Lorenzo a Dovi: "Ti avrei battuto se fossi rimasto in Ducati"

Dopo che Dovizioso ha detto a DAZN che probabilmente Lorenzo non aveva gradito l'essere stato battuto in Ducati, non poteva mancare la replica pepata di Jorge.

Lorenzo a Dovi: "Ti avrei battuto se fossi rimasto in Ducati"

Conoscendo il personaggio in questione, era praticamente inevitabile che Jorge Lorenzo avrebbe risposto a quanto detto nei suoi confronti da Andrea Dovizioso in un'intervista concessa a DAZN.

Il forlivese aveva detto di non capire il motivo per cui il maiorchino si perdesse in tante polemiche sterili, ma soprattutto aveva spiegato di ritenere che Jorge si fosse legato al dito il fatto di essere stato battuto per due anni di fila quando hanno diviso il box della Ducati.

"Credo di non piacergli ancora", ha detto Dovizioso. "Soprattutto perché, appena può, mi attacca e non sono riuscito a capire se è perché non sia riuscito ad assimilare che nei due anni in cui abbiamo corso con la stessa moto è sempre stato dietro o cosa. Avendo vinto così tanti campionati dovrebbe essere al di sopra di queste cose. Ma sembra che ci sia qualcosa che lo preoccupa e non riesco a capire la sua mente un po' particolare".

Leggi anche:

La risposta di Lorenzo non ha tardato ad arrivare ed il cinque volte iridato l'ha affidata ai social network, durante ad una delle occasioni in cui si mette a disposizione dei suoi tifosi nelle stories su Instagram.

Per il pilota spagnolo invece le tensioni risalgono a molto prima, ai tempi dei loro duelli nella 250cc, e soprattutto che è stato Dovizioso a non voler dare una chance al loro rapporto una volta che si sono congiunti a Borgo Panigale. La stoccata finale poi è davvero un grande classico per chi conosce l'atteggiamento di Jorge.

"Sappiamo entrambi che non viene dell'era Ducati. Era geloso di me in 250cc, ma volevo dare una possibilità al nostro rapporto. Nella mia prima stagione in Ducati ricordo che andai a congratularmi con lui sul podio e la sua unica risposta fu negativa nei miei confronti, dicendo che i miei metodi di allenamento non erano quelli giusti dopo un cattivo risultato o anche dopo una caduta fortuita dovuta ad un guasto meccanico", ha spiegato Lorenzo.

"Capisco che gli abbia fatto male che la Ducati abbia deciso di scommettere su un campione e di pagarlo 12 volte più di lui, ma la realtà è che l'ho battuto in 250cc, in 9 anni in MotoGP, compreso quello in cui eravamo entrambi con una Yamaha. Il secondo (in Ducati), una volta che ho avuto la moto più adatta alle mie esigenze, sono riuscito a batterlo regolarmente e a mettermi davanti a lui in campionato".

"Purtroppo un infortunio ha bloccato il mio processo di crescita in Ducati. Quindi 'caro' Andrea, lo sai bene e il mondo sa anche che non ti detesto perché mi hai battuto nel primo anno di adattamento con la Ducati, era una cosa normale, come che avrei vinto il resto degli anni se fossi rimasto in Ducati. Buon Natale!", ha concluso.

condivisioni
commenti
Morbidelli: "Non mi sento sottovalutato in Yamaha"

Articolo precedente

Morbidelli: "Non mi sento sottovalutato in Yamaha"

Prossimo Articolo

MotoGP: i piloti che hanno fatto più giri in testa nel 2020

MotoGP: i piloti che hanno fatto più giri in testa nel 2020
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021