KTM conferma Pedrosa e Kallio come collaudatori MotoGP

Dopo i grandi risultati ottenuti nel 2020, la Casa di Mattighofen ha deciso di puntare sulla stabilità per lo sviluppo della RC16, confermando entrambi i suoi tester in MotoGP anche per la stagione 2021.

KTM conferma Pedrosa e Kallio come collaudatori MotoGP

Squadra vincente, non si cambia. E' un modo di dire che sentiamo spesso, ma che molto spesso viene applicato alla lettera. In un certo senso lo ha seguito anche la KTM che, dopo aver conquistato le sue prime tre vittorie in MotoGP nel 2020, ha deciso di rinnovare i contratti dei suoi collaudatori, Mika Kallio e Dani Pedrosa.

Proprio il 35enne spagnolo, pilota che può vantare ben 31 successi nella classe regina con la Honda, è stato a più riprese indicato come l'uomo della svolta per la Casa di Mattighofen, che quindi non poteva fare altro che tenerselo stretto per portare avanti lo sviluppo della RC16, cresciuta davvero tanto dopo il suo arrivo al termine del 2018.

"La KTM è molto desiderosa di continuare a migliorare e sono felice di proseguire a lavorare con loro, per aiutare i nostri piloti a raggiungere obiettivi più grandi", ha commentato Dani. "Voglio ringraziare Pit Beirer, Stefan Pierer e Red Bull per la fiducia che hanno riposto in me".

Per quanto riguarda Kallio, il discorso è leggermente diverso, perché il finlandese fa parte del progetto KTM fin dai suoi albori ed è stato proprio lui a portare al debutto la RC16 in occasione del Gran Premio della Comunità Valenciana del 2017. Negli anni a seguire poi ha sempre collaborato allo sviluppo, sostituendo anche i piloti in caso di infortunio e disputando diverse wild card.

"E' bello continuare questo progetto. Sono passati già cinque anni con questa squadra e non posso credere che siano volati via così velocemente", ha detto Kallio. "E' stato gratificante vedere lo sviluppo della moto e tutte le fasi che ci hanno portato qui. Soprattutto nel 2020, con le vittorie ed i podi, è stato fantastico".

"E' bello vedere che tutto il duro lavoro e la dedizione hanno dato i loro frutti per tutti coloro che sono coinvolti nel progetto. Ho lavorato con KTM per 11 anni nella mia carriera, praticamente per la metà. E' la mia seconda famiglia e sono orgoglioso e privilegiato a poter continuare a lavorare con questa azienza".

"Penso che i risultati di quest'anno siano una grande motivazione per la squadra ed i piloti a provare a raggiungere un 2021 ancora migliore, quindi non vedo l'ora che arrivi la prossima stagione. Penso che ora abbiamo tutto ciò che serve per lottare al vertice", ha concluso il 38enne.

Soddisfatto anche il direttore di KTM Motorsport, Pit Beirer: "Siamo lieti di poter mantenere la stabilità e tutte le conoscenze del nostro attuale test team. Nel 2020 abbiamo potuto dimostrare quanto bene e quanto velocemente stiamo lavorando dietro le quinte per il nostro programma di MotoGP e sia il contributo di Mika che quello di Dani sono stati importanti per i progressi che abbiamo fatto".

"Sono passati solo quattro anni, ma è motivo di orgoglio ed emozione per l'intera azienda poter fissare nuovi obiettivi e creare nuovi ricordi in MotoGP", ha concluso.

Mika Kallio, Red Bull KTM Tech 3

Mika Kallio, Red Bull KTM Tech 3

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ducati: il Costruttori è un contentino o vera gloria?

Articolo precedente

Ducati: il Costruttori è un contentino o vera gloria?

Prossimo Articolo

Morbidelli: "La M1 ‘A-spec’ non sarà un vantaggio nel 2021"

Morbidelli: "La M1 ‘A-spec’ non sarà un vantaggio nel 2021"
Carica commenti
Marquez ha battuto anche la sua Honda per tornare alla vittoria Prime

Marquez ha battuto anche la sua Honda per tornare alla vittoria

Marc Marquez ha attraversato l'inferno ed è tornato nei 581 giorni trascorsi tra la sua vittoria nella gara conclusiva del 2019 e il ritorno al successo di domenica scorsa al Sachsenring. Nonostante stia ancora lottando con i suoi limiti fisici ed una Honda 2021 difficile da guidare, il Sachsenring ha fornito allo spagnolo la tempesta perfetta per tornare sul gradino più alto del podio.

MotoGP
24 giu 2021
Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi Prime

Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi

Il prossimo passo della carriera di Valentino Rossi in MotoGP dovrebbe avere un'influenza di grande portata su un certo numero di piloti e squadre sulla griglia. Ma probabilmente l'impatto più grande sarà quello sulla Yamaha...

MotoGP
23 giu 2021
Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1 Prime

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1

Il fine settimana tra MotoGP e Formula 1 non è certo stato clemente con Maverick Vinales e la Ferrari. Lo spagnolo è stato, senza mezzi termini, autore del suo fine settimana peggiore da quando veste i colori Yamaha: ultimo al via, ultimo all'arrivo. Non è andata meglio alla Ferrari che, dopo le prime libere al Paul Ricard, si è vista sfilare praticamente da tutto lo schieramento, chiudendo lontana dalla zona punti e trovandosi con un distacco pesante dalla McLaren nel campionato costruttori

Formula 1
22 giu 2021
Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco Prime

Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco

Tanti promossi e tanti bocciati nel Gran Premio di Germania di MotoGP. Le pagelle commentate e stilate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com.

MotoGP
22 giu 2021
MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania Prime

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania

Andiamo a scoprire la griglia di partenza della classe regina del Motomondiale 2021 sul tracciato del Sachsenring.

MotoGP
20 giu 2021
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021