Dovizioso: "Con Lorenzo la Ducati ha capito le mie verità sulla nostra moto"

64,519 viste

Per la prima volta da quando ha esordito in MotoGP nel 2008, Andrea Dovizioso è diventato un reale contendente al titolo mondiale. Il pilota della Ducati si è raccontato in un'intervista esclusiva per Motorsport.com.

Andrea Dovizioso, Ducati Team, Marc Marquez, Repsol Honda Team

Forse questa è una delle immmagini più rappresentative della stagione 2017 della MotoGP: l'ultima curva del GP d'Austria, con Marquez che ha cercato di passare Dovizioso, ma con il ducatista che è andato a vincere incrociando la traiettoria dello spagnolo.

Photo by: Gold and Goose / LAT Images

i potrebbe stare per ore a parlare con Andrea Dovizioso e per questa ragione i limiti stabili dalla Ducati rappresentano sempre un tempo molto breve. A maggior ragione da quando l'italiano si è trasformato nella più grande sorpresa della MotoGP 2017 con le sue quattro vittorie, il doppio di tutte quelle che aveva ottenuto nei suoi anni precedenti nella categoria.

La sua attuale regolarità, combinata con una grinta inusuale, lo ha portato ad inserirsi nella lotta per il titolo. La tripletta asiatica ormai è dietro l'angolo, perché inizierà il prossimo weekend a Motegi, e Dovi è secondo in classifica, staccato di 16 punti dal leader Marc Marquez.

Potresti spiegare cosa è cambiato dopo il GP degli Stati Uniti, quando avevi invitato la Ducati ad iniziare a pensare al futuro?
"Non ho nemmeno una risposta specifica. Non ci sono elementi per spiegare come abbiamo fatto a diventare competitivi. Abbiamo lavorato molto su una combinazione di cose, inoltre le gomme sono state una chiave, perché abbiamo capito come gestirle anche nei momenti più critici. Questo ha fatto la differenza e ci ha dato una grande motivazione. Un'altra chiave è che abbiamo trovato una buona base per la moto, che funziona bene ovunque e ci aiuta ad avvicinarci ad ogni weekend con un po' di vantaggio. D'altro canto, i nostri avversari non lo hanno fatto. Loro hanno avuto alcuni alti e bassi e questo spiega la nostra presenza nella lotta per il titolo. Siamo migliorati, ma anche gli altri hanno faticato più del solito".

La Ducati è stata molto vicina ad arrendersi?
"Devo confessare che fino a quando non abbiamo vinto al Mugello, non avevamo idea di avere la possibilità di lottare per il campionato. Ma anche se non sei in battaglia per il titolo, provi sempre a vincere ogni gara. In Italia, sicuramente non ero nelle condizioni migliori dal punto di vista psicologico, ma quando le cose vanno bene, devi essere pronto a combattere per la vittoria. E questo è quello che abbiamo fatto. Da lì è andato tutto meglio".

A differenza degli altri, non nascondi il lavoro di preparazione mentale che hai fatto negli ultimi due anni. Perché?
"Perché amo lo sport, le moto e sono un ragazzo normale. Molto chiaro e sincero. Tuttu quelle cose sono legate a nascondere alcuni aspetti come se fossero un grande segreto, ma non mi interessa. Non ho alcun problema ad ammettere di aver lavorato sul lato mentale, perché ho capito che potevo migliorare su quell'aspetto. Qualcuno lo considera un segno di debolezza, ma io non la vedo così".

Danilo Petrucci, Pramac Racing, Marc Marquez, Repsol Honda Team, Andrea Dovizioso, Ducati Team
Nel GP di San Marino, sotto alla pioggia, Dovizioso chiude il gruppetto di testa dietro a Petrucci e Marquez.

