Lorenzo: "Un peccato non aver potuto guidare la M1 2020"

Lo spagnolo è sceso oggi in pista in sella alla M1 del 2019, ma avrebbe preferito guidare la moto di quest'anno per poter dare indicazioni più dettagliate al team.

Lorenzo: "Un peccato non aver potuto guidare la M1 2020"

Dopo aver saltato i primi due giorni di prove, Jorge Lorenzo è tornato oggi in sella alla Yamaha completando 46 giri. Già sabato scorso la Casa di Iwata aveva annunciato che lo spagnolo sarebbe sceso in pista soltanto nell’ultima giornata di prove con l’obiettivo di familiarizzare con la M1 2019.

Soltanto per ragioni logistiche Lorenzo non ha potuto mettersi in sella alla moto 2019. La Yamaha, infatti, non è riuscita ad avere pronte più di 2 moto 2020 in Malesia.

Lo spagnolo non ha nascosto un certo rammarico nel non aver potuto provare l’ultima evoluzione della M1 per comprenderne appieno il potenziale.

 

“Per alcuni motivi la Yamaha non mi ha fatto provare la nuova moto. Sarebbe stato interessante dare la mia opinione. In questi due giorni ho rilevato due punti deboli su cui bisogna lavorare: ci mancano i cavalli e la velocità. Questa moto non è cambiata molto da quando sono andato via”.

Il maiorchino, che ha ottenuto il ventesimo tempo con un ritardo di 1,3 secondi da Fabio Quartararo, ha percorso 46 giri trovandosi bene fisicamente avendo già recuperato dagli infortuni che lo hanno tormentato nel 2019. Jorge, però, non ha nascosto di doversi ancora allenare per essere al 100%.

“Non ho avuto la possibilità di provare un time attack, ma al momento ho necessità di fare un po’ di cardio per diminuire il mio peso”.

Leggi anche:

La decisione di tornare come collaudatore in Yamaha è stata una sorpresa per la Honda. Lorenzo ha voluto spiegare le ragioni di questa scelta.

“Quando ho annunciato il mio ritiro, la Yamaha si è interessata molto a me. Come collaudatore non avrò alcun tipo di stress, anche se mi mancherà l’adrenalina di poter essere in gara. Quando sei in lotta per il titolo riesci a compensare tutti i momenti negativi, ma quando non hai questa possibilità le sensazioni non sono buone e nemmeno pensare di aver vinto cinque mondiali aiuta”.

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
1/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
2/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
3/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
4/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
5/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing Yamaha

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing Yamaha
6/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
7/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Silvano Galbusera, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Silvano Galbusera, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
8/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
9/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
10/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
11/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
12/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
13/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
14/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Quartararo: "Soddisfatto della Yamaha anche nei long run"

Articolo precedente

Quartararo: "Soddisfatto della Yamaha anche nei long run"

Prossimo Articolo

Puig: "A Lorenzo auguriamo la fortuna che non ha avuto con Honda"

Puig: "A Lorenzo auguriamo la fortuna che non ha avuto con Honda"
Carica commenti
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021