Lorenzo: "Perché Valentino è tornato ora? Bella domanda!"

Lo spagnolo della Ducati pensa che Aragon possa essere una pista in cui Ducati possa mostrare di essere competitiva ovunque. Il suo obiettivo è continuare la crescita mostrata già da qualche GP a questa parte.

Jorge Lorenzo arriva ad Aragon con il preciso intento di proseguire nella sua crescita in sella alla Ducati Desmosedici GP 2017. A Misano sembrava andare tutto per il meglio, quando al settimo passaggio ha commesso un errore dovuto a una breve distrazione ed è caduto proprio mentre si trovava in testa alla corsa.

A tenere banco nella giornata odierna, però, è il ritorno di Valentino Rossi ad appena 21 giorni dall'incidente in cui ha riportato la frattura di tibia e perone della gamba destra. Anche Jorge ha voluto dedicare qualche parola al rientro dell'ex compagno di squadra in Yamaha.

"Chiaramente quasi tutte le lesioni sono differenti, così come lo sono i tempi di recupero e il modo di affrontare la riabilitazione. Nessuno penso sappia realmente come sta Valentino, se non lui stesso. Sicuramente data la lesione che ha avuto è stato molto celere a tornare in moto. In moto hai più possibilità di tornare prima rispetto ad altri sport, sforzi meno e in maniera differente gli arti inferiori. Valentino inoltre ha tanta esperienza. Se se la sente meglio così".

"Perché torna ora? Una bella domanda! Nella situazione in cui si trova in campionato non te lo so proprio dire. Certo, non ha perso il campionato matematicamente, però non mancano tante gare alla fine. Ho visto che ha provato una moto stradale e penso sia andato bene. Dunque se se la sente di tornare, bene. Vedremo come andrà".

L'attenzione si è poi spostata sulla Ducati e su quelle che sono le sue aspettative nel penultimo appuntamento spagnolo della stagione 2017 di MotoGP.

"Questo è un buon circuito per vedere se realmente la Ducati è veloce ovunque. Sicuramente lo saremo, ma lo vedremo soprattutto domani e nella giornata di sabato. Siamo nel nostro miglior momento di forma, sappiamo che abbiamo una moto che può vincere anche se stiamo ancora cercando di farlo, e può succedere".

Nel corso di questa settimana Casey Stoner è sceso in pista al "Ricardo Tormo" di Valencia - sede dell'ultima gara dell'anno della MotoGP - per compiere qualche test sulla Desmosedici. Lorenzo, però, non ha avuto modo di parlare sul collaudatore di lusso della Casa di Borgo Panigale.

"Non mi sono sentito con Stoner dopo il test che ha fatto a Valencia. Ho parlato con Michele (Pirro, ndr), che ha provato quasi le stesse cose che ha avuto a disposizione Casey. Non è stato un test in cui hanno provato tante cose nuove".

Informazioni aggiuntive di Oriol Puigdemont

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP d'Aragon
Sub-evento Giovedì
Circuito Motorland Aragon
Piloti Jorge Lorenzo
Team Ducati Team
Articolo di tipo Intervista