Lorenzo: "Contento del successo Ducati. Nel 2017 saremo protagonisti"

Il campione del mondo torna sul podio dopo tre gare incolore ed assiste ad un weekend dominato dalle moto del suo futuro team. Dopo aver fatto i complimenti a Dall'Igna, Lorenzo ha rispedito al mittente le voci di una sua crisi.

Il tracciato del Red Bull Ring ha finalmente riportato il sorriso sul volto di Jorge Lorenzo. Dopo tre gare decisamente opache, il campione del mondo è riuscito a tornare sul podio, conquistando un terzo posto fondamentale per tenere ancora aperta la lotta per il titolo iridato.

Lorenzo ha vissuto un weekend in crescendo, complice anche la temperatura ambientale decisamente favorevole allo stile di guida dello spagnolo. Dopo aver ottenuto il quarto posto in griglia di partenza, Jorge ha ottenuto il massimo risultato possibile considerando le performance messe in mostra da Iannone e Dovizioso. 

"Per me questo terzo posto è come una vittoria considerando il livello mostrato dalle Ducati non solo nel weekend di gara ma anche nei test. Pian piano ci siamo avvicinati a loro, ad inizio gara ero molto competitivo rispetto a Iannone, anche perché credo che lui stesse preservando le gomme e potevo andare più veloce".

Lorenzo ha inizialmente patito il ritmo iniziale di Iannone ed una volta superato da Dovizioso ha accusato un calo di grip al posteriore che lo ha lentamente distanziato dal duo Ducati.

"Successivamente sono stato superato da Dovizioso ed i due piloti Ducati hanno inziato a spingere di più, io ho iniziato a perdere grip nello pneumatico posteriore, in particolare sul lato destro, e non ho potuto avere la stessa loro accelerazione. Ad ogni modo concludere terzo a due secondi dal vincitore è una soddisfazione".

Il campione del mondo ha assistito alla vittoria del team per il quale correrà nella prossima stagione. Lorenzo si è sbilanciato, lodando il lavoro svolto da Gigi Dall'Igna, e mostrandosi fiducioso in ottica 2017.

"Nonostante la vittoria Ducati sono concentrato esclusivamente sulla Yamaha. Se pensiamo al potenziale Ducati in questa pista posso ritenere che il prossimo anno potremmo toglierci delle soddisfazioni. Dall'Igna sta svolgendo un grande lavoro, ogni anno si avvicinano sempre di più ed oggi hanno conquistato una grande doppietta. Ad ogni modo mancano ancora otto gare, e dobbiamo provare a vincere qualche gara e lottare per il mondiale".

Dopo il ritiro patito in Spagna a seguito dell'incidente con Iannone, ed il decimo e quindicesimo posto ottenuti in Olanda e Germania, erano iniziati a circolare dubbi circa lo stato di forma di Lorenzo. Il maiorchino ha subito replicato a queste affermazione, dando la colpa esclusivamente alle condizioni meteo poco favorevoli.

"Penso che dall'esterno sia facile giudicare o criticare. Credo che le ultime mie performance negative siano state condizionate da circostanze avverse. Quando arrivano le condizioni normali sono veloce ed ho confidenza con la moto. Ovviamente dobbiamo lavorare per poter andare forte sul bagnato con queste gomme, ed anche quando ci sono temperature basse. Con le Michelin, in condizioni di freddo, la linea tra avere grip e non averlo è molto sottile".

"Per un pilota dalla guida pulita come me, questo rappresenta una difficoltà, ma alla fine, in condizioni normali non sono un pilota in crisi".

Lorenzo, infine, ha speso parole di elogio per la Michelin, incitando il costruttore francese a migliorare il range di utilizzo dello pneumatico in condizioni di temperature basse.

"La Michelin sta lavorando bene sullo pneumatico anteriore ed anche sul posteriore, specie dopo Jerez, soprattutto per dare uno pneumatico più costante e con più grip nella parte centrale. Penso che a Brno forniranno delle gomme ancora più performanti. Ad ogni modo ritengo che debbano migliorare per poter far lavorare gli pneumatici in un range di temperatura più ampio. In questo modo tutti i piloti potranno guidare con maggiore fiducia".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP d'Austria
Sub-evento Domenica, post-gara
Circuito Red Bull Ring
Piloti Jorge Lorenzo
Team Yamaha Factory Racing
Articolo di tipo Intervista