Ferrari. Lo spagnolo è stato, senza mezzi termini, autore del suo fine settimana peggiore da quando veste i colori Yamaha: ultimo al via, ultimo all'arrivo. Non è andata meglio alla Ferrari che, dopo le prime libere al Paul Ricard, si è vista sfilare praticamente da tutto lo schieramento, chiudendo lontana dalla zona punti e trovandosi con un distacco pesante dalla McLaren nel campionato costruttori

Formula 1
22 giu 2021
Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco Prime

Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco

Tanti promossi e tanti bocciati nel Gran Premio di Germania di MotoGP. Le pagelle commentate e stilate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com.

MotoGP
22 giu 2021
MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania Prime

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania

Andiamo a scoprire la griglia di partenza della classe regina del Motomondiale 2021 sul tracciato del Sachsenring.

MotoGP
20 giu 2021
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021