Lorenzo: "Rossi in Petronas scelta logica, ma mi ha sorpreso"

Jorge Lorenzo ha ammesso che non avrebbe mai immaginato di vedere l'ex compagno di squadra Valentino Rossi correre per un team satellite come Petronas.

Lorenzo: "Rossi in Petronas scelta logica, ma mi ha sorpreso"

Lorenzo si è ritirato alla fine del 2019 dopo una stagione frustrante alla Honda, e la pandemia gli ha di fatto impedito di svolgere il suo lavoro di collaudatore per la Yamaha l'anno scorso.

Dopo quasi un anno praticamente senza salire su una moto da corsa, il tre volte campione del mondo della MotoGP ha spiegato in un'intervista alla televisione italiana che non pensa più di tornare a correre e che gli piacerebbe fare il commentatore televisivo.

"Ho tante nuove idee per il mio futuro, meno stressanti rispetto a quella di correre in MotoGP ma comunque emozionanti. Una strada aperta, per esempio, è quella come telecronista televisivo e non escludo nemmeno l'ipotesi di dare la mia esperienza a qualche pilota giovane divenendo suo manager", ha detto Lorenzo a Sky Sport MotoGP HD.

Da quando è andato via alla fine del 2016, la Yamaha non ha più avuto una moto in grado di vincere il Mondiale e infatti i suoi ultimi tre titoli sono stati quelli conquistati con il maiorchino.

Ecco perché c'era una grande aspettativa per capire se con il ruolo di tester lo spagnolo sarebbe stato in grado di rendere nuovamente la M1 una moto vincente. Ma il risultato finale è stato scoraggiante.

"Sono stato un pilota sempre molto sensibile, sin da piccolo, perché mio padre mi faceva guidare tante moto diverse e quindi riuscivo ad adattarmi capendo in fretta cosa funzionasse e cosa no, ho sempre avuto questa abilità", ha ricordato Jorge.

"Yamaha si è affidata a me negli ultimi anni in cui ero lì, abbiamo percorso una strada molto buona realizzando una moto facile da guidare, intuitiva".

"Quando sono andato in Ducati altri piloti si sono occupati dell'evoluzione della moto, non posso fare un confronto ma di sicuro credo che la Yamaha per quanto migliorata non sia la moto più completa come quando correvo io nel team".

Lorenzo è stato compagno di squadra di Valentino Rossi nel box Yamaha per ben sette stagioni ed ha ammesso che non si sarebbe mai aspettato di vedere il pesarese chiudere la sua carriera in un team satellite.

"Mi ha sorpreso la decisione della Yamaha di far competere Rossi in un team satellite come Petronas, non l'avrei mai immaginato, ma allo stesso tempo credo che per lui non cambi tanto, farà bene".

"Abbiamo visto gli ottimi risultati raggiunti da Quartararo e Morbidelli, la moto è competitiva e Yamaha alla fine deve fare come tutti gli altri team: guardare al futuro".

"Quando ho cominciato con loro nel 2008 dovevano cercare un piano B in caso di partenza di Valentino (si parlava di un suo passaggioin F1) e hanno scelto un pilota giovane come me. Il futuro passa per i piloti più giovani, scegliere Quartararo è una scelta logica".

Un altro compagno di squadra di Jorge, nei due anni in Ducati, è stato Andrea Dovizioso, con un rapporto che andato dal male al peggio. Ora il forlivese è rimasto senza squadra dopo aver chiuso in malo modo con i vertici di Borgo Panigale.

"Quando una relazione si rompe è normale ci siano delle frizioni, ci sono due versioni diverse, ognuno pensa che sia stato l'altro a sbagliare. Andrea difende il suo orgoglio e la sua immagine, Ducati fa lo stesso. Penso sia stato un matrimonio di successo per entrambi, il team è tornato a lottare per il titolo, quindi penso che entrambi dovrebbero essere contenti", ha concluso.

condivisioni
commenti
Il team LCR rinnova con la MotoGP fino al 2026

Articolo precedente

Il team LCR rinnova con la MotoGP fino al 2026

Prossimo Articolo

Bryan Toccaceli nuovo coach MX della VR46 Riders Academy

Bryan Toccaceli nuovo coach MX della VR46 Riders Academy
Carica commenti
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021
Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez" Prime

Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez"

La maturazione del pilota della Yamaha è evidente e con un pizzico di fortuna in più forse staremmo già parlando di un dominio incontrastato. Proprio come Marquez, Fabio sta dimostrando di saper andare anche oltre il valore del mezzo. E ora è davvero un peccato che lui e Marc non si possano battere alle pari...

MotoGP
1 giu 2021