KTM su Pedrosa: “Potremmo vederlo anche a Misano”

Pit Beirer e Mike Leitner commentano in esclusiva con Motorsport.com il ritorno di Dani Pedrosa in MotoGP e spiegano quali parti saranno utilizzate sulla KTM RC16 di Pedrosa.

KTM su Pedrosa: “Potremmo vederlo anche a Misano”

Il collaudatore KTM Dani Pedrosa farà il suo ritorno in MotoGP questo fine settimana, il Gran Premio della Stiria sarà il primo weekend di gara dello spagnolo in MotoGP dalla sua ultima volta, a Valencia nel 2018. Abbiamo incontrato il direttore di KTM Motorsport Pit Beirer e il team manager di KTM Mike Leitner e abbiamo chiarito le domande più importanti.

Come è nata l'idea di fare la wildcard? Ce lo spiega Mike Leitner in un’intervista a Motorsport.com: “Abbiamo già avuto colloqui l'anno scorso e gli abbiamo chiesto se poteva immaginare di fare una wildcard. Il suo 'no' non era così chiaro come tre anni fa. La moto era sempre più forte. Così col tempo è diventato più un 'sì' che un 'no'".

"Fondamentalmente, non voleva più correre – commenta Pit Beirer – voleva togliersi la pressione di dosso. Ecco perché si è licenziato. Quando ha firmato il contratto di test driver con noi, era chiaro fin dall'inizio che non voleva correre. Non ci interessava perché non stavamo cercando un pilota ma un collaudatore".

I progressi del progetto RC16 rendono appetibile la partecipazione alla gara

"Durante i test abbiamo notato che più la moto migliorava, più spesso parlava di gare – ricorda Pit Beirer – è sempre al lavoro sulla moto per la prossima stagione. E poi ha detto che gli piacerebbe correre di nuovo se la moto fosse adatta a lui. Una gara è anche il test definitivo per noi".

"È più che provato che Dani ha stabilito una comunicazione molto buona con gli ingegneri su come la moto dovrebbe essere sviluppata. Dopo tutto, non stiamo sviluppando una moto per Dani Pedrosa. Il suo lavoro è quello di sviluppare una moto per i giovani piloti. Pensa e analizza il modo in cui corrono. Dani è un incredibile test rider di qualità per noi perché non pensa sempre al suo tempo sul giro", ha detto Pit Beirer, elogiando il lavoro del pilota di lunga data della Honda, che lavora allo sviluppo della RC16 per KTM dal 2019.

"In questo viaggio è successo qualcosa di eccitante. Improvvisamente aveva voglia di correre. Ai miei occhi, questo è già un enorme complimento, sia per la squadra che per la moto. Dani si sente pronto, la moto è competitiva. Una gara è sempre la migliore occasione di confronto per noi".

KTM entra nel weekend senza grandi aspettative per Pedrosa

KTM sta cercando di frenare le aspettative del loro pilota wildcard in modo da non mettere troppa pressione sullo spagnolo. “Quando non si corre da così tanto tempo, non si può pensare di essere subito al top – nota Mike Leitner – ma per il progetto è fantastico perché può analizzare le altre moto in pista durante il fine settimana. Può confrontare i punti di forza, le debolezze, la situazione delle gomme e il flusso. Questo ci aiuterà molto per il lavoro di test”.

"Non vorrà certo dimostrare chi è. Non lo farà al 100%. Neanche questo è l'obiettivo – spiega Mike Leitner, che conosce bene Pedrosa da molti anni – Ha finito la sua carriera. La missione fa parte del programma di test. Cercherà già di fare giri veloci. Questo è chiaro. Ma non rischierà l’osso del collo".

Cosa c'è di diverso nella KTM 2022 di Pedrosa rispetto alla moto attuale

La KTM RC16 di Pedrosa sarà diversa dalle altre quattro KTM. Pedrosa sta usando la wildcard per testare il prototipo per il 2022. Pir Beirer rivela: "Abbiamo alcuni miglioramenti di dettaglio su di esso. Non è una moto completamente diversa, ma è diversa in ogni dettaglio dalla moto attuale. È il pacchetto con cui vogliamo correre il prossimo anno. Al Mugello, abbiamo anticipato molto del suo lavoro. Se questa apertura di stagione fosse andata diversamente, la sua moto sarebbe relativamente diversa dalle attuali moto da corsa”.

"Ma al Mugello, abbiamo stretto così brutalmente e usato molte delle parti che erano previste per la fine della stagione. Ecco perché la differenza non è così grande", rivela Pit Beirer. Mike Leitner aggiunge: "È l'85% della moto usata anche da Miguel Oliveira, Brad Binder, Danilo Petrucci e Iker Lecuona. Sulla moto di Dani abbiamo cambiato alcune piccole cose. C'è un piccolo cambiamento con il telaio. Con gli elementi di sospensione, stiamo provando alcune innovazioni. Sono piccoli dettagli che non risaltano. È importante vedere le differenze su una distanza di gara – descrive Mike Leitner, che aggiunge – Il motore è praticamente identico. Il dispositivo di partenza è nuovo per lui. Non lo usava ai suoi tempi. È l'esperienza che farà sulla griglia di partenza. Lo aiuterà per i test a vedere cosa ha fatto bene e cosa non ha fatto. Non abbiamo assolutamente nessuna aspettativa. Gli abbiamo detto di godersi il fine settimana".

Dani Pedrosa sta già progettando una seconda gara wildcard?

Resta da vedere se lo stint di Pedrosa a Spielberg rimarrà una tantum o se lo spagnolo disputerà più gare in questa stagione. Un jolly a Misano è in arrivo. Beirer riflette: "Si potrebbe vedere di nuovo a Misano. È ancora aperto se correrà lì. Non c'è un calendario di gare per Dani. C'è un programma mensile".

"I risultati del rispettivo mese determinano il mese successivo – spiega il direttore di KTM Motorsport – Se Dani dice a se stesso che non ha più bisogno del rischio della prima curva ed è per questo che non vuole correre a Misano, allora non è affatto un problema per noi. Se dopo Spielberg dice che gli piace tanto e vuole correre anche a Misano, allora siamo contenti anche noi".

"Non bisogna sopravvalutare il fatto che vada in moto o meno. Fa parte del nostro costrutto generale. Dani è molto importante per noi, che corra o no – chiarisce Pit Beirer – Era secondario per noi dove volesse correre una sua gara jolly. Naturalmente è più bello se è a Spielberg e non a Misano. Avremmo corso a Misano se la moto non fosse stata pronta. Ora è pronto e ci siamo".

condivisioni
commenti
Taramasso: "L'anteriore dura è la novità in Stiria rispetto al 2020"
Articolo precedente

Taramasso: "L'anteriore dura è la novità in Stiria rispetto al 2020"

Prossimo Articolo

MotoGP: Ducati pronta all'assalto del Red Bull Ring

MotoGP: Ducati pronta all'assalto del Red Bull Ring
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia Prime

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia

Annata quasi perfetta per Ducati, che conquista ogni corona iridata in MotoGP tranne quella del mondiale piloti. Moto da 9 che, nelle mani di Pecco Bagnaia, si candida come seria pretendente alla corona di Fabio Quartararo per il 2022.

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021