MotoGP
G
GP del Qatar
05 mar
-
08 mar
Prossimo evento tra
44 giorni
G
GP della Thailandia
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
58 giorni
G
GP delle Americhe
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
72 giorni
G
GP d'Argentina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
86 giorni
G
GP di Spagna
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
100 giorni
G
GP di Francia
14 mag
-
17 mag
Prossimo evento tra
114 giorni
G
GP d'Italia
28 mag
-
31 mag
Prossimo evento tra
128 giorni
G
GP della Catalogna
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
135 giorni
G
GP di Germania
18 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
149 giorni
G
GP d'Olanda
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
156 giorni
G
GP di Finlandia
09 lug
-
12 lug
Prossimo evento tra
170 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
198 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
205 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
219 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
233 giorni
G
GP di Aragon
01 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
254 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
268 giorni
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
276 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
282 giorni
G
GP di Valencia
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
296 giorni

Jarvis: "La Yamaha si è persa quando è partito Lorenzo, ma non per quello"

condivisioni
commenti
Jarvis: "La Yamaha si è persa quando è partito Lorenzo, ma non per quello"
Di:
7 ago 2019, 13:32

Lin Jarvis, direttore della Yamaha in MotoGP, ritiene che non sia stata la partenza di Jorge Lorenzo a mettere in difficoltà il marchio, quanto l'aver sminuito l'introduzione dell'elettronica unica.

Per il manager britannico, sebbene sia vero che ci sia stata una coincidenza temporale, l'addio di Lorenzo, che al momento è l'ultimo ad aver vinto il Mondiale per la Casa giapponese (2010, 2012 e 2015), non ha avuto un grande peso nella crisi in cui è caduta la Yamaha negli ultimi anni.

Da quando il maiorchino ha lasciato Iwata per andare alla Ducati nel 2017, la Yamaha ha conquistato appena sei vittorie, un numero molto scarso se si tiene conto nel solo 2016 ha raggiunto lo stesso numero di vittorie proprio con Lorenzo (quattro) e Valentino Rossi (due).

I due successi di Maverick Vinales nelle due gare inaugurali del 2017 (Qatar ed Argentina) è stato il preludio ad uno periodi peggiori della storia della Yamaha, che tra il Gran Premio d'Olanda 2017 (Rossi) e quello d'Australia 2018 (Vinales) è rimasta senza vincere per ben 25 gare.

Per Jarvis, la chiave di questo crollo sta nell'introduzione della centralina unica nel 2016 e successivamente della piattaforma inerziale. O ancora meglio, più che dai quei due cambiamenti, nella valutazione di essi che è stata fatta all'interno del reparto tecnico Yamaha.

Leggi anche:

Il fatto che il crollo della squadra giapponese sia avvenuto subito dopo la partenza di Lorenzo ha portato molti a concludere che la perdita della rotta fosse dovuta principalmente alla sua assenza. Tuttavia, questa è una tesi che Jarvis non condivide affatto.

"Diciamo che abbiamo perso il cammino quando è partito Lorenzo, ma non perché se ne sia andato. Quello che ha creato davvero le nostre difficoltà è stata l'introduzione della centralina unica" ha detto Jarvis a Motorsport.com.

"Il 2016 non è andato male perché gli altri si stavano adattando, ma nel 2017 siamo crollati e non ci siamo ripresi. L'impatto dell'ingresso della ECU, ed in particolare del software unico, è stato maggiore di quello causato dalla partenza di Jorge. Abbiamo sottovalutato l'effetto che avrebbe avuto questo cambiamento ed è questo che ci ha colpiti per davvero" ha detto Jarvis.

Questo lunedì, nel test condotto a Brno, sia Rossi che Vinales hanno provato la prima versione del prototipo con cui dovrebbero correre nel 2020. Secondo le dichiarazioni di entrambi appena scesi dalla moto, c'è ancora molto lavoro da fare, specialmente sul motore e l'elettronica, le aree su cui la Yamaha è più indietro rispetto alla concorrenza.

Prossimo Articolo
Petrucci: “Possiamo giocarci il podio, ma non siamo favoriti”

Articolo precedente

Petrucci: “Possiamo giocarci il podio, ma non siamo favoriti”

Prossimo Articolo

Bradl punge Crutchlow: "Dice molte cose, non è sempre produttivo"

Bradl punge Crutchlow: "Dice molte cose, non è sempre produttivo"
Carica commenti