Le squadre di MotoGP si fermano a Jerez per una giornata di test

condivisioni
commenti
Le squadre di MotoGP si fermano a Jerez per una giornata di test
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
25 apr 2016, 07:38

I team dovranno archiviare subito l'intenso fine settimana del GP di Spagna per cominciare a lavorare sullo sviluppo delle proprie moto. Molti tireranno nuovamente fuori il materiale accantonato in inverno.

Start action
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Winner Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Andrea Iannone, Ducati Team
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Oggi in Italia è un giorno di festa, ma per i protagonisti della MotoGP non vale lo stesso discorso: archiviato il weekend del GP di Spagna, le squadre della classe regina si sono infatti fermate a Jerez de la Frontera per una giornata di test molto importante.

La Yamaha per esempio porterà avanti le prove comparative iniziate già nel corso del weekend da Jorge Lorenzo, legate al potenziale futuro utilizzo della M1 con il bocchettone del carburante sul codone. Un lavoro su cui Valentino Rossi si concentrerà oggi, dopo aver lavorato soprattutto in chiave gare nei giorni scorsi.

In casa Honda HRC invece bisognerà cercare di fare qualche passo avanti a livello di messa a punto, perché alla distanza le due RC213V di Marc Marquez e Dani Pedrosa hanno perso pesantemente il confronto con le Yamaha sul tracciato andaluso.

Su tutti però sarà una giornata estremamente importante dalla Ducati, reduce da un fine settimana che ha dato vita a tanti punti interrogativi, legati soprattutto alla nuova gomma posteriore della Michelin con la carcassa più rigida, che pare davvero indigesta alla Desmosedici GP.

Tanto lavoro da fare, infine, anche per Suzuki ed Aprilia, che sicuramente porteranno avanti il lavoro aerodinamico iniziato venerdì, quando hanno montato per la prima volta le alette. La Casa di Hamamatsu poi proseguirà anche le comparative tra il telaio 2015 e 2016, ma pure lo sviluppo del cambio seamless.

Prossimo articolo MotoGP
In caso di gara asciutta c'è il rischio del cambio moto obbligatorio

Articolo precedente

In caso di gara asciutta c'è il rischio del cambio moto obbligatorio

Prossimo Articolo

Valentino, l'Highlander della MotoGP che continua a stupire

Valentino, l'Highlander della MotoGP che continua a stupire
Carica commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Test