Joe Roberts spiega i motivi del no all'Aprilia

Il pilota americano sembrava il principale candidato a prendere il posto di Andrea Iannone sulla RS-GP, ma alla fine ha declinato l'offerta della Casa di Noale, preferendo rimanere fedele alla parola data all'Italtrans Racing per dare l'assalto al titolo della Moto2.

Joe Roberts spiega i motivi del no all'Aprilia

L'Aprilia ha annunciato ieri di aver confermato i collaudatori Lorenzo Savadori e Bradley Smith per la stagione 2021 e che, dopo averli valutati attentamente nel corso dei test invernali, deciderà chi sarà dei due ad affiancare Aleix Espargaro come pilota titolare in MotoGP.

E' chiaro però che si tratta di una soluzione di ripiego per la Casa di Noale, rimasta scottata dall'aver atteso Andrea Iannone fino al verdetto del TAS. La casa di Noale credeva all'innocenza del pilota di Vasto e quindi lo ha sostenuto fino alla fine, ma la decisione di inasprire addirittura la sentenza, portando la sua squalifica per doping dai 18 mesi deliberati dalla FIM ad addirittura quattro anni è stata una doccia fredda.

Essendo arrivata solo alla vigilia della seconda gara di Valencia, i tasselli del mercato erano ormai andati praticamente tutti al loro posto. Massimo Rivola, CEO di Aprilia Racing, ha provato quindi ad andare a caccia di un pilota giovane proveniente dalla Moto2 da affiancare al veterano Espargaro, venendosi però solo chiudere in faccia delle porte.

Il primo tentativo era stato fatto con Marco Bezzecchi, che in questa stagione è arrivato a sorpresa a giocarsi il Mondiale all'ultima gara. Il pilota romagnolo però aveva appena rinnovato il suo contratto con lo Sky Racing Team VR46, che l'anno prossimo punta tanto su di lui proprio per concedere il bis al titolo di Pecco Bagnaia e quindi ha posto immediatamente il veto.

Una situazione simile a quella che si è presentata con Fabio Di Giannantonio, anche se la cosa curiosa è che in questo caso a bloccarlo sia stato Fausto Gresini, ovvero il proprietario del team che schiera le Aprilia in MotoGP, che aveva appena fatto firmare un contratto biennale con opzione per la classe regina nel secondo al rider romano.

Leggi anche:

Il problema è che dal 2022 l'Aprilia avrà il proprio Factory Team e quindi non è detto che Gresini continuerà a portare in pista le RS-GP come team satellite e non voleva perdere i diritti su un pilota con cui aveva già fatto ottime cose in Moto3 e sul quale aveva deciso di scommettere nuovamente.

L'ultimo nome emerso era stato quello di Joe Roberts, pilota statunitense che ha mostrato una grande maturazione in questa stagione, conquistando tre pole position ed un podio. Un nome che sicuramente era particolarmente gradito anche alla Dorna, da sempre alla ricerca di un nome in grado di fare breccia anche nel pubblico americano.

Tuttavia, anche Roberts si era da poco legato all'Italtrans Racing che lo aveva scelto come erede del campione del mondo Enea Bastianini. Joe si è sentito lusingato, ci ha meditato, ma alla fine ha deciso di declinare l'offerta di Rivola, preferendo andare all'assalto del titolo della Moto2, come ha spiegato in una breve dichiarazione rilasciata alla Gazzetta dello Sport.

"La chiamata di Aprilia mi ha fatto piacere. So che avrei potuto essere veloce, ma io voglio vincere e credo che questa sia la squadra migliore per riuscirci. Mi piace l'atmosfera, sembrano tutti amici. E io non voglio salire in MotoGP solo per il passaporto, ma perché me lo sono meritato" ha spiegato Roberts, che oggi ha effettuato il suo primo test in sella Kalex della compagine bergamasca.

Joe Roberts, American Racing

Joe Roberts, American Racing

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Quartararo: "So bene cosa dire a Yamaha per migliorare"

Articolo precedente

Quartararo: "So bene cosa dire a Yamaha per migliorare"

Prossimo Articolo

La MotoGP reintroduce le wild card nel 2021

La MotoGP reintroduce le wild card nel 2021
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021