Livio Suppo lascia Honda HRC e la MotoGP

L'ormai ex team principal della Honda HRC lascia il Paddock dopo 22 anni e tanti titoli mondiali. "La mia impresa? Certamente il titolo mondiale 2007 con la Ducati!". Ora si dedicherà più alla famiglia.

Livio Suppo lascia Honda HRC e la MotoGP
Marc Marquez, Repsol Honda Team, Livio Suppo, HRC
Race winner Valentino Rossi, Fiat Yamaha Team celebrates with Casey Stoner, Ducati Marlboro Team
Mike Doohan e Livio Suppo, Team Principal Repsol Honda Team
Podio: secondo Loris Capirossi, Ducati; il vincitore Casey Stoner; terzo Valentino Rossi, Yahmaha
Livio Suppo, Team Principal of the Repsol Honda Team, Carlo Fiorani
Casey Stoner, Ducati Team
Livio Suppo, Team Principal of the Repsol Honda Team

I festeggiamenti per il sesto titolo mondiale della carriera di Marc Marquez, il quarto da quando corre con Honda HRC in MotoGP, sono appena terminati. Domani scatteranno infatti i primi test in ottica 2018. Nel team campione del mondo della classe regina delle due ruote è però arrivata una notizia di cui avrebbe volentieri fatto a meno: Livio Suppo, team principal e direttore del marketing e della comunicazione Honda in MotoGP, lascia il team HRC.

Ad annunciarlo è stato lo stesso Suppo assieme a Tetsuhiro Kuwata, uno dei tre direttori dellHRC, attraverso una conferenza stampa svolta questo pomeriggio nel Paddock del tracciato Ricardo Tormo di Valencia.

Kuwata ha aperto la conferenza stampa dando l'annuncio dell'addio di Suppo: "Siamo qui per comunicare che, dopo numerose stagione piene di successi, Livio Suppo ci ha comunicato che ha deciso di lasciare il Repsol Honda Team per intraprendere una nuova vventura professionale. Assieme siamo riusciti a centrare grandi risultati in MotoGP, ad esempio molto titoli mondiali. Vogliamo augurare a Livio tutto il meglio per il futuro e buona fortuna per le prossime scelte che vorrà fare".

Pochi istanti dopo è stato il turno di Livio Suppo, che ha voluto fare un'introduzione per ribadire il suo addio alla Honda e al Paddock della MotoGP per intraprendere una nuova strada.

"Come è già stato detto ho preso la decisione di lasciare la Honda. Non è certo una decisione facile dopo 22 anni in questo Paddock che mi ha conferito grandi soddisfazioni e qualche momento nero, sto ovviamente parlando della morte di alcuni piloti".

"Voglio ringraziare Nakamoto per avermi dato l'opportunità di lavorare per questo grande team. Credo che lasciare ora sia la scelta giusta, perché avevo ancora 1 anno di contratto ma il lavoro per l'anno prossimo è già stato fatto, perché piloti e sponsor hanno già un contratto con Honda. Per questo ho deciso di apportare un cambiamento importante nella mia vita ora, in modo tale da permettere a Honda di organizzarsi bene per il futuro. Sarebbe stato molto più difficile lasciare l'anno prossimo con tanto lavoro da fare. Per questo ho deciso di anticipare il mio addio".

"Non è facile lasciare questo mondo dopo 22 anni perché è stato parte della mia vita per tanto tempo. Ma, come detto, penso proprio che questo sia il momento giusto. La scelta giusta per me, la mia famiglia e per tutti. Auguro il meglio ad HRC, che è composta da grandi persone e professionisti e grazie ancora per avermi permesso di far parte di questo fantastico team".

La prima domanda rivolta a Suppo è stata la più logica: cosa farà dopo aver lasciato HRC? L'ormai ex team principal Honda di MotoGP non ha avuto dubbi sull'immediato futuro, evitando però di fare chiarezza sul lungo periodo.

"Di sicuro mi prenderò un po' di tempo per fare vacanze, riposarmi. Ma ho già qualche idea su cosa fare dopo. Andrò in bicicletta con gli amici e voglio dedicare più tempo a me stesso e alla mia famiglia. Al momento ho bisogno di uno stacco. Dopo 22 anni in questo mondo, che è fantastico, hai bisogno di fermarti perché è davvero molto impegnativo. Il mio obiettivo ora è sgomberare la mente, riposarmi e provare a fare qualcosa di diverso".

Per concludere, Suppo non ha esitato a votare il momento più bello della sua carriera. Negli ultimi anni con HRC ha vinto tanti titoli, ma la vera e propria impresa ha i colori italiani. Per la precisione quelli della Ducati.

"La mia più grande conquista... Devo chiedere scusa ad HRC, perché sono stato sino a ora un loro dipendente e ho lavorato con gioia per loro, ma è stato aver vinto il titolo mondiale 2007 con Ducati e Casey Stoner. E' stato davvero qualcosa di speciale, perché avevo spinto la Casa a entrare in MotoGP a passare alle Bridgestone e per me vincere quel titolo è davvero qualcosa di speciale".

Honda HRC ha fatto sapere che non sostituirà nell'immediato il manager 53enne, nel ruolo di team principal, che ha ricoperto sino a ieri nel Gran Premio della Comunitat Valenciana, ultimo appuntamento del Motomondiale 2017.

 

condivisioni
commenti
Valentino: "La Yamaha ha diversi problemi e poco tempo per risolverli"

Articolo precedente

Valentino: "La Yamaha ha diversi problemi e poco tempo per risolverli"

Prossimo Articolo

Dall'Igna: "Lorenzo? Non sono contento del 2017, ma resto fiducioso"

Dall'Igna: "Lorenzo? Non sono contento del 2017, ma resto fiducioso"
Carica commenti
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia" Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia"

Il Gran Premio di San Marino di MotoGP ha regalato tanti promossi e tanti bocciati. Da un perfetto Bagniaia, un sorprendente Bastianini, fino ad arrivare alla delusione Dovizioso, ecco le pagelle stilate e commentate da Franco Nugnes e Matteo Nugnes.

MotoGP
20 set 2021
MotoGP, Lap Chart del GP di San Marino Prime

MotoGP, Lap Chart del GP di San Marino

A Misano, Bagnaia si ripete. Un successo arrivato dopo una gara impeccabile. Ripercorriamo, grazie alla nostra animazione grafica, tutte le emozioni del Gran Premio di San Marino.

MotoGP
20 set 2021
MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

MotoGP
19 set 2021
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021