La firma di Petrucci scuote le fondamenta del progetto KTM

La decisione di mettere Danilo Petrucci nel Team Tech 3 carica di un'enorme pressione i giovani Brad Binder e Miguel Oliveira, che invece difenderanno i colori del factory team.

La firma di Petrucci scuote le fondamenta del progetto KTM

Il mercato piloti della MotoGP si sta rivelando uno dei più folli degli ultimi anni e lo conferma l'ultima mossa a cui abbiamo assistito. Motorsport.com aveva già pubblicato la scorsa settimana che Danilo Petrucci aveva firmato per la KTM per il 2021, dopo la visiti alla fabbrica austriaca con il suo manager, quindi l'annuncio ufficiale non è stato una sorpresa.

La sorpresa è stata che Petrucci si unirà al team Tech 3, al fianco di Iker Lecuona, andando a prendere il posto di Miguel Oliveira, che invece raggiungerà Brad Binder nel team ufficiale della Casa di Mattighofen.

L'ultimo mese è stato piuttosto turbolento per la KTM, con la partenza del suo asset più importante, lo spagnolo Pol Espargaro, che andrà alla Honda, ma anche con la perdita di una delle stelle più promettenti per il futuro, ovvero Jorge Martin, che approderà alla Ducati per correre con Pramac.

Date le alternative piuttosto limitate sul mercato per sostituire Espargaro, Petrucci è sembrato la scelta più solida come nuovo leader del progetto austriaco.

Leggi anche:

Dal suo debutto in MotoGP con una CRT nel 2012, Petrucci infatti è cresciuto tanto. Ha firmato per la Ducati Pramac nel 2012, prima di subentrare a Jorge Lorenzo nella squadra ufficiale della Casa di Borgo Panigale lo scorso anno, acquisendo tanta esperienza.

Sa anche cosa significa vincere una gara in MotoGP, per di più contro il mattatore della categoria Marc Marquez, al termine di un'emozionante battaglia al Mugello. Dunque, il 29enne italiano sembra avere tutte le caratteristiche giuste per prendere il posto del più giovane dei fratelli Espargaro.

E' vero che le performance di "Petrux" sono calate nella seconda parte del 2019, senza un piazzamento tra i primi otto nelle ultime sette gare, in parte anche alle difficoltà di messa a punto legate ai suoi 181 cm di altezza ed ai suoi 80 kg di peso.

E proprio l'essere il pilota con più stazza della griglia potrebbe essere per lui un problema anche per quanto riguarda lo sviluppo della KTM RC16, visto che al momento è affidato a Dani Pedrosa, che invece ha un fisico esattamente all'opposto.

A parte tutto questo, Petrucci continuava a sembrare l'uomo giusto per essere la punta di diamante della KTM. Tuttavia, l'averlo inserito nel team Tech 3, seppur con supporto full factory, suggerisce che a Mattighofen probabilmente non lo vedono nello stesso modo.

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

La KTM si è sempre vantata (almeno fino ad oggi), che permette ai suoi piloti di salire dalla Red Bull Rookies Cup alla MotoGP, passando per la Moto3 e la Moto2. Una scalata che è stata un po' troncata quest'anno, visto che la KTM ha smesso di realizzare il suo telaio nella classe di mezzo, anche se è sempre presente con il Team Ajo, che ora porta in pista delle Kalex.

Il passaggio di Tech 3 dalla Yamaha alla KTM è avvenuto lo scorso anno e ha fatto della compagine francese lo junior team KTM, con Oliveira portato al debutto in MotoGP accanto ad Hafizh Syahrin. Poi c'è stata la firma di Lecuona per il 2020, con il giovane spagnolo che ha debuttato nel GP di Valencia.

Il secondo classificato della Moto2 dello scorso anno, Brad Binder, in origine aveva firmato con il team di Herve Poncharal per questa stagione, ma l'improvviso addio di Johann Zarco alla squadra ufficiale lo ha portato ad approdare direttamente nel factory team per il suo debutto in MotoGP.

Leggi anche:

Petrucci in Tech 3, dunque, va a rompere questo sistema, in quanto è tutt'altro che un pilota junior. Ma non è questo il problema principale della decisione della KTM.

Il rinvio della stagione 2020 a causa del Coronavirus ha lasciato un calendario di sole 13 gare, sette in meno rispetto a quello originale, quindi Binder avrà meno tempo per adattarsi al debutto nella categoria ed apprendere da un compagno esperto come Espargaro. Questo è importante perché l'anno prossimo dovrà assumersi maggiori responsabilità sullo sviluppo della RC16.

Lo stesso vale per Oliveira, anche se ha una stagione di esperienza, nella quale ha ottenuto un ottavo posto in Austria come miglior risultato. Il portoghese però non corre dal mese di ottobre a causa di un infortunio ad una spalla che lo aveva fermato.

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Quest'anno, quindi, saranno entrambi sottoposti ad una grande pressione perché dovranno dimostrare che la scelta è stata giusta. Ma la cosa curiosa è che questa decisione non doveva essere prese necessariamente in questo momento.

Con più di metà della griglia che aveva già definito la sua situazione, KTM avrebbe avuto tempo di valutare i sia Oliveira che Binder nelle prime gare prima di prendere una decisione sulla sua formazione.

Una promozione di Oliveira ai danni di Binder non sarebbe stata una cattiva mossa, con il sudafricano che avrebbe comunque goduto del pieno sostegno di Tech 3. Lo stesso vale per il portoghese se Petrucci fosse stato scelto per riempire il vuoto lasciato da Espargaro.

La pressione aumenterà ancora di più il prossimo anno, perché Binder ed Oliveira non sono esattamente migliori amici. Ancora di più dopo le tensioni sorte alla fine del 2018, quando erano compagni di squadra in Moto2.

Cosa che si è poi un po' inasprita quando Binder è stato annunciato come sostituto di Zarco per il 2020 e Oliveira non ha nascosto la sua rabbia parlando con la stampa.

Leggi anche:

Questa tensione può essere rischiosa. Se poi i due si azzufferanno invece di accelerare lo sviluppo della KTM, e Petrucci li batte con la moto satellite, le conseguenze potrebbero essere anche peggiori.

La KTM ha già la reputazione di essere una moto molto particolare, complicata per i rookie, ma anche per i piloti più esperti che hanno già altri riferimento in MotoGP. Il fatto che Oliveira abbia fatto la transizione arrivando da un telaio KTM Moto2 lo ha un po' aiutato e lo stesso potrebbe valere per Binder. Ma questa è un'opzione che KTM ha eliminato per i giovani che sono nel suo radar in ottica futura.

L'esperienza di Zarco con la moto dello scorso anno, così come l'esperienza di Syahrin in Tech 3, entrambi nuovi arrivati in KTM dalla Yamaha, rapprentano già un avvertimento.

Se Binder e Oliveira hanno problemi e Petrucci li batterà regolarmente, i vertici della KTM dovranno affrontare la questione del perché hanno scelto di mettere il pilota più esperto nel team satellite invece che in quello ufficiale. Nel frattempo, le promesse della Moto2 dovranno guardare altrove per fare il salto in MotoGP...

condivisioni
commenti
Retro MotoGP: perché Ducati è passata da Michelin a Bridgestone

Articolo precedente

Retro MotoGP: perché Ducati è passata da Michelin a Bridgestone

Prossimo Articolo

MotoGP, Lorenzo: “Spesso ho esasperato le rivalità con i piloti”

MotoGP, Lorenzo: “Spesso ho esasperato le rivalità con i piloti”
Carica commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021