La rabbia di Rossi e Lorenzo è sintomo delle carenze della MotoGP

La gestione delle modifiche del tracciato di Barcellona dopo l'incidente mortale di Luis Salom ha evidenziato alcune delle carenze organizzative della MotoGP.

La rabbia di Rossi e Lorenzo è sintomo delle carenze della MotoGP
Andrea Iannone, Ducati Team, Aleix Espargaro, Team Suzuki Ecstar MotoGP, Marc Marquez, Repsol Honda Team, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Pol Espargaro, Monster Yamaha Tech 3
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Marc Marquez, Repsol Honda Team, sorpassa Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing sorpassa Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Marc Marquez, Repsol Honda Team, talking
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Domenica scorsa Valentino Rossi ha insistito a dire che, dopo quello che è successo durante il fine settimana tragico di Montmelo, stava considerando la possibilità di ritornare a partecipare alle riunioni della Safety Commission, che si tengono in occasione dei GP, alle 17:30 del venerdì.

Lo shock della morte di Salom ha portato ad un incontro tra i piloti della MotoGP e, una volta deciso che il weekend sarebbe andato avanti, hanno iniziato a discutere delle misure necessarie per farlo e, in questo caso, di un cambio del layout.

Dieci piloti della MotoGP hanno iniziato a trattare il problema con l'aiuto di una mappa della pista, fino a quando non hanno realizzato che fosse meglio farlo sul campo, quindi hanno preso gli scooter e si sono recati alla curva 12.

Per la Honda c'era Marc Marquez; per la Ducati entrambi i piloti, così come per Tech 3; Aleix Espargaro era presente per la Suzuki, inoltre c'erano Tito Rabat, Jack Miller, Cal Crutchlow ed Alvaro Bautista.

Ovviamente gli assenti più importanti erano i due piloti della Yamaha, che hanno giustificato la loro assenza senza molta credibilità il giorno successivo, suscitando anche pesanti critiche da parte dei loro colleghi.

Ancora peggio è stato quando l'italiano ha suggerito - non si sa se scherzosamente o meno - che qualcuno potrebbe aver colto l'occasione per aiutare un team specifico, apportando delle modifiche anche ad un'altra curva.

Rossi e Lorenzo sono rimasti infastiditi del fatto di non essere a conoscenza del cambiamento che era stato concordato e di non essere stati parte del processo decisionale. Anche se ognuno ha mostrato il suo disagio in maniera differente.

L'italiano ha ammesso il suo errore: "Sono pienamente consapevole del fatto che la Safety Commission si svolge ogni venerdì alle 5:30 di pomeriggio. Ma sono stato molto impegnato ed è stato un errore non andare questa volta".

Lo spagnolo, nel frattempo, ha cercato di trovato un colpevole, puntando il dito contro l'organizzazione. Ha sostenuto che una decisione così importante, come modificare il layout della pista, non possa essere presa senza il campione del mondo: "Se avessi saputo che stavano per discuterne, naturalmente ci sarei stato".

Il disordine che coinvolge la Yamaha è solo un esempio delle carenze che ha il campionato quando si presenta una situazione estrema come quella di venerdì.

In primo luogo, il fatto che i piloti abbiamo bisogno di riferire alle loro squadre le modifiche al layout non sembra l'opzione più appropriata, soprattutto quando gli unici che lo sapevano erano quelli che partecipano alle riunioni che, pur trattando un tema importante come la sicurezza, sono facoltative.

Questo non accade in Formula 1, per esempio, dove il briefing dei piloti del venerdì è obbligatorio per regolamento.

Quando si tratta di assegnare delle responsabilità, la soluzione più equa sarebbe quella di dividersele. Lorenzo e Rossi non hanno capito che, in quella giornata, avrebbero dovuto mettere gli interessi collettivi davanti ai propri, e la Yamaha non è stata capace di assisterli, facendogli capire quanto fosse importante l'incontro. E gli organi regolatori (FIM, Race Direction e Dorna) non hanno agito nel ruolo di leader per organizzare un incontro ufficiale con i rappresentanti di tutte le parti, inclusi team e piloti.

condivisioni
commenti
Uccio: La nostra amicizia è stata un po' la fortuna mia e di Vale

Articolo precedente

Uccio: La nostra amicizia è stata un po' la fortuna mia e di Vale

Prossimo Articolo

Dovizioso: "In questo momento sognare troppo sarebbe stupido"

Dovizioso: "In questo momento sognare troppo sarebbe stupido"
Carica commenti
Doctor F1: “Vale ha chiuso con Misano, non dovrebbe correre” Prime

Doctor F1: “Vale ha chiuso con Misano, non dovrebbe correre”

Valentino Rossi è stato la star indiscussa del fine settimana di MotoGP dove comunque è stato incoronato il nuovo campione del mondo, Fabio Quartararo. Il pilota di Tavullia ha ricevuto un'ovazione clamorosa dal suo pubblico - e non solo - e, come ha ammesso scherzando

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

MotoGP
25 ott 2021
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021