Lorenzo: "E' troppo tardi per tornare a parlare con la Ducati"

condivisioni
commenti
Lorenzo:
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes , Direttore Responsabile
03 giu 2018, 14:18

Mentre i responsabili della squadra di Borgo Panigale prendono tempo per riflettere sul futuro con il maiorchino, Jorge chiude la porta ad ogni trattativa, sostenendo che le modifiche chieste a lungo sono arivate troppo tardi.

Podio: il vincitore della gara Jorge Lorenzo, Ducati Team, il secondo classificato Andrea Dovizioso, Ducati Team, il terzo classificato Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Il vincitore della gara Jorge Lorenzo, Ducati Team
Il secondo classificato Andrea Dovizioso, Ducati Team, Gigi Dall'Igna, Team General Manager Ducati, il vincitore della gara Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Ducati Team, Italian MotoGP 2018
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team

Jorge Lorenzo vince con la Ducati. E rompe in maniera definitiva con la Casa di Borgo Panigale, quando i vertici della squadra bianco-rossa sembravano disposti a riprendere un discorso che si era interrotto dopo le parole dell’amministratore delegato, Claudio Domenicali che aveva derubricato lo spagnolo a grande pilota, mentre il maiorchino lo aveva corretto polemicamente autodefinendosi un campione.

Nel box Ducati la spaccatura fra la squadra e il pilota super-pagato sta spazzando via il gusto inebriante di conquistare una doppietta al Mugello nel GP d’Italia, davanti allo sterminato pubblico di Valentino Rossi.

“È troppo tardi per trattare” ha detto Lorenzo scendendo dal podio con la coppa gigliata. Se la Ducati volesse rilanciare dovrebbe riaprire quella borsa che sembrava essersi chiusa: la quotazione di Jorge era crollata da 12 milioni a 1,5 di euro. Scendendo a un valore non degno di un cinque volte campione del mondo.

Il netto predominio di Lorenzo in Toscana ha provocato un immediato rialzo del valore dell’iberico che da orgoglioso non sembra intenzionato a ripensarci…

"Il futuro non verrà modificato dopo questa vittoria. Da un lato sono molto felice, è stata probabilmente una delle migliori gare della mia vita, ma da un altro lato sono triste...”.

"Se avessi avuto prima i pezzi di cui avevo bisogno, avrei potuto conquistare dei podi molto prima e sarei potuto tornare a vincere prima…”.

Lorenzo, aveva dichiarato dopo le qualifiche, di essere fiducioso dopo le modifiche al serbatoio della sua Desmosedici che gli avrebbero impedito di avere un calo fisico come a Le Mans.

"Credo di essere una delle persone più oneste del paddock, ma a volte la gente non mi ha creduto - ha aggiunto Lorenzo – qualcuno ha pensato che abbia tirato fuori delle scuse, mentre io sono uno sincero che dice sempre la verità!”

"Avevo bisogno di questo nuovo serbatoio per risparmiare più energia, e avevo bisogno anche che il motore fosse più fluido, e quando la Ducati mi ha dato queste soluzioni, sono tornato a vincere”.

"Ho sofferto molto perché i risultati non arrivavano, sembrava che la vittoria non sarebbe mai arrivata, ma io sono uno che non si arrende mai”.

Cambieranno le cose dopo una notte che potrebbe portare consiglio? Mai dire mai…

Prossimo articolo MotoGP

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP d'Italia
Sotto-evento Domenica, post-gara
Location Mugello
Piloti Jorge Lorenzo
Team Ducati Team
Autore Franco Nugnes
Tipo di articolo Intervista