Le Mans, Libere 3: Vinales e la Yamaha rialzano la testa

condivisioni
commenti
Le Mans, Libere 3: Vinales e la Yamaha rialzano la testa
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
19 mag 2018, 08:55

Lo spagnolo segna il miglior tempo, ma ci sono anche Valentino terzo e Zarco quarto. Tra di loro si infila Marquez, unica Honda in Q2 nonostante una scivolata. Seguono le due Ducati di Dovizioso, che non migliora, e Lorenzo.

Ormai sappiamo fin troppo bene che le Yamaha patiscono il caldo, ma questa mattina a Le Mans hanno fatto capire che almeno con il fresco sono decisamente competitive sul tracciato transalpino, perché hanno occupato tre delle prime quattro posizioni della classifica cumulativa del GP di Francia.

Il più veloce è stato Maverick Vinales, che ha fatto segnare il nuovo record del circuito Bugatti in 1'31"619. Nella sua scia però c'è il leader del Mondiale Marc Marquez, ancora una volta incappato in una scivolata alla curva 3, dalla quale però ha reagito alla grandissima, realizzando un 1'31"774.

Una prestazione davvero incredibile se si pensa che la sua è l'unica RC213V che è riuscita a qualificarsi direttamente per la Q2 di oggi pomeriggio, con Cal Crutchlow che invece si ritrova 11esimo e Dani Pedrosa, a sua volta autore di una caduta alla curva 12 e nuovamente dolorante al braccio operato dopo l'Argentina, addirittura 16esimo.

Come detto, le Yamaha però sono parse decisamente in spolvero, perché in terza e quarta posizione ci sono le due M1 di Valentino Rossi e del padrone di casa Johann Zarco, che hanno chiuso distanziati rispettivamente di 191 e di 247 millesimi rispetto al miglior tempo di Vinales.

In quinta e sesta posizione della cumulativa troviamo le due Ducati di Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo. Il forlivese, fresco di rinnovo fino al 2020 con la Casa di Borgo Panigale fino al 2020, è uno dei pochi che stamani non sono riusciti a migliorare il crono di ieri. Il maiorchino invece ha fatto uno step importante, iscrivendosi anche lui al club dei piloti scesi sotto all'1'32".

Per la Ducati comunque è stata in generale una buona FP3, perché nella top 10 ci sono anche le due GP17 di Jack Miller e di un ottimo Tito Rabat, che occupano la settima e la nona posizione. Tra di loro si è inserita l'Aprilia di Aleix Espargaro, che pure lui quindi festeggia nel migliore dei modi il rinnovo con la Casa di Noale. Il quadro dei dieci che vanno direttamente alla Q2 si completa poi con la Suzuki di Andrea Iannone, che paga solo mezzo secondo in decima piazza.

E' facile intuire che la Q1 di oggi potrà essere un grande spettacolo, perché oltre ai già citati Crutchlow e Pedrosa ci saranno anche piloti del calibro di Danilo Petrucci ed Alex Rins, che hanno chiuso rispettivamente 12esimo e 13esimo nella cumulativa. Tra gli esclusi c'è anche Pol Espargaro, 14esimo con la sua KTM ed autore di una scivolata alla curva 6. A terra anche il suo compagno Bradley Smith alla curva 10, Thomas Luthi alla curva 7 e Xavier Simeon alla curva 3.

Rispetto a ieri sembra aver fatto un passetto in avanti Franco Morbidelli, 18esimo ad 1"3 con la Honda della Marc VDS. Per lui comunque essere solo un paio di posizioni più indietro rispetto a Pedrosa può essere sicuramente positivo.

Classifica FP3 (non cumulativa)

Cla#PilotaMotoGiriTempoGapDistaccokm/hSpeed Trap
1 25 spain Maverick Viñales Yamaha 24 1'31.619     164.441 304
2 93 spain Marc Márquez Alenta Honda 22 1'31.774 0.155 0.155 164.164 301
3 46 italy Valentino Rossi Yamaha 22 1'31.810 0.191 0.036 164.099 302
4 5 france Johann Zarco Yamaha 19 1'31.866 0.247 0.056 163.999 303
5 99 spain Jorge Lorenzo Ducati 20 1'31.981 0.362 0.115 163.794 306
6 43 australia Jack Miller Ducati 24 1'32.064 0.445 0.083 163.647 302
7 41 spain Aleix Espargaro Aprilia 20 1'32.135 0.516 0.071 163.520 297
8 53 spain Tito Rabat Ducati 24 1'32.160 0.541 0.025 163.476 298
9 29 italy Andrea Iannone Suzuki 22 1'32.179 0.560 0.019 163.442 298
10 35 united_kingdom Cal Crutchlow Honda 18 1'32.262 0.643 0.083 163.295 308
11 9 italy Danilo Petrucci Ducati 20 1'32.289 0.670 0.027 163.248 302
12 42 spain Alex Rins Suzuki 22 1'32.295 0.676 0.006 163.237 300
13 19 spain Alvaro Bautista Ducati 21 1'32.450 0.831 0.155 162.963 304
14 26 spain Daniel Pedrosa Honda 20 1'32.525 0.906 0.075 162.831 304
15 4 italy Andrea Dovizioso Ducati 20 1'32.568 0.949 0.043 162.756 309
16 38 united_kingdom Bradley Smith KTM 19 1'32.953 1.334 0.385 162.081 300
17 21 italy Franco Morbidelli Honda 20 1'32.992 1.373 0.039 162.013 299
18 55 malaysia Hafizh Syahrin Yamaha 19 1'33.049 1.430 0.057 161.914 303
19 44 spain Pol Espargaro KTM 14 1'33.075 1.456 0.026 161.869 302
20 30 japan Takaaki Nakagami Honda 21 1'33.096 1.477 0.021 161.832 296
21 45 united_kingdom Scott Redding Aprilia 21 1'33.107 1.488 0.011 161.813 295
22 17 czech_republic Karel Abraham Ducati 18 1'33.336 1.717 0.229 161.416 304
23 12 switzerland Thomas Lüthi Honda 18 1'33.603 1.984 0.267 160.956 296
24 10 belgium Xavier Simeon Ducati 17 1'34.002 2.383 0.399 160.273 296

 

Prossimo Articolo
Aprilia, Espargaro: "Qui a Le Mans basta poco per perdere posizioni"

Articolo precedente

Aprilia, Espargaro: "Qui a Le Mans basta poco per perdere posizioni"

Prossimo Articolo

Le Mans, Libere 4: Dovizioso si porta in vetta, cade Valentino

Le Mans, Libere 4: Dovizioso si porta in vetta, cade Valentino
Carica commenti