Losail, Warm-Up: Marquez prova a fare la voce grossa

Dalle difficoltà di giovedì, il pilota della Honda è passato quasi a prendersi i panni di favorito per la vittoria, precedendo Vinales e Lorenzo. Sono lì però anche Valentino e le due Ducati di Dovizioso e Iannone.

Appena due settimane fa, alla conclusione dei test collettivi del Qatar, Marc Marquez e la Honda sembravano quasi spacciati. Ora, a poche ore dal via della gara di Losail, la situazione si è ribaltata a tal punto che "El Cabronsito" parrebbe essere addirittura il favorito.

Durante il warm-up, che però si è disputato all'orario del tramonto e quindi con una temperatura più elevata rispetto a quella della gara, il quattro volte iridato è stato quello che ha avuto meno problemi a girare sul passo dell'1'55"5 circa.

Anzi, ha fatto anche meglio, perché è riuscito a fermare il cronometro sull'1'55"400, scavando un solco di ben 227 millesimi nei confronti del diretto inseguitore, che è Maverick Vinales con la Suzuki. Occhio al "Rookie of the Year" della passata stagione, perché non sembra avere particolari problemi a reggere il ritmo anche con la gomme morbida al posteriore. E bisogna dire che in molti box il dilemma è ancora grande tra la soft e la media, non a caso sono state fatte ancora delle prove comparative anche in quest'ultima sessione.

In terza posizione c'è il poleman Jorge Lorenzo, che è quello che tutti temono possa scappare nei primissimi giri con la sua Yamaha, ma che in questo caso ha incassato 305 millesimi, precedendo di appena 3 la M1 gemella di Valentino Rossi, che guida un bel terzetto tricolore.

Si rinnova quindi il duello Spagna-Italia che anima le prime due file dello schieramento di partenza, perché dietro al "Dottore" ci sono le due Ducati Desmosecidi GP di Andrea Dovizioso ed Andrea Iannone, staccate entrambe di tre decimi.

Dal settimo in giù poi la forbice si apre sensibilmente, con la Honda LCR di Cal Crutchlow che ne paga oltre sei, tallonata dalla Ducati Pramac di Scott Redding. Al momento non sembra poter essere della partita, dunque, Dani Pedrosa: lo spagnolo della HRC è 11esimo e si è visto rifilare oltre un secondo di distacco.

Da segnalare, infine, anche una caduta senza conseguenze che ha avuto per protagonista Yonny Hernandez sulla Ducati GP14.2 del Team Aspar.

PosizionePilotaTeamMotoTempoGiri
1 SpagnaMarc Márquez Alenta Repsol Honda Team Honda RC213V 1:55.400 10
2 SpagnaMaverick Viñales Team Suzuki ECSTAR Suzuki GSX-RR 1:55.627 10
3 SpagnaJorge Lorenzo Movistar Yamaha MotoGP Yamaha YZR-M1 1:55.705 10
4 ItaliaValentino Rossi Movistar Yamaha MotoGP Yamaha YZR-M1 1:55.708 10
5 ItaliaAndrea Dovizioso Ducati Team Ducati Desmosedici GP16 1:55.712 10
6 ItaliaAndrea Iannone Ducati Team Ducati Desmosedici GP16 1:55.792 10
7 Regno UnitoCal Crutchlow LCR Honda Honda RC213V 1:56.030 10
8 Regno UnitoScott Redding Octo Pramac Yakhnich Ducati Desmosedici GP15 1:56.033 10
9 SpagnaPol Espargaro Monster Yamaha Tech 3 Yamaha YZR-M1 1:56.256 10
10 Regno UnitoBradley Smith Monster Yamaha Tech 3 Yamaha YZR-M1 1:56.426 10
11 SpagnaDaniel Pedrosa Repsol Honda Team Honda RC213V 1:56.460 10
12 SpagnaHector Barbera Avintia Racing Ducati Desmosedici GP14 1:56.476 10
13 SpagnaAleix Espargaro Team Suzuki ECSTAR Suzuki GSX-RR 1:56.707 9
14 FranciaLoris Baz Avintia Racing Ducati Desmosedici GP14 1:56.920 10
15 ColombiaYonny Hernandez Aspar Team MotoGP Ducati Desmosedici GP14 1:56.956 6
16 AustraliaJack Miller Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda RC213V 1:57.358 10
17 Regno UnitoEugene Laverty Aspar Team MotoGP Ducati Desmosedici GP14 1:57.402 11
18 GermaniaStefan Bradl Aprilia Racing Team Gresini Aprilia RS-GP 1:57.406 10
19 SpagnaAlvaro Bautista Aprilia Racing Team Gresini Aprilia RS-GP 1:57.535 9
20 Tito Rabat Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda RC213V 1:57.782 10
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP del Qatar
Sub-evento Domenica, la gara
Circuito Losail International Circuit
Piloti Jorge Lorenzo , Marc Márquez Alenta , Maverick Viñales
Articolo di tipo Ultime notizie