L’allarme di Zasa: "Siamo di fronte alla terza Guerra Mondiale”

Michele Zasa, responsabile della Clinica Mobile MotoGP, vuole rendere manifesta la gravità della situazione provocata dal Coronavirus.

L’allarme di Zasa: "Siamo di fronte alla terza Guerra Mondiale”

L’epidemia del coronavirus ha già contagiato più di 275.000 persone in tutto il mondo ed il numero di morti supera gli 11.000. La crisi che è iniziata in Cina sta affliggendo anche l’Europa e questa pandemia sta risultando letale in Italia, che con più di 4.000 vittime è diventata la nazione con il maggior numero di deceduti, superando anche la Cina.

Gli ospedali stanno rimanendo senza materiale per curare gli ammalati a causa dell’elevata cifra dei contagiati e varie figure influenti nel nostro paese si sono mobilitate per dare un aiuto. La Ferrari ha effettuato una donazione milionaria, mentre Valentino Rossi ha avviato una raccolta fondi. Inoltre il Circuito del Mugello ha messo a disposizione dei centri sanitari il materiale della clinica della pista.

Anche il responsabile della Clinica Mobile della MotoGP, Michele Zasa, sta aiutando attivamente. Il medico lancia un appello affinché si rispetti alla lettera il decreto emanato dal Governo italiano, che impone di restare in casa.

Leggi anche:

Il Dottor Zasa, parlando con La Gazzetta dello Sport, afferma: “Ci sono momenti in cui mi piacerebbe portare le persone a casa, vediamo quando recupereremo i morti. Ho visto molte cose dure nella mia vita da medico, ma qui siamo oltre tutto. Ancora non abbiamo raggiunto il picco, ma la situazione è davvero brutta. Siamo in guerra e vorrei che sia chiaro. I primi che rischiano sono coloro che lavorano nella Sanità, i volontari, i lavoratori della Protezione Civile, che in pochissimo tempo hanno dovuto prepararsi a fronteggiare una situazione di emergenza assoluta. È uno stress costante, perché dobbiamo seguire dei procedimenti molto rigidi per evitare il possibile contatto con i pazienti”.

Mentre in Spagna la popolazione sta cercando di rispettare l’isolamento restando nelle proprie case, in Italia non sta avvenendo la stessa cosa: “Il vero problema ora è vedere tanti giovani che iniziano a stare male. La gente vede la tragedia umana solamente quando noi medici dobbiamo portare via qualcuno dalle proprie case. Tuttavia, per strada si vede gente seduta sulle panchine, che passeggia, che corre. L’Italia è diventata un paese di runners! Lottiamo contro un esercito invisibile, ma a molte persone non importa il rischio di aumentare i contagi. Noi lavoratori siamo allo stremo, è la terza guerra mondiale e la gente deve iniziale a capirlo”.

condivisioni
commenti
Rossi: "Il futuro? Spero di avere qualche gara per capire"

Articolo precedente

Rossi: "Il futuro? Spero di avere qualche gara per capire"

Prossimo Articolo

Lorenzo: "Con la moto giusta potrei lottare per vincere titoli”

Lorenzo: "Con la moto giusta potrei lottare per vincere titoli”
Carica commenti
Ecco come KTM ha portato una ricchezza di talenti in MotoGP Prime

Ecco come KTM ha portato una ricchezza di talenti in MotoGP

Formando una scala che va dalla Red Bull Rookies Cup alla MotoGP, KTM ha creato un flusso costante di grandi talenti nelle gare di gran premio che ha portato il marchio austriaco al successo che ci si aspetta dal marchio. Ecco come è andata.

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021