Jarvis: "Valentino verrà ad Aragon solo se sarà certo di poter correre"

Il grande boss della Yamaha spiega che al momento il piano prevede la sua sostituzione e che ci sono quattro candidati: Alex Lowes e van der Mark dalla SBK, oltre ai collaudatori Nakasuga e Nozane (il meno probabile)

Jarvis: "Valentino verrà ad Aragon solo se sarà certo di poter correre"
Podium: Second place Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Lin Jarvis, Yamaha Factory Racing Manag
Valentino Rossi intervistato da Guido Meda
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Lin Jarvis, Managing Director Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Il terzo classificato Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Il terzo classificato Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Lin Jarvis, Yamaha Factory Racing Managing Director

I tifosi sognano che Valentino Rossi possa rendersi protagonista di un recupero lampo dalla frattura di tibia e perone, tornando in sella alla sua M1 tra due settimane ad Aragon. In casa Yamaha però i piani sembrano andare in un'altra direzione per il momento, perché il grande capo Lin Jarvis ha rivelato che l'idea è quella di sostituire il "Dottore".

"Non è pianificato al momento" ha detto quando gli è stato chiesto se è ipotizzabile il rientro di Valentino a Motorland. E poi ha aggiunto: "Abbiamo un piano per sostituirlo perché dobbiamo farlo: il nostro contratto ci obbliga a sostituire un pilota infortunato dopo 10 giorni dalla prima assenza, quindi nomineremo un sostituto di Valentino per Aragon".

La porta rimane aperta, ma Jarvis pensa che sia complicato: "Credo che verrebbe ad Aragon solo se fosse convinto di poter guidare e correre. Guidare solo per il gusto di farlo non gli interessa. Se pensa di poter lottare per le prime 5 o 6 posizioni, penso che ci proverà. Potrà correre? Vedremo, perché i dottori dicono che i tempi di recupero dovrebbero essere più lunghi, ma visto il recupero record che abbiamo sperimentato con Jorge Lorenzo, mai dire mai".

Anche perché la Yamaha non vorrebbe rimandarlo in pista senza un minimo di garanzie sulle sue condizioni: "Però penso che sia leggermente diversa la situazione con Valentino, perché lui ha tanta esperienza. Prima di farlo correre ad Aragon, faremmo un test, probabilmente con una R1. Ma non so se succederà, dipende dalle sue sensazioni, dal dolore e dalla fisioterapia".

Poi è sceso nei dettagli dei nomi dei candidati a salire sulla M1 del pesarese ad Aragon: "Abbiamo almeno quattro candidati che possono sostituirlo, due test rider in Giappone, Nakasuga e Nozane, ed i nostri piloti in Superbike, Alex Lowes e van der Mark. Sarà uno di questi quattro".

Sam Lowes ha detto ai media che non sarà suo fratello Alex a correre in Spagna, ma Jarvis ha preferito non commentare: "Onestamente non ho idea di dove abbia preso questa informazione Sam, quindi non posso commentare. Ribadisco, abbiamo quattro opzioni".

Ed anche Nozane non sembra esattamente il nome in cima alla lista: "Penso che sarebbe dura per Nozane sostituire Valentino ad Aragon. Non penso che abbia mai guidato ad Aragon e sicuramente ha meno esperienza di Nakasuga nel mondo della MotoGP. E' una delle quattro opzioni, ma probabilmente non sarà quello che riceverà la chiamata. Forse per lui sarebbe meglio fare prima una wild card, ora avrebbe troppa pressione".

Anzi, la lista sembra già quasi ridotto a tre candidati: "Sono quattro, ma molto probabilmente tre".

Informazioni aggiuntive di Oriol Puigdemont

condivisioni
commenti
Misano, Libere 3: Marquez si riprende la vetta davanti a Vinales

Articolo precedente

Misano, Libere 3: Marquez si riprende la vetta davanti a Vinales

Prossimo Articolo

Misano, Libere 4: Dovizioso beffa Marquez a tempo scaduto

Misano, Libere 4: Dovizioso beffa Marquez a tempo scaduto
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021