Lorenzo: “Dovi si è un po’ spento. Lui in Yamaha? Non scelgo io”

Jorge Lorenzo, vicino all’addio a Yamaha e prossimo all’approdo in Aprilia come collaudatore, rivela alla Gazzetta dello Sport le proprie sensazioni sulla stagione 2020 e spiega i motivi per cui Iwata non lo ha scelto per sostituire Valentino Rossi, risultato positivo al covid.

Lorenzo: “Dovi si è un po’ spento. Lui in Yamaha? Non scelgo io”

La MotoGP sia avvia verso la fine di questa stagione 2020 particolare, che potrebbe vedere per la terza gara consecutiva l’assenza di Valentino Rossi. Il pilota Yamaha è in attesa di un secondo tampone, dopo essere risultato ancora positivo, e tutto lascia pensare che possa saltare anche il Gran Premio d’Europa, in programma a Valencia questo fine settimana.

A sostituirlo però non ci sarà Jorge Lorenzo, collaudatore Yamaha nel 2020. L’ipotesi di far correre il maiorchino è stata scartata dalla Casa di Iwata dopo i test di Portimao, in cui non è andato forte: “Non corro, non mi considerano. Penso che vedendo che non sono stato competitivo nei test di Portimao, non abbiano pensato a me. In realtà non ero molto in forma. Certo, se mi avessero fatto girare come ha fatto KTM con Pedrosa, mi sarei allenato regolarmente. Ma a giugno Yamaha mi ha detto che non ci sarebbero stati più test in programma, quindi non ero pronto. Infatti la chiamata per Portimao mi ha sorpreso”.

Leggi anche:

In Portogallo Lorenzo non ha brillato e spiega i motivi. “Dopo otto mesi senza guidare una motogp perdi i riflessi, la capacità di reazione, il ritmo. Serve adattamento, ma io ho avuto a disposizione solo un giorno e mezzo, i meccanici dovevano partire per Le Mans e la mia moto era quella del 2019. Inoltre il circuito era nuovo, quindi era impossibile andare forte. Penso che quel test abbia fatto sorgere dubbi sulla mia competitività. Però ho detto a Lin Jarvis che è sbagliato fare riferimento a Portimao, perché il mio vero potenziale è quello di Sepang. Se loro pensano di dover cambiare, lo accetto. Ma non sarà semplice trovare un pilota che si adatti alla M1 come ho fatto io”.

Lorenzo sembra dunque vicino all’addio in vista del 2021. Yamaha infatti non rinnoverà il contratto allo spagnolo, che sembra indirizzato verso il ruolo di tester in Aprilia. Al suo posto dovrebbe subentrare Dovizioso:
“Mi sorprenderebbe quel cambio, ma non scelgo io. Vorrei continuare perché la M1 è naturale per me, l’opzione Aprilia non è così naturale. Mi piacerebbe continuare in questo ruolo perché ho meno pressione, non rischio e viaggio meno, ma la passione è la stessa. Aprilia sembra interessante, ho vinto due mondiali con loro e potrei fare più test, ma Yamaha è competitiva, invece Aprilia è ancora lontana. Se riuscissi a fare il lavoro che fa Pedrosa, sarebbe una grande cosa. Inoltre, se dovesse tornare Andrea Iannone, gli potrei fare da coach, quindi sarei doppiamente utile”.

Leggi anche:

Il 2020 però non è ancora finito ed il mondiale è ancora apertissimo. Dall’esterno, Jorge Lorenzo dà la sua visione:
“Il mio favorito in questo momento è Joan Mir. È sempre salito sul podio o comunque ci è finito vicino, a parte l’errore della prima gara. È solido e Suzuki è competitiva. Nonostante Yamaha abbia vinto di più, hanno più possibilità Mir e la Suzuki che non Quartararo e Vinales. Fabio era il favorito, ma non ha costanza, che è la cosa più difficile in MotoGP. Le condizioni cambiano da pista a pista e magari un pilota inesperto come Fabio può pagare di più le conseguenze. Vinales è un pilota mentale quando è forte può essere molto pericoloso, ma se dubita di se stesso cala di rendimento. Non sta dimostrando ciò che ci si aspettava da lui, sia lui sia Fabio sono tra i piloti con il maggior potenziale, ma devono ancora dimostrare di essere dei campioni”.

“Morbidelli è un’altra sorpresa oltre Mir – prosegue Lorenzo – è un ragazzo semplice e simpatico, che piace a tutti. Mi sembra un bravo ragazzo, sono contento che stia facendo bene. Forcada dice che mi assomiglia? Se lo dice lui ci credo. Franco però è arrivato un po’ tardi in MotoGP e questo non gioca a suo favore. Però non è tardi per vincere un mondiale, sarei contento se ci riuscisse”.

Leggi anche:

L’altra faccia dell’Italia della MotoGP invece arranca. Ducati infatti è in corsa per il titolo con Andrea Dovizioso, ma deve far fronte a problemi tecnici che non permettono di poter lottare in maniera concreta:
“È un peccato, Dovizioso aveva l’opportunità d’oro di vincere senza Marquez, ma per vari motivi non ha potuto approfittarne. La sua prestazione non è stata quella degli ultimi anni e la moto sembra sempre la stessa, con molta velocità ma problemi al centrocurva. Però da fuori Dovizioso mi dà la sensazione che non si veda più dentro la MotoGP e questo sembra che invece di motivarlo gli abbia suscitato l’effetto contrario. Si è un po’ spento mentalmente e credo che questo abbia influito sui suoi risultati”.

Proprio Marc Marquez è il grande assente di questo 2020, ma Honda sembra essersi ripresa nell’ultima parte di stagione e Alex, il fratello minore del campione in carica, sta diventando un grande protagonista. Lorenzo afferma:
“Un anno senza correre per lui è duro, mentalmente questo infortunio influirà, non so se in positivo o negativo. Lo scopriremo in futuro, ma spero che recuperi completamente. Alex è stato una sorpresa gigantesca, anche più di Morbidelli. Nessuno avrebbe pensato di vederlo lottare per vincere dopo 7-8 gare. Avrei scommesso che avrebbe avuto molte più difficoltà, ma è cresciuto tanto ed è veloce. Sbagliato mandarlo nel team LCR? Prima di iniziare, tutti criticavano la scelta di promuoverlo, ora è il contrario. È facile giudicare a posteriori”.  

condivisioni
commenti
Rossi ancora positivo al COVID. Domani farà un altro tampone
Articolo precedente

Rossi ancora positivo al COVID. Domani farà un altro tampone

Prossimo Articolo

MotoGP, Lecuona in isolamento: deve saltare il GP d'Europa

MotoGP, Lecuona in isolamento: deve saltare il GP d'Europa
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia Prime

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia

Annata quasi perfetta per Ducati, che conquista ogni corona iridata in MotoGP tranne quella del mondiale piloti. Moto da 9 che, nelle mani di Pecco Bagnaia, si candida come seria pretendente alla corona di Fabio Quartararo per il 2022.

MotoGP
2 dic 2021
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021