Lorenzo: “MotoGP troppo veloci, propongo gomme come in F1”

Jorge Lorenzo mostra preoccupazione per l’incremento della velocità delle MotoGP e propone una serie di misure per migliorare la sicurezza e ridurre gli infortuni.

Lorenzo: “MotoGP troppo veloci, propongo gomme come in F1”

Il Gran Premio del Portogallo è stato caratterizzato da diverse cadute e dal primo infortunato della stagione. Pol Espargaro e Takaaki Nakagami hanno assaggiato l’asfalto di Portimao, ma almeno sono riusciti a correre domenica. Ma non è stato così per Jorge Martin.

Lo spagnolo è stato protagonista di una spaventosa caduta nelle fasi finali delle FP3 ed è stato costretto al trasporto in elicottero all’ospedale di Faro, dove sono stati svolti ulteriori esami. Lì sono state evidenziate due fratture della mano e una del piede, tutte chirurgiche. Lo scorso mercoledì si è operato e dovrà saltare il Gran Premio di Spagna, a Jerez, della prossima settimana.

Sicuramente il numero di piloti infortunati in MotoGP è aumentato negli ultimi anni e sono pochi quelli che sono riusciti ad evitare la sala operatoria. Jorge Lorenzo è stato uno dei più colpiti: durante la sua carriera ha avuto diverse cadute forti, ma una delle ultime ad Assen nel 2019 in cui ha rischiato la paralisi, ha accelerato il suo ritiro, a soli 32 anni.

Per il maiorchino, il problema principale è l’aumento della velocità delle moto, non solo nel rettilineo, ma anche nel passo in curva. Crede dunque che bisogna prendere delle misure per arginare questo problema ed evitare infortuni più gravi.

“Portimao è un circuito difficilissimo, da coraggiosi. È un continuo salite e discese, per questo viene chiamato la montagna russa. Questo, unito all’asfalto con poco grip, ha fatto sì che vedessimo più cadute del normale, alcune anche violente che hanno fatto male ad alcuni piloti, a cominciare da Nakagami, Jorge Martin e Pol Espargaro”, ha dichiarato Lorenzo su suo canale YouTube.

“Qui voglio fare una riflessione – ha proseguito – La MotoGP è cresciuta molto per quanto riguarda lo spettacolo. Gare appassionanti, equilibrate, che fino ad ora non avevamo visto. Anche in ambito sicurezza si è migliorato, con caschi tute e anche circuiti. Il passaggio dai due ai quattro tempi ha anche significato eliminare cadute che creavano molti infortuni, ma le moto sono più veloci sul rettilineo e nel passo in curva”.

Lorenzo poi descrive il tipo di cadute: “Ci sono scivolate per l’anteriore, il pilota arriva sulla ghiaia con una velocità impressionante e in questo passaggio comincia a girare come un pupazzo. Qui avvengono gli infortuni come è capitato a me ad Assen nel 2019 o a Martin l’altro giorno. Il motociclismo continuerà ad essere pericoloso perché quando metti insieme velocità e competizione c’è molto rischio. Mi piacerebbe vedere uno sport con meno infortuni e più sicuro”.

Per questo propone tre soluzioni: ridurre la velocità delle moto, aumentare le vie di fuga e cambiare la gomma anteriore. Lo spagnolo addirittura lancia una proposta che non lascerebbe indifferente nessuno: “La Formula 1 è passata dalle slick alle gomme miste perfino per le mescole da asciutto. Ricordo che erano stati limitati anche i cilindri e la potenza, oltre all’aerodinamica. La MotoGP ha fatto una cosa simile passando dai 1000cc agli 800cc, ma poi si è tornati ai 1000cc e le moto corrono più che mai. Un’opzione poco probabile e praticabile a breve termine. Penso che le moto correranno ancora di più”.

Il cinque volte campione del mondo affronta anche il tema delle bandiere gialle, che ha suscitato molte polemiche a Portimao, quando è stato annullato il giro veloce a Pecco Bagnaia che gli avrebbe garantito la pole position.

“Questa regola è abbastanza ingiusta per il pilota a cui cancellano il giro. Però a livello di sicurezza è la migliore, perché non ci possiamo permettere che quando c’è un pilota a terra che sta recuperando da una caduta, un pilota arrivi a grande velocità e lo colpisca, sarebbe un massacro. La cosa chiara è che il pilota deve essere messo in condizione di vedere la bandiera gialla, ma al momento la visibilità è insufficiente. Come accaduto a Pecco, la bandiera non si vedeva. Non so se la soluzione possa essere quella di creare un maxi schermo o che sul dashboard del pilota appaia un flash giallo. Così potrebbe vedere senza problemi. Bisogna trovare una soluzione perché la visibilità è scarsa”.

condivisioni
commenti
Aerodinamica MotoGP: cosa sono e come funzionano le "alette"
Articolo precedente

Aerodinamica MotoGP: cosa sono e come funzionano le "alette"

Prossimo Articolo

Miller, l’avvio di stagione non lo rende pilota di punta Ducati

Miller, l’avvio di stagione non lo rende pilota di punta Ducati
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021