Le Mans, Warm-Up: Marquez fa paura a tutti con la gomma dura

Il pilota della Honda è l'unico ad optare per questa soluzione e rifila mezzo secondo a Dovizioso e Iannone, che invece usano la soft. Valentino è quinto, ma paga otto decimi. Cade Zarco per un'incomprensione con Luthi.

Le Mans, Warm-Up: Marquez fa paura a tutti con la gomma dura

Marc Marquez ha provato a fare decisamente paura alla concorrenza nel Warm-Up del GP di Francia di MotoGP. Pur essendo l'unico ad aver montato la gomma dura al posteriore, con quasi tutti gli altri indirizzati sulla morbida, il pilota della Honda è riuscito a fare il vuoto alle sue spalle.

Il leader della classifica iridata è stato infatti il solo capace di infrangere la barriera dell'1'32", realizzando proprio all'ultimo giro un crono di 1'31"868. Alle sue spalle, ma staccata di quasi mezzo secondo, c'è la Ducati di Andrea Dovizioso, che però ha provato a portare avanti la vita di una gomma soft usata al posteriore.

In terza posizione c'è la Suzuki di Andrea Iannone, che paga mezzo secondo anche lui con gomma soft sia all'anteriore che al posteriore, seguito dalla Ducati GP17 con i colori Pramac Racing affidata a Jack Miller. Completa la top 5 la Yamaha di Valentino Rossi, ma anche con la temperatura fresca del mattino il "Dottore" non è riuscito ad avvicinarsi troppo alla vetta, perché paga otto decimi. Stesso discorso che vale anche per Maverick Vinales, accreditato del nono tempo ad oltre un secondo.

Tra le due M1 ufficiali ci sono anche la Honda di Dani Pedrosa, la Ducati Pramac di Danilo Petrucci e l'Aprilia di Aleix Espargaro. Come avrete notato, stamattina è un po' mancato all'appello il poleman Johann Zarco, solamente decimo. Il pilota transalpino della Yamaha Tech 3 però è incappato in una caduta alla curva 8 a causa di un'incomprensione con Thomas Luthi.

La bella notizia di questa mattina è il ritorno in sella di Cal Crutchlow, ieri vittima di un bruttissimo highside nella Q1. Gli esami a cui è stato sottoposto il pilota della Honda LCR hanno escluso fratture all'anca dolorante e, dopo aver passato la notte in ospedale, Cal è tornato in autodromo ed in sella alla sua RC213V, staccando l'11esimo tempo.

Un po' al di sotto delle aspettative anche Jorge Lorenzo, che non è riuscito a fare meglio del 12esimo tempo dopo aver firmato una buona seconda fila ieri. Il maiorchino precede un buon Franco Morbidelli con la Honda della Marc VDS e Pol Espargaro, migliore tra i piloti KTM.

Subito dopo troviamo Tito Rabat, anche lui protagonista di una scivolata senza conseguenze: a tradire il portacolori della Ducati Avintia è stata una chiusura dell'anteriore alla curva 3.

Cla#PilotaMotoGiriTempoGapDistaccokm/hSpeed Trap
1 93 spain Marc Márquez Alenta Honda 13 1'31.868     163.996 304
2 4 italy Andrea Dovizioso Ducati 12 1'32.320 0.452 0.452 163.193 306
3 29 italy Andrea Iannone Suzuki 12 1'32.384 0.516 0.064 163.080 301
4 43 australia Jack Miller Ducati 13 1'32.480 0.612 0.096 162.910 302
5 46 italy Valentino Rossi Yamaha 12 1'32.679 0.811 0.199 162.561 301
6 26 spain Daniel Pedrosa Honda 13 1'32.791 0.923 0.112 162.364 303
7 9 italy Danilo Petrucci Ducati 12 1'32.803 0.935 0.012 162.343 301
8 41 spain Aleix Espargaro Aprilia 13 1'32.875 1.007 0.072 162.218 304
9 25 spain Maverick Viñales Yamaha 11 1'32.969 1.101 0.094 162.054 302
10 5 france Johann Zarco Yamaha 9 1'33.031 1.163 0.062 161.946 301
11 35 united_kingdom Cal Crutchlow Honda 11 1'33.059 1.191 0.028 161.897 302
12 99 spain Jorge Lorenzo Ducati 12 1'33.094 1.226 0.035 161.836 307
13 21 italy Franco Morbidelli Honda 13 1'33.102 1.234 0.008 161.822 299
14 44 spain Pol Espargaro KTM 13 1'33.156 1.288 0.054 161.728 302
15 53 spain Tito Rabat Ducati 10 1'33.197 1.329 0.041 161.657 296
16 30 japan Takaaki Nakagami Honda 12 1'33.228 1.360 0.031 161.603 298
17 19 spain Alvaro Bautista Ducati 13 1'33.241 1.373 0.013 161.581 300
18 55 malaysia Hafizh Syahrin Yamaha 9 1'33.394 1.526 0.153 161.316 295
19 38 united_kingdom Bradley Smith KTM 12 1'33.429 1.561 0.035 161.256 302
20 45 united_kingdom Scott Redding Aprilia 12 1'33.590 1.722 0.161 160.978 295
21 42 spain Alex Rins Suzuki 12 1'33.715 1.847 0.125 160.764 296
22 10 belgium Xavier Simeon Ducati 10 1'34.101 2.233 0.386 160.104 296
23 12 switzerland Thomas Lüthi Honda 9 1'34.324 2.456 0.223 159.726 294
24 17 czech_republic Karel Abraham Ducati 11 1'34.715 2.847 0.391 159.066 299

 

condivisioni
commenti
Lorenzo: "Non mi importa con chi parli Dovi del suo compagno"

Articolo precedente

Lorenzo: "Non mi importa con chi parli Dovi del suo compagno"

Prossimo Articolo

Marquez domina a Le Mans e scappa, sul podio Petrucci e Valentino

Marquez domina a Le Mans e scappa, sul podio Petrucci e Valentino
Carica commenti
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021
Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez" Prime

Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez"

La maturazione del pilota della Yamaha è evidente e con un pizzico di fortuna in più forse staremmo già parlando di un dominio incontrastato. Proprio come Marquez, Fabio sta dimostrando di saper andare anche oltre il valore del mezzo. E ora è davvero un peccato che lui e Marc non si possano battere alle pari...

MotoGP
1 giu 2021