Lorenzo: "Qualifica disastrosa, è stato come guidare sul ghiaccio!"

Il campione del mondo ha patito particolarmente l'asfalto bagnato di Assen e domani scatterà dalla undicesima posizione. La carenza di grip sia all'anteriore che al posteriore ha influito sulla qualifica del maiorchino.

La sessione di qualifiche disputata sul tracciato di Assen è stata completamente negativa per Jorge Lorenzo. Il campione del mondo, infatti, non è riuscito a trovare il giusto feeling con la pista bagnata dalla pioggia e domani sarà costretto a partire dalla casella numero 11.

Lorenzo ha lamentato uno scarso feeling con la moto, ed in particolare con le Michelin. Il maiorchino, che ha accusato un ritardo di oltre due secondi dal crono realizzato da Andrea Dovizioso, ha affermato di aver guidato come se si trovasse sul ghiaccio...

"Sull'asciutto probabilmente non sono competitivo come nelle altre gare. Probabilmente posso concludere tra i primi cinque o sei. Nelle FP4 avevo un discreto feeling con la moto. All'inzio avevo un pò di difficoltà ad inserire l'anteriore in curva così abbiamo deciso di spostare il bilanciamento dei pesi sull'avantreno per risolvere questo problema, ma non ha funzionato ed abbiamo accentuato il pattinamento al posteriore".

"Sul bagnato non avevo confidenza per nulla, sia in frenata, che a metà curva, che in accelerazione. E' stato come correre sul ghiaccio o sulle uova..."

Lorenzo ha subito confrontato il risultato delle proprie qualifiche con quello del compagno di team Valentino Rossi, evidenziando come, a parità di gomme, l'italiano sia riuscito a migliorare decisamente i propri tempi.

"Ho mantenuto le stesse gomme per cercare di migliorare il tempo sfruttando la striscia di asfalto asciutto, ma anche gli altri hanno fatto lo stesso ed hanno migliorato anche loro. Rossi, ad esempio, ha migliorato di 4 secondi nonostante a parità di gomme non avesse anche lui un buon feeling con la moto".

La mancanza di grip è stato l'elemento determinante per il pessimo risultato di queste qualifiche ed anche le temperature odierne, decisamente più basse rispetto alla giornata del venerdì, hanno influito negativamente sulla prestazione di Lorenzo.

"Al termine delle FP4 avevo un pò di grip al posteriore, mentre in qualifica non avevo per nulla fiducia nella moto. Le temperature del tracciato si sono abbassate notevolmente rispetto alla giornata di ieri. La gomma media anteriore era troppo dura per queste condizioni".

"Certamente mi infastidisce non essere competitivo sul bagnato. Non è facile guidare la moto in queste condizioni, e quando non hai fiducia nella moto non riesci a spingere al 100%. Oggi mi sono sentito molto distante dai top riders. So di non essere mai stato uno dei piloti più veloci col bagnato, ma in alcuni tracciati, ad esempio la Malesia, posso anche essere un secondo più veloce degli altri".

Il campione del mondo ha poi cercato di voltare pagina concentrandosi sulla difficile rimonta che lo attende domani. Lorenzo spera che i suoi tecnici possano trovare una soluzione per consentirgli almeno di avere maggiore aderenza al posteriore.

"In questo circuito, quando non hai fiducia nelle gomme, non ti trovi nella condizione ideale. Anche se sono consapevole che non è possibile incrementare il grip sull'anteriore, spero di poter trovare maggior grip al posteriore".

"Le mie aspettative per la gara dipendono da vari fattori. Se riuscirò ad avere un buon passo potrò recuperare, altrimenti resterò nella medesima posizione o potrò anche retrocedere in classifica. Devo fare una buona partenza e cercare di superare le due file di piloti davanti a me per stare con il gruppo dei primi".

Informazioni aggiuntive di Oriol Puigdemont

 

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP d'Olanda
Sub-evento Sabato, qualifiche
Circuito Assen
Piloti Jorge Lorenzo
Team Yamaha Factory Racing
Articolo di tipo Intervista