Lorenzo: "La Ducati va forte qui? Un bene per il campionato!"

Jorge Lorenzo spera che le Ducati, molto competitive al Red Bull Ring, possano rubare punti preziosi a Marc Marquez e riaprire così i giochi per il titolo mondiale piloti 2016. "Speriamo di essere più vicini a loro rispetto ai test", ha aggiunto.

Jorge Lorenzo arriva al Red Bull Ring dopo la pausa estiva ed è conscio che dovrà inanellare una serie di risultati positivi per cercare di diminuire lo svantaggio - fattosi via via più grande nelle ultime tre gare - che lo separa dal leader della classifica generale, il connazionale Marc Marquez.

Il pilota della Yamaha arriva da tre gare in cui ha complessivamente raccolto 7 punti. Un bottino magro, che lo ha visto passare dal primo al secondo posto in graduatoria.

"Ho utilizzato il tempo delle vacanze un po' per riposarmi e poi per allenarmi. Per me è importante tornare forte il prima possibile, quindi vediamo se già da domani saremo più vicini alle Ducati rispetto a quanto non fossimo nei test pre sosta estiva. Eravamo molto lontani ma speriamo di essere più vicini. Speriamo di fare un buon lavoro e riuscire ad avvicinarci ancora di più", ha affermato il maiorchino nella conferenza stampa piloti del giovedì in Austria.

"Le ultime gare sono state dure ma è così. E' lo sport e bisogna accettarlo. In alcuni momenti ci sono delle difficoltà e bisogna lavorare ancora di più rispetto a quando sei al vertice, per poi reagire ed essere ancora più forte e mantenersi nelle posizioni di primo piano il più possibile. Questo è il mio obiettivo, essere nelle posizioni di testa il più a lungo possibile. Siamo stati in difficoltà per tre gare ma, a parte queste, poi siamo andati bene. Quindi vediamo se riusciremo a tornare tra i primi".

Il tracciato austriaco è stato oggetto di alcune modifiche che hanno interessato la Curva 10. Lorenzo si è detto soddisfatto delle precauzioni prese negli ultimi giorni, ma che potrà essere fatto ancora molto in termini di sicurezza nel prossimo futuro grazie alla Safety Commission.

"Sì, ero preoccupato per la sicurezza e sono state apportate modifiche all'ultima curva. Ora le moto potranno essere un po' più lontane dai muri, però non è stato possibile fare altri cambiamenti in altre curve. Magari sarà possibile farlo. In futuro parleremo in Safety Commission per migliorare questi 3-4 punti che non sono ideali per quanto riguarda la sicurezza. Sono certo che miglioreremo la situazione per il futuro lavorando tutti assieme".

Per concludere, il campione del mondo in carica della MotoGP ha parlato del grande stato di forma mostrato dalla Ducati nei test che hanno preceduto la pausa estiva. La Desmosedici GP sembra adattarsi a meraviglia al Red Bull Ring e l'eventuale intromissione di Dovizioso e Iannone nelle prime posizioni potrebbe essere un fattore positivo per la sua rincorsa al secondo titolo iridato consecutivo.

"E' interessante per il campionato avere piste favorevoli anche per un'altra marca, in questo caso Ducati. Questa è una situazione nuova e penso sia interessante per il campionato. Riguardo a Marc, se chiude al quarto o al quinto posto e io vinco la gara o chiudo secondo certamente sarà meglio per il campionato, ma è difficile che questo accada. Devo concentrarmi solo sulla mia prestazione, cercando di essere più veloce possibile. In questo modo potrò ottenere tanti punti".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP d'Austria
Circuito Red Bull Ring
Piloti Jorge Lorenzo
Team Yamaha Factory Racing
Articolo di tipo Conferenza stampa