MotoGP
17 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
6 giorni
G
GP di Andalusia
24 lug
-
26 lug
Prossimo evento tra
13 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
26 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
33 giorni
G
GP di Stiria
21 ago
-
23 ago
Prossimo evento tra
41 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
61 giorni
G
GP dell'Emilia Romagna
18 set
-
20 set
Prossimo evento tra
69 giorni
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
76 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Canceled
09 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
90 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
97 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
104 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Canceled
G
GP d'Europa
06 nov
-
08 nov
Prossimo evento tra
118 giorni
G
GP di Valencia
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
125 giorni
20 nov
-
22 nov
Canceled

L'ex team principal di MotoGP Paul Bird è stato squalificato per 8 anni dai rally per doping!

condivisioni
commenti
L'ex team principal di MotoGP Paul Bird è stato squalificato per 8 anni dai rally per doping!
Di:
30 gen 2019, 16:10

L'ex team principal di MotoGP e pilota di rally Paul Bird è stato bandito per otto anni dalle corse, dopo essere stato dichiarato colpevole di aver evitato un controllo dell'antidoping britannica.

Bird è uno dei protagonisti della BTRDA Rally Series, un campionato su terra aperto ad una vasta gamma di vetture, che disputa al volante di una Ford Focus WRC07.

Già bandito per due anni nel 2015, quando era risultato positivo ad un controllo antidoping in seguito al Nicky Grist Stages di luglio.

Al termine della squalifica, è tornato a correre nel 2017 e l'anno successivo ha preso parte all'intero campionato della BTRDA Gold Star.

Tuttavia, in seguito al Rallynuts Stages del 14 aprile 2018, Bird è stato accusato dal tribunale antidoping nazionale per "rifiuto o mancata presenza all'invio della raccolta di campioni".

La Motorsport UK gli ha quindi inflitto una squalifica di ben otto anni, scattata a partire dall'11 luglio dello scorso anno.

La cosa curiosa, è che successivamente a questa data ha gareggiato ancora al Plains Rally, piazzandosi terzo dopo aver lottato per la vittoria con Matt Edwards. Non è chiaro, tuttavia, perché abbia avuto la possibilità di presentarsi al via.

Nicole Sapstead, amministratore delegato della UKAD, ha dichiarato: "E' chiaro nelle regole antidoping che il rifiuto di fornire un campione verrà trattato con la stessa gravità di un test positivo. Mr Bird ne era a conoscenza, essendo stato avvertito delle conseguenze dal personale del controllo antidoping".

"L'UKAD mirerà sempre a garantire sanzioni pesanti per tutti coloro che non aderiscono alle procedure antidoping, trattando con disprezzo il concetto di sport pulito".

La Paul Bird Motorsport ha gareggiato in MotoGP dal 2012 al 2014, schierando prima una ART-Aprilia e poi una moto realizzata in proprio, ma sempre con il motore della Casa di Noale.

Più recentemente, ha ottenuto dei successi nel British Superbike, conquistando il titolo sia nel 2016 che nel 2017 con Shane Byrne.

Prossimo Articolo
Morbidelli: "Se Hamilton volesse provare la mia MotoGP, gliela darei subito!"

Articolo precedente

Morbidelli: "Se Hamilton volesse provare la mia MotoGP, gliela darei subito!"

Prossimo Articolo

In attesa dei big, da domani Pirro guida l'armata dei collaudatori MotoGP a Sepang

In attesa dei big, da domani Pirro guida l'armata dei collaudatori MotoGP a Sepang
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Autore Jack Benyon