Lorenzo: “La Yamaha è ancora ideale per il mio stile di guida”

Jorge Lorenzo è tornato in sella alla M1 dopo ben tre anni e ha concluso lo shakedown che precede i test ufficiali ad un secondo dalla vetta. Lo spagnolo non saliva su una moto dal suo ultimo Gran Premio, a Valencia nel 2019.

Lorenzo: “La Yamaha è ancora ideale per il mio stile di guida”

Si conclude oggi lo shakedown che anticipa i primi test ufficiali della MotoGP in vista del 2020. Grande protagonista è stato Jorge Lorenzo, che si è presentato a Sepang nella nuova veste di collaudatore ed è tornato a vestire i colori Yamaha. Il maiorchino ha girato solamente nell’ultimo giorno, tornando così a familiarizzare con la M1 e prendendo le misure della moto e del suo nuovo ruolo.

Alla fine della sua giornata in pista, Lorenzo ha completato 46 giri, rimanendo ad un secondo dal più rapido, Pol Espargaró. Il cinque volte campione del mondo ha migliorato poco a poco il proprio tempo ed è soddisfatto di questo nuovo esordio. Il ritorno in Yamaha è stato decisamente positivo per lo spagnolo, che non guidava una M1 dal Gran Premio di Valencia del 2016 e ha sfruttato lo shake down per ritrovare le sensazioni in sella alla moto.

 

“È stata una giornata molto attesa, non vedevo l’ora – afferma Lorenzo in un’intervista rilasciata alla Dorna –  Ero impaziente di vedere molte cose, capire se la moto fosse cambiata molto in tre anni, se avesse perso alcuni punti forti che aveva. Ma ho visto che non è così, le caratteristiche della moto sono sempre le stesse. Ha molti punti forti, alcuni deboli che abbiamo già analizzato per provare a risolverli in futuro. Ho visto anche che la moto continua ad essere docile, con un motore leggero per il pilota, non è molto fisica, è una moto ideale per le mie caratteristiche di guida”.

Dopo un anno complicato in Honda, Lorenzo è tornato alla moto che più si adatta al suo stile. Tuttavia, non ha fretta e ricomincia a lavorare con calma. L’atmosfera nel box però appare serena ed il neo collaudatore Yamaha è ottimista per quanto riguarda i miglioramenti: “Sono passati tre mesi dall’ultima volta che sono salito su una moto e ben tre anni da quando ho guidato la Yamaha. Non è poco, quindi ho dovuto procedere con calma, cominciando lentamente e migliorando pian piano".

Leggi anche:

"Ad ogni uscita miglioravo di un secondo e alla fine siamo rimasti ad un secondo dal pilota più veloce, è un tempo accettabile per essere il primo giorno e per aver completato così pochi giri. Sono molto contento, il team è perfetto, la moto continua ad essere competitiva e sono sicuro che con il lavoro di tutti miglioreremo ancora di più”.  

 

condivisioni
commenti
Fotogallery: presentazione Honda Repsol MotoGP 2020
Articolo precedente

Fotogallery: presentazione Honda Repsol MotoGP 2020

Prossimo Articolo

Marquez: "Vorrei ripetere il 2019, migliorarlo non posso"

Marquez: "Vorrei ripetere il 2019, migliorarlo non posso"
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021