MotoGP
17 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
3 giorni
G
GP di Andalusia
24 lug
-
26 lug
Prossimo evento tra
10 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
23 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
30 giorni
G
GP di Stiria
21 ago
-
23 ago
Prossimo evento tra
38 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
58 giorni
G
GP dell'Emilia Romagna
18 set
-
20 set
Prossimo evento tra
66 giorni
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
73 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Canceled
09 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
87 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
94 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
101 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Canceled
G
GP d'Europa
06 nov
-
08 nov
Prossimo evento tra
115 giorni
G
GP di Valencia
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
122 giorni
20 nov
-
22 nov
Canceled

Lorenzo insiste: “La Honda potrebbe essere molto meno fisica"

condivisioni
commenti
Lorenzo insiste: “La Honda potrebbe essere molto meno fisica"
Di:
Tradotto da: Lorenza D'Adderio
13 giu 2019, 14:37

Jorge Lorenzo ha partecipato ad un evento di beneficenza in cui ha parlato del suo viaggio in Giappone e di alcuni mezzi che utilizzerà per provare ad adattare la propria posizione sulla Honda MotoGP.

I piloti del team Honda, Marc Marquez e Jorge Lorenzo, hanno partecipato oggi ad un evento di beneficenza che si è tenuto nella sede Honda Spagna in favore della "Fundación Pequeño Deseo", a capo del progetto "El valor de un gesto", che priva a realizzare i sogni dei bambini con malattie gravi.

Dopo l'evento, Jorge e Marc hanno parlato con la stampa ed il maiorchino ha raccontato il suo viaggio della scorsa settimana in Giappone, dove ha cercato delle soluzioni per adattare l'ergonomia nella posizione sulla RC213V, il suo principale problema attuale.

Lorenzo ha affermato: "In Giappone abbiamo capito che sono scomodo con gli stivali e non mi va bene nemmeno la tuta. Ho bisogno di sentirmi comodo sulla moto, altrimenti è impossibile dare la versione migliore di me".

"Per questo sono andato in Giappone e abbiamo deciso le modifiche che introdurremo nei prossimi circuiti, a partire già da Montmeló", ha detto lasciando intendere che la soluzione non rappresenterà un cambiamento repentino, cominciando dal weekend del Gran Premio de Catalunya.

"Uno dei problemi principali è che la moto potrebbe essere meno fisica, almeno per me. Poi se gli altri piloti della marca vogliono introdurre nuovi pezzi o meno, sta a loro decidere" ha detto lo spagnolo difendendosi dagli attacchi di chi dice che la moto, se vince Marquez, non bisogna toccarla.

"Ma io non mi sento a mio agio. Venerdì proveremo i primi dei vari prezzi" ha aggiunto.

Sul tempo di adattamento che ci vorrà, Jorge è apparso ottimista.

"Mi manca molto, sono lontano dal modo giusto di guidare la Honda, soprattutto in frenata", afferma parlando di questo punto complicato della Honda sull'anteriore.

Per un pilota abituato a vincere, una situazione come quella che sta vivendo Jorge può essere una dura prova mentale.

"Sto lavorando molto in tutti gli ambiti, anche in quello mentale, perché è molto difficile trovarsi in questa situazione. Ma serve molto per conoscere se stessi", ha concluso Lorenzo.

Por si te lo perdiste:

 

Temas relacionados:

 

Scorrimento
Lista

Marc Márquez y Jorge Lorenzo, Honda HRC, evento previo

Marc Márquez y Jorge Lorenzo, Honda HRC, evento previo
1/3

Foto di: Germán Garcia Casanova

Marc Márquez y Jorge Lorenzo, Honda HRC, evento previo

Marc Márquez y Jorge Lorenzo, Honda HRC, evento previo
2/3

Foto di: Germán Garcia Casanova

Jorge Lorenzo y Alberto Puig, Repsol Honda

Jorge Lorenzo y Alberto Puig, Repsol Honda
3/3

Foto di: Germán Garcia Casanova

Prossimo Articolo
Marquez: "Quando sono arrivato alla Honda mi sono adattato alle misure di Stoner"

Articolo precedente

Marquez: "Quando sono arrivato alla Honda mi sono adattato alle misure di Stoner"

Prossimo Articolo

Miller: "Sono felice dove sono, ma merito una GP20 e lo pensa anche la Ducati"

Miller: "Sono felice dove sono, ma merito una GP20 e lo pensa anche la Ducati"
Carica commenti