Lorenzo: "Austin non è la mia pista preferita, ma voglio recuperare terreno"

Jorge Lorenzo punta a riscattarsi immediatamente dopo la caduta in gara a Termas de Rio Hondo nel fine settimana appena trascorso. Austin, però, non è la pista che meglio si adatta alle caratteristiche della M1.

Jorge Lorenzo sembrava destinato a dominare l'inizio di stagione 2016 della MotoGP invece, dopo un avvio brillante in Qatar, il maiorchino è andato incontro a un fine settimana disastroso a Termas de Rio Hondo, chiuso poi con una caduta nel corso delle prime fasi di gara che lo ha fatto precipitare nella classifica generale riservata ai piloti.

Il campione del mondo in carica rimane però ottimista, nonostante sia consapevole che la pista di Austin, che ospiterà il terzo Gran Premio del 2016, non sia tra le piste che meglio si sposano con le caratteristiche della sua Yamaha M1.

"Dopo una gara deludente in Argentina ora non vedo l'ora di correre ad Austin. Pensavo che avremmo potuto portare a casa punti importanti a Termas de Rio Hondo ma, sfortunatamente, abbiamo avuto difficoltà per tutto il fine settimana e anche in gara. Il tracciato di Austin non è uno dei miei preferiti tra quelli che abbiamo in calendario nel 2016 e non ha caratteristiche che si sposino bene con le nostre Yamaha, quindi cercheremo di capire prima possibile il circuito, perché dovremo fare i conti anche qui con la nuova elettronica e le gomme Michelin".

Jorge spera però di riuscire a concludere al mmeglio la corsa texana e portare a casa quanti più punti possibili per iniziare la rimonta nel Mondiale Piloti, che ora vede in vetta il connazionale Marc Marquez: "Vedremo cosa succederà nel corso del fine settimane ma spero di fare una buona gara e recuperare qualche punto prima di affrontare la prima gara europea della stagione".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP degli Stati Uniti
Circuito Circuito delle Americhe
Piloti Jorge Lorenzo
Team Yamaha Factory Racing
Articolo di tipo Preview