Photo by: Miquel Liso

Quasi tutti sanno come guida Marquez, come guida Lorenzo, o come lo fanno Pedrosa e Rossi. Sei sorpreso del gran numero di stili che ti abbiamo visto adottare quest'anno?
"Diciamo che mi ha sorpreso, ma non troppo. Ma è normale, perché non sono mai stato troppo al centro dell'attenzione, non avendo vinto molte gare. Le gare di Dovizioso non erano una cosa da analizzare e passavano inosservate per gran parte della gente. Ora ho vinto quattro gare e sono tutti sorpresi. Ma Dovizioso sta guidando come sempre, con la stessa mentalità e le stesse strategie di prima. La differenza è che ora approccio la vita ed i weekend di gara in maniera migliore. Ora capisco meglio alcuni aspetti, piccoli dettagli che hanno una certa influenza. Se il mio anno è sorprendente è perché la maggior parte delle persone crede che io non sia al livello dei migliori, quando in realtà non sono mai stato così lontano. Ora, con questi cambiamenti, mi sono messo allo stesso livello".

Dunque, essere in lotta per il titolo non ti ha sorpreso...
"Fino a quest'anno non mi vedevo in grado di lottare per questo obiettivo, ma devo confessare che non mi sono mai visto come mi vedeva il resto della gente".

Che cosa è cambiato di più? Tu come pilota o la moto?
"La moto non è cambiata, io l'ho fatto. Soprattutto quando si tratta di programmare e pianificare. Questi piccoli dettagli hanno un impatto enorme quando si lotta con un margine così piccolo".

Sei soddisfatto della tua valutazione all'interno della Ducati?
"Sono molto felice perché quest'anno è aumentata. L'arrivo di Jorge ha confermato alcuni aspetti di cui ho sempre parlato, ma molte persone all'interno della squadra non vedevano chiaramente. Il suo arrivo ha fatto capire a tutti quale sia la realtà della moto. E questo, ovviamente, ha aumentato il mio valore come pilota. Ora è reale".

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team

Photo by: Gold and Goose / LAT Images

Lo farai presente quando arriverà il momento di parlare del tuo rinnovo?
"Inizieremo a discuterne all'inizio della prossima stagione, quindi dovremo vedere in quali condizioni saremo a quel punto. Quello che è certo è che la trattativa con la Ducati sarà diversa rispetto all'anno scorso".

Sei a tuo agio a non essere al centro dell'attenzione?
"In un certo senso, mi toglie un po' di pressione. All'inizio dell'anno tutti gli occhi erano su Jorge Lorenzo e, per il mio carattere, questo è buono. Per altri piloti avrebbe potuto essere uno svantaggio, ma non è stato il mio caso. Invece che dare importanza alle attenzioni rivolte a Lorenzo, mi sono concentrato sul mio lavoro e l'ho fatto, cercando di analizzare gli aspetti su cui posso migliorare".

Hai immaginato che le cose potessero andare così?
"Si, l'ho fatto. Durante l'inverno ho cambiato la mia preparazione fisica e anche mentalmente sono arrivato più pronto che mai. I test invernali sono andati bene e alla prima gara ho ottenuto un bel risultato (secondo in Qatar). Lì ho cominciato a pensarci, ma non ero ancora sicuro di poter lottare per il titolo, anche se ro più pronto rispetto agli anni precedenti.

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/13

Podium: Andrea Dovizioso, Ducati Team

Podium: Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/13

Curva de entrada a meta en Austria con victoria final para Dovi sobre Marc

Curva de entrada a meta en Austria con victoria final para Dovi sobre Marc
3/13

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/13

Ganador de la pole Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing, segundo Andrea Dovizioso, Ducati Team, tercero Marc Márquez, Repsol Honda Team

Ganador de la pole Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing, segundo Andrea Dovizioso, Ducati Team, tercero Marc Márquez, Repsol Honda Team
5/13

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/13

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/13

Podio: tercero clasificado, Andrea Dovizioso, Ducati Team

Podio: tercero clasificado, Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/13

Danilo Petrucci, Pramac Racing, Marc Marquez, Repsol Honda Team, Andrea Dovizioso, Ducati Team

Danilo Petrucci, Pramac Racing, Marc Marquez, Repsol Honda Team, Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/13

Photo by: Miquel Liso

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Andrea Dovizioso, Ducati Team

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/13

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/13

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/13

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
13/13

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Andrea Dovizioso
Team Ducati Team
Articolo di tipo Intervista
Tag , andrea dovizioso, dovizioso, ducati, entrevista, italia, jorge lorenzo, motogp