La MotoGP cancella le wild card: niente Barcellona per Lorenzo

Gli organizzatori della MotoGP annunceranno ufficialmente questa settimana la cancellazione per la stagione 2020 delle wild card in tutte e tre le categorie, negando a Jorge Lorenzo la possibilità di correre a Barcellona.

La MotoGP cancella le wild card: niente Barcellona per Lorenzo

La necessità di ridurre il più possibile il numero di persone che avranno accesso al paddock della MotoGP all'inizio del campionato, presumibilmente il 19 luglio a Jerez, ha portato i promoter del Campionato del Mondo a prendere la decisione di cancellare qualsiasi wild card in tutte le categorie.

Ogni costruttore di MotoGP ha il diritto, durante la stagione, di avere un minimo di tre inviti per i piloti non iscritti in modo permanente, un jolly che di solito è destinato ai piloti collaudatori delle rispettive marche.

Una delle grandi attrazioni del 2020 è stato il "ritorno" del cinque volte campione del mondo Jorge Lorenzo, come nuovo collaudatore della Yamaha, dopo il suo ritiro alla fine del 2019.

Lorenzo aveva confermato la sua presenza come wild card al Gran Premio di Catalogna, che si terrà a giugno. Tuttavia, la momentanea sospensione del campionato a causa della pandemia del COVID-19 ha sconvolto tutti i piani. La speranza per il pilota era che la gara di Barcellona venisse posticipata a settembre e che vi potesse partecipasse.

Leggi anche:

Tuttavia, stando a quanto ha appreso Motorsport.com, Dorna renderà ufficiale questa settimana la sospensione della wild card, che priverà tutti i tester della possibilità di partecipare ad alcune delle gare di quest'anno.

La decisione di Dorna è stata concordata con i costruttori del MotoGP, che erano sotto pressione per ridurre il più possibile il numero di persone che si recano ai Gran Premi, e hanno deciso di tagliare l'opzione delle wild card.

Il team manager della Suzuki, Davide Brivio, è intervenuto sull'argomento lunedì durante un'intervista telematica con un nutrito gruppo di giornalisti provenienti da tutto il mondo.

"Questo è un argomento di cui dobbiamo discutere" ha detto l'italiano.

"Se l'intenzione è quella di cercare di avere nel minor numero possibile di persone nel paddock, non credo che abbia molto senso fare delle wild card, perché questo significherebbe dover portare almeno otto o dieci persone in più. Penso che Dorna dirà presto qualcosa" ha detto Brivio.

Suzuki sarà una delle squadre più colpite da questo problema, in quanto il loro collaudatore, il francese Sylvain Guintoli, che ha disputato almeno dieci Gran Premi negli ultimi tre anni, quattro dei quali nel 2019, sta facendo un lavoro fondamentale, in quanto Suzuki non ha una squadra satellite.

Un altro "ospite fisso" è l'italiano Michele Pirro, che doveva guidare una Ducati in occasione di tre Gran Premi nel 2020, di cui due in Italia.

Foto: il ritorno di Lorenzo sulla Yamaha dopo il ritiro

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
1/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
2/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
3/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
4/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
5/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
6/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
7/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
8/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
9/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
10/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
11/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
12/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
13/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo Yamaha, Valentino Rossi, Yamaha
Jorge Lorenzo Yamaha, Valentino Rossi, Yamaha
14/18

Foto di: MotoGP

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
15/18

Foto di: Yamaha MotoGP

Silvano Galbusera, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Silvano Galbusera, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
16/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
17/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
18/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
MotoGP, Agostini risponde a Lorenzo: “La verità fa male”

Articolo precedente

MotoGP, Agostini risponde a Lorenzo: “La verità fa male”

Prossimo Articolo

Espargaro e Binder priorità KTM: Beirer allontana Dovizioso

Espargaro e Binder priorità KTM: Beirer allontana Dovizioso
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021