La Grand Prix Commission ha deciso: alette vietate dal 2017

condivisioni
commenti
La Grand Prix Commission ha deciso: alette vietate dal 2017
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
25 giu 2016, 16:30

La Grand Prix Commission, riunita questo pomeriggio ad Assen, ha deciso di rendere illegali le appendici aerodinamiche anche per la MotoGP a partire dal 2017. Per il resto di questa stagione potranno essere ancora utilizzate.

Winglet Aprilia
Ducati winglets
Yamaha winglets
Ducati winglets
Suzuki winglets
Suzuki winglets
Aprilia winglets
Ducati winglets

Tutto come previsto. Le appendici aerodinamiche chiamate comunemente "alette" che abbiamo visto nelle ultime due stagioni sulle carene delle moto di MotoGP scompariranno dalla prossima stagione perché bandite.

A rivelarlo è stata la Grand Prix Commission, formata dal boss della Dorna Carmelo Ezpeleta, Ignacio Verneda (FIM CEO), Herve Poncharal (IRTA), Takanao Tsubouchi (MSMA) e di Javier Alonso (Dorna) e Mike Trimby (IRTA, segretario della riunione di Assen).

La commissione ha infatti reso noto la messa al bando delle alette a partire dalla prossima stagione attraverso un comunicato, che dice: "La Commissione ha unanimemente deciso che, a partire dalla stagione sportiva 2017, l'utilizzo delle appendici aerodinamiche in MotoGP sarà vietato.

Verrà così utilizzato il medesimo regolamento adottato da Moto2 e Moto3. In queste categorie le alette sono già state rese illegali, dunque inutilizzabili.

Le appendici aerodinamiche, però, potranno essere utilizzate sino al termine di questa stagione".

Ducati perderà così uno dei punti di forza della sua Desmosedici. Questo provvedimento è stato preso perché molti piloti hanno più volte segnalato un possibile pericolo portato dalle appendici aerodinamiche in caso di incidente, poi prontamente smentito dai fatti.

Nell'incidente tra Iannone e Lorenzo al Montmelo, per esempio, al contatto tra le due moto le alette della Ducati si sono immediatamente staccate dalla carena, evitando di creare reali pericoli per i due rider coinvolti.

Questo provvedimento appare così una vittoria politica per i team che hanno provato ad adattarsi all'idea della casa di Borgo Panigale ma che, in realtà, non sono riusciti a far funzionare le appendici come Ducati.

Prossimo articolo MotoGP
Iannone: "Ancora un giro e le mie intermedie avrebbero funzionato"

Articolo precedente

Iannone: "Ancora un giro e le mie intermedie avrebbero funzionato"

Prossimo Articolo

Lorenzo: "Qualifica disastrosa, è stato come guidare sul ghiaccio!"

Lorenzo: "Qualifica disastrosa, è stato come guidare sul ghiaccio!"
Carica commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP d'Olanda
Sotto-evento Sabato, qualifiche
Location Assen
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Ultime notizie