Iannone: "Senza la lotta con Dovizioso avrei potuto provarci"

Un problema con la frizione in partenza lo aveva fatto precipitare fuori dalla top ten, ma poi il ducatista ha rimontato fino al terzo posto. Sotto sotto però pensa che avrebbe anche potuto fare di più senza la battaglia con il compagno.

La gara di casa della Ducati ha visto Andrea Iannone concludere sul terzo gradino del podio davanti ad un pubblico che l'ha acclamato come un eroe.

Il ducatista ha colto un podio che ha ripagato l'amarezza per una partenza da dimenticare. Iannone, infatti, è scattato male dalla terza posizione a seguito dello slittamento della frizione ed è retrocesso subito fuori dalla top ten, ma è stato protagonista di una rimonta coriacea che l'ha ripagato della delusione iniziale.

"Sono certamente deluso dalla partenza. Dopo il primo giro ero in dodicesima posizione ed è stato diffcile recuperare il distacco da Dovizioso e Pedrosa. Ho cercato di rimontare passo dopo passo e sono molto soddisfatto per aver mostrato un ottimo passo gara".

"Il ritmo che avevo oggi ci ha consentito di lottare per il podio e di portalo a casa. E' stato incredibile riuscire a fare terzo davanti a questo pubblico, le persone qui sono sempre speciali. Non è stato comunque semplice".

Iannone ha voluto ringraziare il caloroso pubblico del Mugello che l'ha osannato a fine gara, promettendo di voler rivivere queste emozioni anche nei prossimi anni.

"Mi fa piacere che gli italiani mi vogliano bene e mi applaudano. Sono emozionato, sentire gridare tutto il Mugello il mio nome è qualcosa di incredibile. Spero che nei prossimi anni possa ripagarli con risultati importanti. E' quello che voglio, e desidero continuare a migliorarmi".

"Oggi avevamo una ottima possibilità di lottare per la vittoria e questo per me è molto importante. Ci proveremo nelle prossime occasioni".

Proprio il problema con la frizione è stato al centro dell'analisi a fine gara di Iannone. Un handicap che ha già colpito la Ducati in passato.

"Non ho avuto un buon feeling con la frizione nelle scorse gare ed abbiamo cercato di risolvere questo problema. Il mio team ha lavorato molto, cambiando anche il setting della frizione. Nel corso del weekend ho provato spesso la partenza ed è andata bene, ma in gara non è andata come volevo".

Iannone ha poi fatto il punto della situazione circa la lotta che l'ha visto impegnato con il compagno di team Dovizioso, lanciando qualche frecciatina al forlivese reo di avergli fatto perdere tempo prezioso ad averlo così privato di lottare per la vittoria.

"Ho accumulato gap in partenza ma ho recuperato presto. Quando ho battagliato con Dovizioso ho perso secondi importanti, e non è stata una cosa positiva. Lui era incazzato ed ha cercato di difendere il suo podio. Ha provato a superarmi nuovamente anche se era più lento di me. Io sicuramente se non avessi perso quel tempo avrei spinto per chiudere il distacco da Jorge e Marc e non era impossibile".

"Ovviamente sarei arrivato sfinito e non so se sarei stato in grado di tentare un attacco, ma non avrei di certo mollato".

Iannone, infine, ha parlato del feeling ricevuto oggi dalle Michelin, affermando di essersi trovato a suo agio con gomme usate e lodando i progressi del costruttore francese. 

"Con le gomme usate il mio feeling con la moto è stato buono. Sono soddisfatto perchè nel corso del weekend ho sempre avuto buone sensazioni, specie con la gomma posteriore. La moto scivolava leggermente ad inizio curva e questo è stato positivo per me perchè ho spinto meno e ho guidato in modo più pulito ottenendo tempi migliori. In alcune gare, ad esempio Le Mans, abbiamo avuto problemi con il feeling all'anteriore, mentre in questo circuito gli pneumatici si sono comportati molto bene, merito anche della Michelin che sta migliorando il prodotto ad ogni gara".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP d'Italia
Sub-evento Domenica, post-gara
Circuito Mugello
Piloti Andrea Iannone
Team Ducati Team
Articolo di tipo Intervista