MotoGP
G
GP di Spagna
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
41 giorni
14 mag
-
17 mag
Prossimo evento tra
55 giorni
G
GP d'Italia
28 mag
-
31 mag
Prossimo evento tra
69 giorni
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
76 giorni
G
GP di Germania
18 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
90 giorni
G
GP d'Olanda
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
97 giorni
G
GP di Finlandia
09 lug
-
12 lug
Prossimo evento tra
111 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
139 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
146 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
160 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
174 giorni
G
GP di Aragon
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
189 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
196 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
209 giorni
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
217 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
223 giorni
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
238 giorni
20 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
245 giorni
G
GP di Valencia
27 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
252 giorni

L’inverno ha favorito la maturazione di Joan Mir

condivisioni
commenti
L’inverno ha favorito la maturazione di Joan Mir
Di:
Tradotto da: Lorenza D'Adderio
26 feb 2020, 17:50

Dopo un debutto complicato in MotoGP, Joan Mir mostra quanto le vacanze siano state riparatrici e gli abbiano permesso di fare un salto di qualità nel modo di guidare.

Alla sua prima stagione in MotoGP, Joan Mir non ha potuto dare la miglior versione di sé che Suzuki si aspettava. La sua stagione è stata caratterizzata da un esordio solido con un ottavo posto a Losail, ma anche da un incidente durante i test di Brno, dopo il Gran Premio della Repubblica Ceca, che gli ha procurato una contusione polmonare, constringendolo a saltare due gare (Austria e Gran Bretagna).

A margine della preoccupazione generata da quella caduta, la Suzuki ha cercato per gran parte della stagione di facilitare il proprio pilota nell’adattamento alla GSX-RR, una moto che concettualmente non è la più adatta alle caratteristiche dello spagnolo.

Qualche mese fa, uno degli ingegneri della Casa di Hamamatsu aveva detto a Motorsport.com: “Joan è un pilota aggressivo e questa moto richiede fluidità, che non si forzi e va lasciata correre”.  

La distanza a fine stagione tra Mir (12esimo in classifica) ed il suo compagno di squadra Álex Rins (quarto) è stata di 113 punti a favore di quest’ultimo, che ha anche vinto ad Austin e Silverstone, oltre ad aver ottenuto un secondo posto a Jerez.

Ma alla luce di quanto visto nelle due sessioni di test di quest’inverno, tutto lascia pensare che questa differenza si ridurrà, confermando così la strategia della squadra di rinnovare entrambi i piloti fino al 2022.

Da quando è tornato sulla moto nei primi test di Sepang, Mir è apparso diverso dall’anno scorso. Stessa espressione concentrata di sempre, ma molto più sciolto in sella alla moto. L’inverno, tra giorni sulla neve ed allenamenti di motocross, ha avuto un effetto riparatore per lui. Lo ha riconosciuto lo stesso pilota durante la sessione di test in Qatar, dove ha parlato con Motorsport.com.

“Sono sempre stato un pilota dallo stile aggressivo – afferma Mir – Credo che sia più facile diventare più fluidi che intraprendere il percorso inverso, nel caso in cui manchi l’aggressività. Ci sono cose che mi riescono facili, ma che l’anno scorso mi costavano fatica”.

Lo spagnolo continua: “Le mie sensazioni sulla moto sono cambiate molto rispetto a quelle che avevo qualche mese fa. Questo è qualcosa che si doveva studiare, molte volte succede che finisca una stagione in cui hai guidato in un modo. Poi arriva l’inverno, stai due mesi lontano dai circuiti, tranquillo e con la mente rilassata, e quando torni in sella sembri migliore”.  

“Sicuramente ho potuto raccogliere tutte le informazioni ed i consigli che mi hanno dato i tecnici lo scorso anno, rifletterci ed assimilarli. Ma è un processo che avviene in maniera inconsapevole. Durante la stagione è più complicato farlo, non so perché”, aggiunge il pilota Suzuki, che in Qatar ha chiuso con il sesto crono nei test, a mezzo decimo da Rins ed a meno di tre decimi da Maverick Viñales, il più rapido.

Per quanto riguarda le sue ambizioni, preferisce essere moderato, tuttavia non nega l’evidenza: “Si è visto che siamo competitivi, anche se non voglio sbilanciarmi e dire che la moto è pronta, perché poi le cose possono andare per il verso sbagliato e devi rimangiarti tutto quello che hai detto in precedenza”.  

Prossimo Articolo
Quartararo: "E' più difficile adattarsi alla M1 di quest'anno"

Articolo precedente

Quartararo: "E' più difficile adattarsi alla M1 di quest'anno"

Prossimo Articolo

La stanza nascosta di Valentino Rossi: "Questo è il mio museo segreto"

La stanza nascosta di Valentino Rossi: "Questo è il mio museo segreto"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento Test di Febbraio in Qatar
Piloti Joan Mir
Team Team Suzuki MotoGP
Autore Oriol Puigdemont