Jarvis: "Rossi ha segnato la rinascita della Yamaha"

Il managing director della Yamaha ha speso parole importanti per il "Dottore" nel giorno dell'annuncio del suo addio alla MotoGP, dopo aver condiviso ben 16 anni di carriera insieme a loro.

Jarvis: "Rossi ha segnato la rinascita della Yamaha"

Questo 5 agosto resterà una data storica per la MotoGP e a maggior ragione per la Yamaha. Dopo 26 anni di carriera, 16 dei quali passati a difendere i colori della Casa di Iwata, Valentino Rossi ha annunciato che appenderà il casco al chiodo al termine della stagione.

Un annuncio che ormai era nell'aria, viste le grosse difficoltà che il "Dottore" stava vivendo in sella alla M1 con i colori Petronas in questo 2021, ma che sicuramente segnerà un ambiente che perderà la sua stella più brillante. A maggior ragione per chi è stato accanto a lui per tanti anni come Lin Jarvis, managing director della Yamaha.

"Anche per noi oggi non è una giornata normale. Naturalmente, Valentino ci aveva comunicato la sua decisione un paio di giorni fa. Abbiamo vissuto quasi 16 anni insieme, perché questo è il 16esimo anno insieme", ha detto il manager britannico ai microfoni di Sky Sport MotoGP HD.

"Fortunatamente, ha fatto questo annuncio oggi e non ha aspettato l'ultima gara, perché potremo godercelo ancora per le prossime 9-10 gare, che saranno una festa. E sono molto contento che ci possa essere anche un po' di pubblico a godersi lo spettacolo", ha aggiunto.

Leggi anche:

Poi ha regalato un'immagine davvero bella del pesarese, dicendo che è stato l'uomo senza il quale la Yamaha non avrebbe potuto costruire i successi che ha conquistato negli ultimi 20 anni.

"E' difficile trovare le parole, quando è arrivato da noi ha segnato la rinascita della Yamaha. Lui è stato il catalizzatore per cambiare il modo di lavoro e ci ha portato dei risultati fantastici".

Quando poi gli è stato domandato se sia più la Yamaha a dover ringraziare Rossi o viceversa, Jarvis ha aggiunto: "Ha vinto quattro Mondiali con noi, quindi dobbiamo ringraziarlo tantissimo. Lui ha segnato la nostra rinascita, quindi è stato importante anche per gli altri piloti che hanno corso con noi".

"Dopo Vale, abbiamo vinto tre titoli anche con Jorge Lorenzo. Sono stati insieme per tanti anni ed abbiamo fatto anche la Tripla Corona con loro due. Non è stato facile gestire la loro rivalità, ma credo che anche Valentino debba ringraziare la Yamaha, perché corso con noi in due momenti diversi della sua carriera e quando è tornato è stata una decisione importante per la sua carriera".

Riguardo al momento più brutto ed al momento più bello vissuti insieme, Lin ha regalato qualche sorpresa: "Per me è stata dura quando ha deciso di andare alla Ducati. Nel 2010 è stato un anno brutto e difficile anche per lui, perché si era pure fratturato una gamba. Invece mi ha fatto molto piacere quando ha vinto di nuovo con la Yamaha ed ha vinto ad Assen dopo due anni difficili con un altro costruttore".

condivisioni
commenti
Valentino Rossi: i piloti di MotoGP omaggiano il "Jordan delle moto"

Articolo precedente

Valentino Rossi: i piloti di MotoGP omaggiano il "Jordan delle moto"

Prossimo Articolo

Uccio: "Volevo che Vale continuasse, ma l'amicizia mi ha fermato"

Uccio: "Volevo che Vale continuasse, ma l'amicizia mi ha fermato"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021