Jarvis: "Non faremo aste per trattenere Lorenzo in Yamaha"

Il managing director della Yamaha risponde a Lorenzo, che vorrebbe rinnovare con la casa di Iwata nel più breve tempo possibile. La Ducati rimane alla finestra in ottica 2017.

Mancano ancora due settimane all'avvio del Motomondiale 2016, ma Jorge Lorenzo ha bene in mente i primi obiettivi della nuova stagione.

Il primo è senza dubbio partire nel migliore dei modi, magari cogliendo subito una vittoria a Losail, il Qatar, alla prim gara del Mondiale, ma il maiorchino ha anche mirediverse dal mero risultato sportivo. Jorge, infatti, punta a rinnovare con Yamaha nel più breve tempo possibile.

Poche settimane fa, il campione del mondo aveva addirittura affermato di cercare il rinnovo in Qatar, alla prima gara della stagione, per poi dilatare le tempistiche sino a metà stagione. Ora però è arrivata la risposta della casa di Iwata, che non vuole giochi al rialzo per il nuovo contratto del maiorchino, dato l'interesse mai celato della Ducati per Jorge.

In questo momento Yamaha sa bene di possedere la moto migliore del lotto, ma Jorge sa altrettanto di avere tanto mercato e l'anagrafe gioca dalla sua parte. Per questo motivo il managing director Yamaha, Lin Jarvis, ha frenato sul rinnovo del contratto di Lorenzo.

"Sappiamo come funziona il mercato e quali sono i prezzi relativi - ha detto a speedweek.com - e siamo pronti a pagare i nostri piloti a prezzo di mercato, ma non ad andare oltre. Non andiamo al rialzo, non accettiamo la guerra delle offerte anche perché siamo nella posizione fortunata di offrire molto ai piloti".

Yamaha può contare ancora sulle prestazioni di Valentino Rossi e sull'interesse mediatico che da sempre il "Dottore" muove attorno a sé, ma il pilota di Tavullia non sarà eterno e Lorenzo potrebbe essere ancora la miglior soluzione per gli anni a venire.

Jarvis, però, continua: "Il nostro pacchetto è molto competitivo e non dobbiamo sperperare troppi soldi. Per la maggior parte dei piloti credo che quella di entrare nel programma Factory della Yamaha sia un'opportunità interessante, soprattutto ora che abbiamo dimostrato il nostro valore".

A Borgo Panigale rimangono in attesa di sviluppi in casa Yamaha. Andrea Dovizioso e Andrea Iannone andranno in scadenza contrattuale proprio a fine stagione. Gigi Dall'Igna e i vertici Ducati non hanno mai nascosto di avere un debole per il campione in carica della MotoGP, dunque potrebbero inserirsi e tentare di strapparlo alla concorrenza per il 2017.

Lorenzo, dal canto suo, potrebbe far leva sull'interesse Ducati per strappare un contratto migliore con Yamaha, ma dovrà stare attento a non tirare troppo la corda.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Jorge Lorenzo
Team Yamaha Factory Racing
Articolo di tipo Ultime notizie