KTM conferma Pedrosa e Kallio come collaudatori MotoGP

Dopo i grandi risultati ottenuti nel 2020, la Casa di Mattighofen ha deciso di puntare sulla stabilità per lo sviluppo della RC16, confermando entrambi i suoi tester in MotoGP anche per la stagione 2021.

KTM conferma Pedrosa e Kallio come collaudatori MotoGP

Squadra vincente, non si cambia. E' un modo di dire che sentiamo spesso, ma che molto spesso viene applicato alla lettera. In un certo senso lo ha seguito anche la KTM che, dopo aver conquistato le sue prime tre vittorie in MotoGP nel 2020, ha deciso di rinnovare i contratti dei suoi collaudatori, Mika Kallio e Dani Pedrosa.

Proprio il 35enne spagnolo, pilota che può vantare ben 31 successi nella classe regina con la Honda, è stato a più riprese indicato come l'uomo della svolta per la Casa di Mattighofen, che quindi non poteva fare altro che tenerselo stretto per portare avanti lo sviluppo della RC16, cresciuta davvero tanto dopo il suo arrivo al termine del 2018.

"La KTM è molto desiderosa di continuare a migliorare e sono felice di proseguire a lavorare con loro, per aiutare i nostri piloti a raggiungere obiettivi più grandi", ha commentato Dani. "Voglio ringraziare Pit Beirer, Stefan Pierer e Red Bull per la fiducia che hanno riposto in me".

Per quanto riguarda Kallio, il discorso è leggermente diverso, perché il finlandese fa parte del progetto KTM fin dai suoi albori ed è stato proprio lui a portare al debutto la RC16 in occasione del Gran Premio della Comunità Valenciana del 2017. Negli anni a seguire poi ha sempre collaborato allo sviluppo, sostituendo anche i piloti in caso di infortunio e disputando diverse wild card.

"E' bello continuare questo progetto. Sono passati già cinque anni con questa squadra e non posso credere che siano volati via così velocemente", ha detto Kallio. "E' stato gratificante vedere lo sviluppo della moto e tutte le fasi che ci hanno portato qui. Soprattutto nel 2020, con le vittorie ed i podi, è stato fantastico".

"E' bello vedere che tutto il duro lavoro e la dedizione hanno dato i loro frutti per tutti coloro che sono coinvolti nel progetto. Ho lavorato con KTM per 11 anni nella mia carriera, praticamente per la metà. E' la mia seconda famiglia e sono orgoglioso e privilegiato a poter continuare a lavorare con questa azienza".

"Penso che i risultati di quest'anno siano una grande motivazione per la squadra ed i piloti a provare a raggiungere un 2021 ancora migliore, quindi non vedo l'ora che arrivi la prossima stagione. Penso che ora abbiamo tutto ciò che serve per lottare al vertice", ha concluso il 38enne.

Soddisfatto anche il direttore di KTM Motorsport, Pit Beirer: "Siamo lieti di poter mantenere la stabilità e tutte le conoscenze del nostro attuale test team. Nel 2020 abbiamo potuto dimostrare quanto bene e quanto velocemente stiamo lavorando dietro le quinte per il nostro programma di MotoGP e sia il contributo di Mika che quello di Dani sono stati importanti per i progressi che abbiamo fatto".

"Sono passati solo quattro anni, ma è motivo di orgoglio ed emozione per l'intera azienda poter fissare nuovi obiettivi e creare nuovi ricordi in MotoGP", ha concluso.

Mika Kallio, Red Bull KTM Tech 3

Mika Kallio, Red Bull KTM Tech 3

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ducati: il Costruttori è un contentino o vera gloria?
Articolo precedente

Ducati: il Costruttori è un contentino o vera gloria?

Prossimo Articolo

Morbidelli: "La M1 ‘A-spec’ non sarà un vantaggio nel 2021"

Morbidelli: "La M1 ‘A-spec’ non sarà un vantaggio nel 2021"
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Suzuki plafonata, Mir ci prova ma non basta Prime

Pagelle MotoGP | Suzuki plafonata, Mir ci prova ma non basta

Suzuki è tra le delusioni di questo 2021. Il team che schierava il campione del mondo 2020, Joan Mir, non è riuscito a confermarsi sugli stessi livelli della stagione iridata. Il maiorchino ci prova in tutti i modi, ma non riesce a vincere un GP e chiude al terzo posto in classifica. Disastro senza mezzi termini per l'altro pilota Suzuki, Alex Rins

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia Prime

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia

Annata quasi perfetta per Ducati, che conquista ogni corona iridata in MotoGP tranne quella del mondiale piloti. Moto da 9 che, nelle mani di Pecco Bagnaia, si candida come seria pretendente alla corona di Fabio Quartararo per il 2022.

MotoGP
2 dic 2021
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021