Lorenzo: "Sul tavolo ho solo l'offerta della Yamaha"

Intervenuto ad un evento Porsche a Barcellona, il vincitore del GP del Qatar ha detto che annuncerà il suo futuro entro due o tre settimane, ma che ha solo l'offerta dei giapponesi. Anche se la tentazione Ducati rimane...

Appena 48 ore dopo aver vinto la prima gara del Mondiale MotoGP in Qatar, Jorge Lorenzo è arrivato a Barcellona per firmare un accordo con la Porsche, che gli metterà a disposizione una nuova Cayenne per tutto l'anno.

Molti si aspettavano che lo spagnolo avrebbe iniziato il campionato senza trovare rivali in pista, visto il grande ritmo che aveva mostrato nei test invernali. Tuttavia, la battaglia è stata molto serrata nella parte anteriore del gruppo quasi fino alla fine della corsa.

"L'ultima vittoria è stata una delle tre gare più belle che ho fatto in MotoGP. Alla fine, la lotta tra Dovizioso e Marquez mi ha dato un secondo di margine. Prima ho dovuto fare del mio meglio per stare due decimi davanti" ha detto Lorenzo.

"Prima della gara la vedevo molto dura, erano tutti vicini ed anche Marquez aveva un gran bel ritmo. In questo caso, la scelta della gomma morbida è stata decisiva" ha aggiunto il campione in carica.

Risultati a parte, ad aver monopolizzato l'attenzione del corso del weekend è stato il rinnovo del suo compagno di squadra in Yamaha, Valentino Rossi, il cui nuovo contratto andrà in scadenza solamente alla fine del 2018.

Quando gli è stato chiesto se per il suo futuro vede più possibilità di emulare Rossi e continuare con la Casa giapponese o di firmare per la Ducati, Lorenzo non ha offerto troppi indizi, anche se ha detto che per la decisione è una questione di giorni.

"Sul tavolo ho solo l'offerta della Yamaha, anche se la mia decisione arriverà in pochi giorni, al massimo entro due o tre settimane" ha spiegato il maiorchino. Nel caso in cui dovesse decidere di firmare per la Casa di Borgo Panigale, il #99 è convinto che la Yamaha continuerà a seguirlo con impegno fino alla fine dell'anno.

"Non sono preoccupato, perché la Yamaha è una Casa giapponese e in questo senso è molto seria. So che mi darebbero lo stesso materiale e le stesse opportunità del mio compagno di squadra" ha proseguito Jorge. "Non ho mai detto che non siamo una squadra unita, è una conclusione che hanno tratto alcune persone da fuori, ma non è mai uscita dalla mia bocca" ha concluso Lorenzo.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Jorge Lorenzo
Team Yamaha Factory Racing
Articolo di tipo Ultime notizie