Lorenzo: "Riproveremo il nuovo telaio nelle libere di Assen"

Jorge Lorenzo ha affermato di voler mettersi alle spalle gli ultimi risultati ad Assen e cercare di rifarsi già da questo fine settimana dopo l'incidente con Iannone a Barcellona appena tre settimane fa.

Tra Jorge Lorenzo e il circuito olandese di Assen c'è sempre stato un rapporto di odio e amore. Nei primi anni della sua carriera il maiorchino della Yamaha ha sempre siglato ottimi risultati sul mitico tracciato olandese, mentre in MotoGP ha faticato molto di più nonostante la pista sia tra le più adatte alla Yamaha.

Jorge ha parlato del suo rapporto con Assen nella conferenza stampa piloti del giovedì, spiegando di non aver timore di proseguire nella striscia negativa aperta da qualche stagione a questa parte.

"Sì, ad Assen ho ricordi contrastanti. Ho ottimi ricordi legati ai miei anni passati in 125 e 250, mentre sono meno belli quelli passati in MotoGP. Se escludiamo il 2009 e il 2010 e l'anno scorso, in cui non è andata male, abbiamo avuto un po' di sfortuna e non ottime sensazioni, essendoci condizioni strane. Ora quello è il passato e dobbiamo guardare al presente. Lo scorso anno ho centrato un buon terzo posto ma ero abbastanza staccato nella seconda parte della gara. Ora posso essere più ottimista, anche se dovremo dare un'occhiata al meteo, che può cambiare in maniera repentina".

Lorenzo è reduce da una gara disastrosa sul tracciato di Barcellona del Montmelo. Il fine settimana catalano era partito bene, poi il graining alle gomme, le doverose modifiche alla pista dopo la morte di Luis Salom e l'incidente innescato da una manovra di Andrea Iannone lo hanno reso un incubo.

"A Barcellona non poteva andare peggio. Avevamo iniziato a dominare il fine settimana il venerdì, ma poi sabato abbiamo iniziato ad avere graining sulla gomma e le modifiche apportate alla pista per quanto accaduto a Luis Salom hanno fatto sì che le cose andassero sempre peggio. Come se non bastasse in gara è arrivato anche l'incidente con Iannone. Non ci poteva essere un weekend peggiore. Certo, avrei anche potuto farmi male e infortunarmi, ma sto bene, non ho infortuni e sono ancra secondo in campionato, a pochi punti da Marquez. Ho buone sensazioni per il futuro".

Nel corso della sua carriera il maiorchino ha spesso mostrato di non adattarsi bene alle gare caratterizzate da condizioni miste. Ma neppure questo fattore sembra preoccuparlo, forse forte di una forma sua e della M1 piuttosto buona.

"Quando sei in pista con le slick e con le chiazze d'acqua, in condizioni miste, non è facie per un pilota. Ora le moto sono pesanti e potenti. Non sono belle sensazioni ma dobbiamo cercare di trarre il massimo possibile. Lo scorso anno a Misano Adriatico eravamo competitivi sino alla caduta. Quindi speriamo che la gara sia tutta asciutta o tutta bagnata. Se le condizioni dovessero essere miste tenteremo di trarre comunque il meglio da ogni situazione. Dovremo cercare di gestire tutto al meglio".

Dopo aver provato nei test di Barcellona un nuovo telaio, Jorge ha deciso di riprovarlo nei primi turni di prove libere per compiere ulteriori valutazioni sul materiale messo a disposizione dalla Yamaha: "A Barcellona abbiamo provato un nuovo telaio e ora ad Assen lo riproveremo nel corso dei primi due turni di prove libere".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP d'Olanda
Circuito Assen
Piloti Jorge Lorenzo
Team Yamaha Factory Racing
Articolo di tipo Conferenza stampa