La MotoGP riparte da Jerez con la novità DAZN

L'attesa è stata lunga, ma finalmente è finita. Questo fine settimana la stagione 2020 della MotoGP prenderà il via a Jerez de la Frontera.

La MotoGP riparte da Jerez con la novità DAZN

Con le gare che per il momento si disputeranno a porte chiuse per evitare assembramenti e rispettare le norme anti-COVID, sarà fondamentale offrire agli appassionati tutte le opportunità possibili per seguire l'azione in pista dal proprio divano.

E in Italia quest'anno l'offerta si è allargata con l'arrivo di DAZN, che trasmetterà prove libere, qualifiche e gare di MotoGP™, Moto2™ e Moto3™ in diretta streaming e on demand, con il commento affidato a Niccolò Pavesi e Matteo Pittaccio, che potranno avvalersi anche dell'esperienza di Marco Melandri, vice-campione 2005 e vincitore di 5 GP nella classe regina.

Aderendo al servizio sarà possibile seguire tutto il Motomondiale su due dispositivi differenti contemporaneamente allo stesso prezzo di sempre di 9,99 euro/mese e connetterne fino a un massimo di sei tra Smart TV, smartphone, tablet e console di gioco. Clicca qui per attivare il tuo abbonamento.

Prime risposte a Jerez

Ci eravamo lasciati a fine febbraio, con i test in Qatar che avevano mostrato una Yamaha in grande spolvero, pronta con Maverick Vinales e Fabio Quartararo a dare filo da torcere ad un Marc Marquez alle prese con una Honda RC213V 2020 nata con qualche difficoltà di troppo e con una spalla operata che non reagiva come sperato.

Poi però c'è stata la lunga pausa imposta dalla pandemia del COVID-19, quindi c'è grande curiosità di capire se questo stop avrà cambiato le gerarchie o meno, anche perché nel frattempo si sono delineati alcuni scenari diversi.

Su tutti, sarà da verificare quello in Ducati, dove tarda ad arrivare la firma del tre volte vice-campione del mondo Andrea Dovizioso, che si è anche infortunato durante una gara di motocross e quindi in Spagna potrebbe anche non essere al 100%.

Ma anche l'umore dello stesso Marc Marquez, dopo che la Honda ha deciso di non confermare suo fratello in HRC per il 2021, preferendogli Pol Espargaro. E la voglia di riscatto di Valentino Rossi, ormai prossimo all'annuncio del suo passaggio nel Team Petronas in sella ad una M1 in versione factory nel 2021.

Il calendario 2020

Tutte cose per cui inizieremo ad avere le prime risposte dalla doppia trasferta andalusa, che vedrà il Motomondiale in pista a Jerez sia nel weekend del 19 (GP di Spagna) che in quello del 26 luglio (GP di Andalusia).

Ma sarà un'estate molto "calda", con ben tre Gran Premi previsti anche nel mese di agosto: si comincia il 9 a Brno, in Repubblica Ceca, per il primo appuntamento di una tripletta che prevede un doppio impegno al Red Bull Ring con il GP d'Austria il 16 e quello di Stiria il 23.

Dopo una pausa di due settimane, sarà finalmente la volta dello sbarco in Italia per il Motomondiale, con un doppio appuntamento sul Marco Simoncelli World Circuit di Misano. Appuntamento al weekend del 13 settembre con il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini, mentre la settimana successiva sarà la volta del Gran Premio di Emilia Romagna.

Anche il mese di settembre vedrà una tripletta, perché subito dopo Misano la carovana del Motomondiale si sposterà a Barcellona per il Gran Premio di Catalogna. Poi sarà la volta del Gran Premio di Francia, l'11 ottobre a Le Mans, che precederà un poker di ben quattro gare in Spagna.

Prima tappa al Motorland Aragon, dove il 18 ed il 25 ottobre andranno in scena i Gran Premi di Aragon e di Teruel. Poi ci si sposterà a Valencia, con il Gran Premio d'Europa fissato per l'8 novembre e quello della Comunità Valenciana invece per il 15 dello stesso mese.

Quest'anno però il Ricardo Tormo potrebbe anche non essere la sede dell'atto conclusivo della stagione, perché entro il 31 luglio Dorna deciderà se organizzare anche delle trasferte extraeuropee o meno.

Sicuramente non si farà quella ad Austin, perché il Circuit of the Americas ha annunciato che l'edizione 2020 del GP è cancellata. E in quest'ottica, dunque, appare molto difficile che si possa andare a correre in Argentina, perché la sola trasferta a Termas de Rio Hondo sarebbe molto costosa per i team.

Tuttavia, resta ancora la possibilità di andare a correre in Asia, con Thailandia e Malesia che non hanno ancora alzato bandiera bianca definitivamente, nella speranza di riuscire ad organizzare degli eventi con la presenza di pubblico. Condizione posta da Carmelo Ezpeleta per lasciare l'Europa.

Data

Gran Premio

Circuito

19 luglio

GP di Spagna

Jerez

26 luglio

GP di Andalusia

Jerez

9 agosto

GP della Repubblica Ceca

Brno

16 agosto

GP d'Austria

Red Bull Ring

23 agosto

GP di Stiria

Red Bull Ring

13 settembre

GP di San Marino

Misano

20 settembre

GP d'Emilia Romagna

Misano

27 settembre

GP di Catalogna

Barcellona

11 ottobre

GP di Francia

Le Mans

18 ottobre

GP d'Aragon

Motorland Aragon

25 ottobre

GP di Teruel

Motorland Aragon

8 novembre

GP d'Europa

Valencia

15 novembre

GP della Comunità Valenciana

Valencia

 

GP d'Argentina*

Termas de Rio Hondo

 

GP della Thailandia*

Buriram

 

GP della Malesia*

Sepang

* da confermare entro il 31 luglio

Guarda tutte le gare di MotoGP, Moto2 e Moto3 live su DAZN. Attiva ora e disdici quando vuoi.

condivisioni
commenti
MotoGP 2020: orari TV di Sky, DAZN e TV8 del GP di Spagna

Articolo precedente

MotoGP 2020: orari TV di Sky, DAZN e TV8 del GP di Spagna

Prossimo Articolo

Puig: “Repsol Honda non è il miglior posto per esordire”

Puig: “Repsol Honda non è il miglior posto per esordire”
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021