Iannone: "Per l'Aprilia sono un pilota importante, mi ha accolto con entusiasmo"

Avendo completato solamente 15 giri a causa del maltempo e della ricerca della giusta posizione di guida sulla RS-GP, il pilota di Vasto ha sottolineato soprattutto l'aspetto emotivo del debutto con la Casa di Noale nei test di Valencia.

Iannone: "Per l'Aprilia sono un pilota importante, mi ha accolto con entusiasmo"
Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
Le moto di Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

La prima presa di contatto tra Andrea Iannone e l'Aprilia ha avuto soprattutto un forte impatto dal punto di vista emotivo. La pista umida in mattinata e la pioggia arrivata nel pomeriggio hanno impedito al pilota di Vasto di darsi troppo da fare in sella alla RS-GP. Tuttavia, "The Maniac" è rimasto davvero colpito dall'entusiasmo con cui è stato accolto da tutti gli uomini della Casa di Noale.

"E' stato molto bello. Ho trovato molte persone che mi aspettavano con molto entusiasmo. Questo calore e questo entusiasmo li avverto molto ed è una cosa che mi fa molto piacere. Mi rendo conto che per l'Aprilia e per tutti gli uomini che sono nel box sono un pilota importante e questa secondo me è una buonissima base per iniziare un lavoro futuro importante. E' quello di cui avevo bisogno e sono molto soddisfatto sotto questo aspetto" ha detto Iannone.

Leggi anche:

Per trovare la posizione di guida giusta in sella alla RS-GP c'è voluto un po' più del dovuto, quindi Andrea si è dovuto accontentare di un assaggio di appena 15 giri, nel quale non è riuscito chiaramente a trovare troppe indicazioni dal punto di vista tecnico.

"E' un'Aprilia. E' una moto come le altre. Ha un motore, un telaio, una carena e tutto si comanda con un acceleratore, quindi sono contento di questo (ride). In ogni caso abbiamo girato molto poco, perché il tempo non ci ha aiutato. In più per trovare la giusta posizione in sella abbiamo speso un po' di tempo. Però tutto sommato sono abbastanza contento" ha detto.

"La prima impressione non è stata male, però abbiamo fatto 12 giri o poco più, quindi è difficile da dire. Per poter dare un giudizio più approfondito, bisogna avere più feeling e poter spingere un po' più al limite. In questo primo giorno non abbiamo avuto il tempo per farlo e non siamo arrivati ancora a questo livello" ha aggiunto.

Quando poi gli è stato chiesto se c'è almeno una caratteristica della RS-GP che per il momento gli è sembrata interessante, ha citato l'agilità: "E' difficile da dire, perché come dicevo non ho spinto e quello lo capisci solo quando riesci ad arrivare un po' al limite della prestazione e noi siamo ancora un po' lontani da quello. Sulla moto mi sento bene e la cosa che mi è saltata all'occhio è che è una moto abbastanza agile. Più di questo non sono ancora riuscito a capire".

condivisioni
commenti
Marquez: "La moto nuova è già al livello della vecchia ed è un buon segnale"

Articolo precedente

Marquez: "La moto nuova è già al livello della vecchia ed è un buon segnale"

Prossimo Articolo

Mir, buona la prima con la Suzuki: "Non vedo l'ora di incontrare in pista Valentino!"

Mir, buona la prima con la Suzuki: "Non vedo l'ora di incontrare in pista Valentino!"
Carica commenti
MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.